Parkinson: cani addestrati lo fiutano con una precisione del 90%

Un nuovo studio ha dimostrato che cani domestici sono in grado di riconoscere il morbo di Parkinson con una precisione pari al 90%

0
104
Il Guinness World Records incerto sul record di anzianità di alcuni cani
Il Guinness World Records incerto sul record di anzianità di alcuni cani

Un nuovo studio sul Parkinson riporta un progetto durato anni che ha visto normali cani domestici addestrati per diventare segugi da rilevamento medico, in grado di fiutare l’odore caratteristico del morbo.

Il Guinness World Records incerto sul record di anzianità di alcuni cani, Parkinson

Non esiste una “razza ideale” per addestrare i cani a riconoscere la malattia di Parkinson

Lo studio, che è stato pubblicato come prestampa e non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, ha coinvolto 23 ragazzi e ragazze molto bravi di varie razze, età e background. Culmine di un programma durato sette anni, comprendeva un totale di 200 sessioni con i cani tra il 2021 e il 2022.

Ci vogliono circa 6-8 mesi di addestramento con i cani che frequentano 3-4 giorni alla settimana“, ha dichiarato Lisa Holt, addestratrice certificata e fondatrice dell’organizzazione PADs for Parkinson.

Loy-002: arriva la pillola anti età per cani, Parkinson



I cani sono addestrati a distinguere la differenza tra campioni di sebo PD-positivi e campioni di sebo PD-negativi. Questi campioni sono stati raccolti da individui con e senza malattia di Parkinson, utilizzando magliette che campionano il sonno dei donatori durante la notte, o tamponi di cotone raccolti dalla parte superiore della schiena e dalla parte inferiore del collo”.

Sappiamo da precedenti ricerche sui cani, e dalle osservazioni di una donna di nome Joy Milne, nata con un senso dell’olfatto estremamente sviluppato, che è possibile distinguere tra composti volatili nel sebo di individui con e senza Parkinson, anche prima eventuali sintomi diventano evidenti.

Oltre alla malattia di Parkinson, i cani possono riconoscere una moltitudine di condizioni

L’organizzazione benefica Medical Detection Dogs con sede nel Regno Unito lavora in questo settore da oltre 15 anni, addestrando i cani a lavorare con persone affette da una moltitudine di condizioni oltre la malattia di Parkinson, oltre a condurre ricerche sulle potenziali capacità dei cani di rilevare una serie di malattie infettive e croniche.

Con tutto questo alle spalle, il team di PADs for Parkinson’s ha deciso di testare il proprio regime di allenamento con un gruppo molto diversificato di cani. Come ha spiegato Holt, non esiste una razza “ideale” per questo tipo di lavoro.

Parkinson

Abbiamo avuto un mastino inglese (brachicefalo) che si è comportato abbastanza bene e un basset hound (segugio) che è stato addestrato. Dipende davvero dal desiderio del singolo cane di continuare a lavorare per risolvere il puzzle degli odori. Questi sono cani a cui piace annusare e possono lavorare in modo indipendente”.

Durante il periodo di addestramento i cani hanno ricevuto un totale di 320-340 esposizioni ai campioni di sebo Parkinson-positivi. A poco a poco, hanno lavorato con il loro addestratore per cementare il loro segnale di allarme, come un colpetto con la zampa o un abbaio, che ogni cane poteva scegliere da solo. Alla fine, hanno iniziato a essere addestrati ad avvisare su campioni che non avevano mai incontrato prima.

Progetti per il futuro: addestrare i cani a fiutare la malattia di Parkinson ad esordio precoce

Per questa prima esposizione, i 23 cani avevano complessivamente una sensibilità media dell’86% e una specificità dell’89%”. Dieci cani sono stati in grado di raggiungere individualmente sensibilità e specificità superiori al 90%. Lo studio è stato anche in grado di affrontare una questione aperta nell’ambito del rilevamento olfattivo della malattia di Parkinson, vale a dire che il trattamento con levodopa non ha influenzato i risultati.

Holt prevede un futuro in cui i cani potrebbero essere utilizzati per esaminare campioni di persone con malattia di Parkinson a esordio precoce, identificando coloro che potrebbero aver bisogno di ulteriori test e potenzialmente dando loro un accesso anticipato al trattamento, che potrebbe avere un grande impatto sulla progressione della loro malattia.

Ecco come i cani potrebbero lavorare in tandem con la medicina, ma prima avremmo bisogno di un aiuto per l’addestramento ampiamente disponibile e anche di un metodo per confermare l’indicazione del cane”, ha aggiunto Holt.

Dal Basenji nuovi indizi sull'evoluzione del migliore amico dell'uomo, il cane, Parkinson

Lo studio fornisce buone prove del potenziale dell’addestramento dei cani domestici per rilevare la malattia di Parkinson, ma come ha sottolineato Holt, “ci sono molte incognite”. Non è chiaro esattamente quali composti olfattivi vengano rilevati, se cani diversi possano rilevare diverse combinazioni di composti o se la malattia possa presentarsi con un diverso cocktail di composti in persone diverse o in fasi diverse.

Ulteriori ricerche potrebbero aiutare a rispondere ad alcune di queste domande, ma è giusto dire che finora i cani si sono dimostrati all’altezza del compito: “Il loro senso dell’olfatto è da 10.000 a 100.000 volte più sensibile di quello di un essere umano. Possono inspirare ed espirare allo stesso tempo. Possono usare la narice sinistra e destra in modo diverso in modo da sentire l’odore in stereo“, ha concluso Holt.

2