Perché la felicità ci spaventa?

L’avversione alla felicità esiste nelle diverse culture, specialmente in quelle che attribuiscono armonia e conformità all’individualismo, suggerisce una ricerca recente. I risultati sfidano l’assunto occidentale che tutti aspirino a una vita di gioia incrollabile.

“In realtà, alcune persone non vogliono essere felici, soprattutto non molto felici”, ha detto Dan Weijers, borsista post-dottorato in filosofia presso la Victoria University di Wellington in Nuova Zelanda. Weijers è coautore di una panoramica della ricerca contro la felicità con il ricercatore Mohsen Joshanloo della Victoria University di Wellington.

I ricercatori scoprono che le ragioni per evitare la felicità sono varie: alcune persone temono che troppa felicità provochi tristezza, mentre altri vedono la felicità come un’emozione superficiale e debole.

Classifica della Felicità

La felicità è un tema scottante sia per gli scienziati sociali che per i responsabili politici. Seguendo la guida della piccola nazione del Bhutan, il cui governo tiene traccia della felicità nazionale delle città lorde, alcune organizzazioni e agenzie stanno facendo della felicità dei cittadini una priorità, simile alle classifiche di avanzamento come il prodotto interno lordo. Allo stesso modo, gli stati fortunati dei paesi sono una dozzina. Dal 2012, le Nazioni Unite hanno iniziato questo gioco con una classifica scientifica della felicità tra i paesi. Nel 2012 e nel 2013, la Danimarca è stata la più felice. Gli Stati Uniti sono stati il ​​17° paese più felice nel 2013. 

Questi sforzi oscurano le differenze culturali nella felicità, ha affermato Weijers a WordsSideKick.com. Il confronto della felicità tra le culture nasce dal problema di come persone diverse definiscono l’emozione. 

“Negli Stati Uniti, tali misure possono essere contestate perché inefficaci o contro le libertà individuali”, ha scritto Weijers in una e-mail a Live Science“Ma in altre culture, tali sforzi sarebbero visti anche come intrinsecamente corruttivi, poiché mirano ad avere l’effetto negativo di rendere le persone gioiose”.

Evitare la gioia

Joshanloo e colleghi hanno studiato la paura della felicità in 14 paesi e hanno pubblicato il loro lavoro online nell’ottobre 2013 nel Journal of Cross-Cultural Psychology. Hanno trovato una certa paura della felicità in tutti i paesi, ma l’avversione era più forte nelle culture dell’Asia orientale e in altre culture “collettiviste”, che apprezzano il gruppo rispetto all’individuo. Ad esempio, India, Pakistan, Hong Kong e Giappone hanno ottenuto punteggi alti nelle misurazioni della paura della felicità.

Al contrario, le culture meno conformiste studiate avevano meno probabilità di rifuggire dalla felicità. I ricercatori hanno scoperto che i neozelandesi non avevano molta paura della felicità, e i brasiliani lo erano ancora meno.

“Gli Stati Uniti e il Canada non sono stati inclusi nello studio, ma data la cultura individualista di questi paesi, sembra probabile che i nordamericani non abbiano molta paura della felicità”, ha affermato Weijers

Perché avere paura della felicità? Alcune culture vedono la felicità come una perdita di controllo: divertente, ma distruttiva, come essere ubriachi, ha detto Weijers. Altri credono che i massimi estremi dovrebbero essere seguiti da minimi estremi, come rivelato dai proverbi di molti paesi. In Iran, la gente dice che “la risata risveglia ad alta voce la tristezza”. In Cina, una persona allegra può essere avvertita: “L’estrema felicità genera tragedia”. Nei paesi di lingua inglese, potresti sentire “Ciò che sale deve scendere”.

Le culture islamiche apprezzano la tristezza per la felicità, ha detto Weijers, perché le persone tristi sono considerate serie e legate a Dio. Gli artisti possono temere che alleviare il loro tormento emotivo distruggerà la loro creatività (e in effetti, la creatività è scientificamente collegata alla malattia mentale). Gli attivisti possono vedere la felicità come compiacimento e cercare invece di suscitare rabbia.

E a volte, sostiene Weijers, non è la sensazione di felicità, ma l’espressione che sembra inquietante. Se due amici partecipano a una competizione e uno vince, il vincitore può sopprimere la sua gioia per far sentire meglio il perdente.

Fortuna di base?

I risultati mettono in dubbio l’idea che la felicità sia l’obiettivo finale, una convinzione echeggiata in numerosi articoli e pubblicazioni di auto-aiuto sul fatto che determinate scelte possano renderti felice.

La ricerca evidenzia anche la definizione variabile di ‘felicità’. Le culture potrebbero non essere d’accordo su cosa sia la vera felicità. In uno studio del 2013 pubblicato sulla rivista Personality and Social Bulletin, gli scienziati hanno esaminato le definizioni del dizionario di felicità nel tempo e nelle nazioni. I ricercatori hanno anche analizzato gli indirizzi sullo stato dell’Unione dei presidenti degli Stati Uniti e hanno setacciato il visualizzatore Ngram di Google, che può analizzare le parole nei libri di Google nel tempo, per le menzioni della felicità.

I ricercatori dello studio hanno scoperto che la maggior parte delle nazioni in passato descriveva la felicità come un fattore di fortuna e circostanze felici. L’inglese americano moderno, tuttavia, enfatizza la felicità come uno stato mentale interno, un po’ più innato in una persona e nel suo carattere che nel mondo esterno. Per rafforzare le prove di questo cambiamento, i ricercatori hanno scoperto che le menzioni di una “nazione felice” sono diminuite nel tempo nei libri in lingua inglese, mentre la frase “persona felice” è aumentata costantemente.

I ricercatori hanno anche scoperto che il passaggio dalla felicità esterna a quella interna è avvenuto negli Stati Uniti intorno al 1920. Per un certo periodo, questo è stato spesso considerato l’alba della modernità. Diversi altri paesi hanno anche raccolto l’uso di “felicità come interno”.

Come per il lavoro di Weijers e Joshanloo, questo studio ha le sue implicazioni per classificare la felicità del mondo.

“Tedeschi, russi, giapponesi, norvegesi e molti altri potrebbero pensare alla fortuna che hanno avuto nel rispondere tardi a domande sulla felicità”, hanno avvertito i ricercatori. “Mentre americani, spagnoli, argentini, ecuadoriani, indiani e keniani non lo sono”.

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Offerte Amazon: piastre per capelli super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Articoli correlati

Popular Categories