Scoperto perché i dinosauri si estinsero dopo l’impatto dell’asteroide

È ampiamente accettato che circa 66 milioni di anni fa, una roccia spaziale più grande del Monte Everest si schiantò su quella che oggi è la costa del Messico, innescando una cascata di catastrofi che alla fine uccise tre quarti della vita sulla Terra, provocando soprattutto l’estinzione dei dinosauri non aviari.

Ma i dettagli di come ciò sia potuto accadere sono ancora oggetto di dibattito.
Ora, gli scienziati hanno aperto una “scatola nera” geologica che suggerisce che l’ impatto dell’asteroide ha espulso in atmosfera una enorme quantità di polveri sottili che hanno bloccato la luce solare, raffreddato la Terra, interrotto la fotosintesi e distrutto la catena alimentare.

mexico map 642

La posizione del cratere Chicxulub dove l’asteroide ha colpito la Terra. ( Google Maps/ScienceAlert )

Originariamente proposto come meccanismo nel 1980 dai geologi che scoprirono i primi segni del potente impatto, l’ipotesi fu scartata all’inizio degli anni 2000 perché i campioni di roccia di quest’epoca non contenevano abbastanza polvere fine da provocare un inverno globale.

Tuttavia, la maggior parte degli studi precedenti si basavano su strati di sedimenti spessi un centimetro risalenti al periodo Cretaceo-Paleogene. Il nuovo studio, invece, ha analizzato 40 campioni di sedimenti prelevati da un deposito molto più ricco, profondo 1,3 metri a Tanis, nel Nord Dakota. Questo sito si trova a 3.000 chilometri a nord del cratere dell’asteroide Chicxulub, ma fornisce un’istantanea unica di come polvere, fuliggine e particelle sottili si si sono diffusi negli anni successivi all’impatto.

paper diagram 1
I depositi geologici a Tanis, nel Nord Dakota, del periodo Cretaceo-Paleogene sono ricchi di polvere fine di silicato (mostrata come la linea arancione in grassetto.) ( Senel et al./Nature Geoscience/2023 )

Le particelle più grandi diffondono la luce ad angoli più piccoli rispetto alle particelle più fini, quindi utilizzando un laser, i ricercatori sono stati in grado di determinare quanta parte di ciascun campione era composta da polvere fine di silicato nell’intervallo da 0,8 a 8 micrometri.

“[Abbiamo trovato] una quantità di polveri sottili maggiore di quanto precedentemente stimato”, hanno scritto i ricercatori.

Utilizzando la modellazione computerizzata, i ricercatori hanno scoperto che questa polvere sottile – creata quando l’asteroide colpì la Terra e polverizzò la roccia sottostante – fu “la più letale” delle particelle rilasciate quando l’asteroide largo 10-15 chilometri entrò in collisione con la Terra.

Secondo i ricercatori, gli alti livelli di polvere proiettati nell’atmosfera crearono un’oscurità globale durata quasi due anni, che rese impossibile la fotosintesi delle piante. Senza le piante, l’intera catena alimentare crollò poiché i principali predatori, come il Tyrannosaurus rex, cacciavano prede che dipendevano dalle piante come parte della loro dieta.

Questa polvere potrebbe essere rimasta sospesa nell’aria per un massimo di 15 anni, causando un calo di 15°C della temperatura globale e inducendo uno “spegnimento fotosintetico per quasi due anni dopo l’impatto bloccando la luce solare“, hanno scritto i ricercatori.
paper diagram 2
Quando l’asteroide Chicxulub colpì la Terra, creò pennacchi di polvere, zolfo e scatenò incendi che generarono fuliggine. ( Senel et al./Nature Geoscience/2023 )

Lo shock della collisione avrebbe inoltre vaporizzato la roccia e prodotto gas contenenti zolfo che si condensarono in piccole particelle nell’alta atmosfera. Inoltre, l’intenso calore prodotto dall’impatto dell’asteroide avrebbe scatenato incendi su larga scala, inviando grandi quantità di fuliggine e cenere nel cielo.

Tuttavia, secondo i risultati dei ricercatori, sono stati i silicati fini e non materiali come le particelle di zolfo i principali responsabili del prolungato inverno planetario.

Abbiamo scoperto che l’oscurità globale e la prolungata perdita dell’attività fotosintetica del pianeta si verificano solo nello scenario della polvere di silicato, fino a quasi 1,7 anni (620 giorni) dopo l’impatto“, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo. “Ciò costituisce un lasso di tempo sufficientemente lungo da porre gravi sfide sia per gli habitat terrestri che per quelli marini”.

Quegli animali e piante che non si erano adattati o non potevano adattarsi a vivere al buio e al freddo incontrarono la loro fine. La flora e la fauna con diete, habitat e stili di vita flessibili ebbero maggiori possibilità di sopravvivenza. L’impatto dell’asteroide Chicxulub scatenò, inoltre, un mega-tsunami alto 1,5 chilometri che colpì tutti i continenti della Terra e innescò un’attività sismica 50.000 volte più potente del terremoto di Sumatra del 2004.
Questo articolo è stato pubblicato su Nature Geoscience.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Articoli correlati

Popular Categories