È possibile invecchiare senza ammalarsi?

Se invecchiare è un processo naturale al quale tutti noi andiamo incontro, è possibile invecchiare abbattendo significativamente gli anni vissuti convivendo con diverse malattie? Molti studi scientifici hanno cercato di dare una risposta

0
211
Invecchiamento

Invecchiare è inevitabile, è un processo vitale che ognuno di noi deve affrontare, ma è possibile invecchiare senza malattie debilitanti o gravi, senza nessun problema cardiaco, nessun diabete, nessun problema di pressione sanguigna?

Invecchiamento: HKDC1 mantiene le cellule giovani, invecchiare

Invecchiare rimanendo sani: è realmente possibile?

Scott Broadbent, chimico in pensione di 70 anni che lavorava per aziende farmaceutiche, sta partecipando ad un trial sperimentale presso il Buck Institute for Research on Aging per valutare la sicurezza e gli effetti collaterali di un integratore che contiene estere chetonico che aiuta l’organismo a bruciare i grassi invece dei carboidrati.

Alcuni scienziati pensano che ci sia un modo migliore per invecchiare. Questi ricercatori, parte di un campo in espansione chiamato geroscienza, non cercano l’immortalità. L’attenzione è molto più pragmatica: affrontando le cause profonde dell’invecchiamento, sperano di evitare la disabilità e le malattie che possono rendere la vecchiaia così infelice, per riuscire ad invecchiare senza essere colpiti da patologie debilitanti.

Vogliono aiutare le persone ad invecchiare sentendosi in salute più a lungo, riducendo significativamente gli anni di malattia che spesso accompagnano la vecchiaia: “Vogliamo sviluppare un farmaco che sia sufficientemente sicuro da poter essere assunto da una persona di mezza età quasi come un integratore, come una vitamina quotidiana, ma con effetti biologici molto più profondi“, ha dichiarato James Peyer, CEO di Cambrian Bio a New York City.



Basta non chiamare questi potenziali farmaci terapie antietà: “Questo termine è associato a un’industria che cerca di vendere prodotti al pubblico per far spendere soldi“, ha dichiarato S. Jay Olshansky, demografo e geroscienziato dell’Università dell’Illinois a Chicago.

Il mercato antietà comprende di tutto, dalle creme per il viso pensate per eliminare le rughe alle pillole che promettono di riportare indietro il tempo: “È falso“, ha asserito Olshansky.

Invecchiamento

I geroscienziati stanno invece svolgendo ricerche più serie presso rispettati istituti di ricerca per trovare farmaci che possano rallentare il processo di decadimento e permettano di invecchiare bene. Molti dei composti oggetto di studio si sono dimostrati promettenti nei topi e persino negli esseri umani, e alcuni sono in fase di sperimentazione clinica.

Invecchiare godendo di una migliore salute in età avanzata non riguarda solo i benefici individuali. Entro il 2030, 73 milioni di baby boomer negli Stati Uniti avranno 65 anni o più. Entro lo stesso anno, secondo le previsioni degli esperti, a livello globale ci saranno un miliardo di persone di età pari o superiore a 65 anni. E sebbene le persone vivano più a lungo, non necessariamente vivono più sane rispetto alle generazioni precedenti.

C’è questa paura di quali conseguenze questo potrebbe avere sul nostro sistema sanitario“, ha spiegato Laura Niedernhofer, genetista e ricercatrice che studia l’invecchiamento presso l’Università del Minnesota a Minneapolis.

E va ben oltre la semplice assistenza sanitaria. Non abbiamo le case di cura. Non abbiamo il personale addetto all’assistenza per affrontare questa situazione”. I farmaci che aiutano a mantenere gli anziani sani e ad invecchiare bene, attivi e indipendenti rappresenterebbero un vantaggio per la società.

Resta da vedere tuttavia se lo sviluppo di farmaci che permettano di invecchiare senza malattie invalidanti sia possibile. Portare i farmaci sul mercato significa garantire maggiori finanziamenti, superare gli ostacoli legati alla progettazione dello studio e combattere una pubblicità quasi costante.

L’avvento della medicina moderna e della sanità pubblica ha più che raddoppiato la durata media della vita umana, dai circa 30 anni degli inizi del 1800 agli oltre 70 di oggi: “Questa è forse una delle cose più grandi che siano successe al genere umano”, ha affermato Jamie Justice, geroscienziata che dirige il settore della salute presso la Fondazione XPRIZE, che organizza concorsi per stimolare gli sviluppi tecnologici: “Siamo più longevi di quanto lo fossimo in passato, grazie a dove ci hanno portato la salute pubblica e la medicina moderna”.

C’è uno svantaggio, ovviamente: viviamo abbastanza a lungo per vedere la fragilità e la malattia che accompagnano l’invecchiare. Le cellule smettono di dividersi, il DNA si degrada, il sistema immunitario vacilla.

Diventiamo sempre più vulnerabili alle malattie. Molti di noi trascorrono gli ultimi decenni afflitti da malattie mediche:fratture, debolezza, demenza, cancro, malattie cardiache e altro ancora.

Invecchiare

Per decenni gli scienziati hanno ritenuto che il graduale declino che riguarda l’invecchiare fosse inevitabile. Ma gli esperimenti condotti negli anni ’80 e ’90 hanno dimostrato che il processo potrebbe non essere così ineluttabile.

In un importante esperimento, Cynthia Kenyon, biologa molecolare dell’Università della California a San Francisco, insieme ad un team di colleghi, ha scoperto che le mutazioni in un singolo gene nel nematode C. elegans potrebbero raddoppiare la sua durata di vita. I vermi mutanti si muovevano come se fossero molto più giovani e vivevano anche più a lungo.

Per i ricercatori interessati alla salute umana, questo e risultati simili di altri team hanno portato a una profonda consapevolezza: forse invecchiare è un processo che si può “addomesticare“. Se così fosse, gli scienziati potrebbero essere in grado di sviluppare terapie per attaccare la radice dell’invecchiamento piuttosto che combattere il susseguirsi di malattie.

Verso la fine degli anni 2000, “l’intera prospettiva della comunità scientifica è cambiata”, ha specificato Felipe Sierra, responsabile del programma presso il National Institute on Aging di Bethesda, nel Maryland. La biologia dell’invecchiamento è passata da una fase di descrizione a una fase di analisi molecolare.

Sebbene non esistano ancora terapie provate per gli esseri umani che permettano loro di invecchiare bene, gli geroscienziati stanno studiando diversi composti che possono rallentare il processo di invecchiamento. Alcuni sono già stati testati sugli esseri umani e molti altri studi clinici sono in corso.

La rapamicina, un composto scoperto per la prima volta in un campione di terreno raccolto nel 1964 a Rapa Nui, o Isola di Pasqua. La rapamicina prolunga la vita anche nei lieviti, nelle mosche e nei topi ed è in fase di sperimentazione sugli esseri umani. Il modo in cui contrasta l’invecchiamento non è del tutto chiaro.

Il farmaco inibisce un complesso proteico chiamato bersaglio meccanicistico della rapamicina, in breve mTOR, che svolge un ruolo nella crescita cellulare e nella sintesi proteica. Questa inibizione sembra avere effetti ad ampio raggio, tra cui la riduzione dell’infiammazione, l’eliminazione delle cellule vecchie e danneggiate e l’alterazione del metabolismo cellulare, alcuni dei processi chiave che i ricercatori ritengono siano responsabili nel decadimento dell’organismo che lo porta ad invecchiare.

La rapamicina non è l’unico farmaco ad avere un impatto su mTOR. I ricercatori dell’azienda biotecnologica resTORbio hanno testato altri inibitori di mTOR negli anziani per cercare di migliorare la funzione immunitaria. Circa 250 persone hanno partecipato ad uno studio clinico, che ha testato due inibitori di mTOR da soli e in combinazione rispetto a un placebo.

Nel 2018, il team ha riferito che coloro che hanno ricevuto i farmaci hanno manifestato meno infezioni ed è stata riscontrata una risposta migliore al vaccino antinfluenzale. L’azienda ha però provato uno di questi composti in uno studio successivo, ma non è riuscita a dimostrare alcun effetto sulle malattie respiratorie auto-riferite.

ResTORbio non esiste più, ma il direttore medico dell’azienda, Joan Mannick, non ha rinunciato agli inibitori di mTOR e ha cofondato una nuova società chiamata Tornado Therapeutics, con sede a New York City, che sta lavorando per sviluppare nuovi analoghi della rapamicina, o “rapalog“.

Un’altra promettente classe di farmaci che potrebbero consentire di invecchiare bene prende di mira le cellule che hanno smesso di dividersi ma non muoiono. Queste cellule senescenti rilasciano segnali chimici che possono innescare l’infiammazione, interrompere la riparazione dei tessuti e danneggiare le cellule vicine.

In alcuni casi, questi segnali spingono anche i vicini a diventare senescenti e di conseguenza ad invecchiare essendo colpiti da diverse infiammazioni.

Questi farmaci, chiamati senolitici, mirano a eliminare le cellule senescenti spingendole al suicidio. Dopo aver mostrato risultati promettenti nei topi, i senolitici vengono ora testati sugli esseri umani. Più di 25 studi clinici sono stati completati o sono in corso.

Invecchiare

Uno dei regimi senolitici più comunemente testati è una combinazione di due composti: il farmaco antitumorale dasatinib e la quercetina, un antiossidante che si trova naturalmente nell’uva, nei frutti di bosco e in altri frutti e verdure. Altri studi prevedono di confrontare la fisetina, un composto presente nelle fragole e nelle mele, con un placebo per vedere se ha un impatto sulla fragilità e sui marcatori di infiammazione nel sangue.

Unity Biotechnology, con sede a San Francisco, si concentra esclusivamente sulle terapie senolitiche. Il composto più avanzato dell’azienda, chiamato UBX1325, prende di mira una proteina abbondante nei vasi sanguigni e nella retina che regola la morte cellulare.

I risultati preliminari di uno studio condotto su pazienti affetti da edema maculare diabetico, un ispessimento della retina correlato al diabete, suggeriscono che il composto può migliorare la vista. Invecchiare può quindi essere un processo malleabile.

2