Pandemia di solitudine. A cosa porterà la “quarantena” nella comunicazione umana?

Secondo le stime di The Guardian, a causa della pandemia scatenata dal coronavirus, a circa 1,7 miliardi di persone sul pianeta è stato ordinato di restare a casa

0
1059

Secondo le stime di The Guardian, a causa della pandemia scatenata dal coronavirus, a circa 1,7 miliardi di persone sul pianeta è stato ordinato di restare a casa, poi ci sono quelli che si autoisolano volontariamente o chi è in smart working e cerca di uscire meno. Gli psicologi invitano a trovare un obiettivo: imparare una lingua straniera, scrivere un libro, imparare a suonare. In generale, considerare la quarantena come un improvviso dono di tempo.

Gli psicologi hanno avvertito che in una situazione di isolamento forzato, il nostro stato emotivo è molto vulnerabile. Molte situazioni diventano inaccessibili: non c’è più la possibilità di incontrare amici e colleghi, cambiare l’ambiente e fare cose interessanti fuori casa. Inoltre, non c’è modo di affrontare lo stress nei modi usuali.

Anche la situazione economica influisce: a causa dei cambiamenti dei piani e dell’incapacità di lavorare, le condizioni finanziarie di diverse professioni si deteriorano, ad esempio quelle che operano nel settore dei servizi e perdono clienti ogni giorno, o nello spettacolo, settore particolarmente colpito dalla pandemia.

L’American Psychological Association crede che una persona isolata a causa della pandemia possa affrontare una serie di emozioni diverse

Forse le più comprensibili di queste emozioni sono la paura e l’ansia. ma anche la rabbia, l’incapacità di uscire di casa e condurre una vita normale è naturalmente fastidiosa. E, naturalmente, la noia e la solitudine. Stiamo perdendo il precedente tenore di vita, la libertà di movimento, l’illusione di un mondo sicuro intorno a noi. La situazione con la pandemia del nuovo coronavirus, secondo l’American Psychological Association, può portare alla stigmatizzazione di chi ha a che fare col contagio.

L’isolamento dovuto alla pandemia ha un effetto profondo su chiunque lo incontri. Chi si trova rinchiuso a casa può diventare teso ed irritabile. Le persone che vivono da sole possono sentirsi ancora più sole, anche se si sentono a proprio agio senza una relazione in circostanze normali. La nostra psiche reagisce alla privazione dei contatti con altre persone come una minaccia.



Nella vita ordinaria, una persona che lavora da casa in modo continuativo può compensare la mancanza di comunicazione e impressioni dopo il lavoro: andare in un bar, un film, incontrare i propri cari. In una situazione di isolamento da pandemia, tutti questi modi per sostenersi non sono disponibili. Inoltre chi vive da solo può essere spaventato dai momenti quotidiani: ad esempio, chi aiuterà a comprare medicinali e cibo se una persona è malata (non necessariamente coronavirus) e non riesce ad arrivare da solo al negozio?

Pandemia. A cosa porterà la "quarantena" nella comunicazione umana?
Pandemia. A cosa porterà la “quarantena” nella comunicazione umana?

L’isolamento dovuto alla pandemia ha colpito un’ampia varietà di persone

Ma ci sono quelli che sono più vulnerabili in una situazione del genere: la pandemia ha aumentato il loro isolamento. Prima di tutto, parliamo, ovviamente, degli anziani, soprattutto di quelli che hanno bisogno di aiuto nelle faccende domestiche, nel cibo e nelle medicine.  La ricerca mostra che i sentimenti di solitudine possono esacerbare i problemi di salute preesistenti nelle persone anziane.

Esiste un legame tra l’isolamento dalla società da pandemia e la cattiva salute, ad esempio lo sviluppo di demenza, malattie cardiovascolari, ictus e altre condizioni. Inoltre, il nostro corpo percepisce lo stato di solitudine come una minaccia: l’umanità si è sviluppata in modo tale che le connessioni sociali sono molto importanti per il nostro benessere.

I sentimenti di solitudine sono stressanti e lo stress cronico aumentano il livello di cortisolo nel nostro corpo, questo aumenta il rischio di malattie cardiache, diabete, depressione.

In una situazione di isolamento, gli esperti dell’American Psychological Association consigliano prima di tutto di limitare il flusso di notizie relative al nuovo coronavirus e di guardare alle fonti di informazione. Credono che le informazioni sulla pandemia dovrebbero essere dosate in modo da non aumentare la sensazione di ansia.

Uno psicologo consulente dell’American Psychological Association osserva che molti in isolamento vogliono qualcosa per soffocare la sensazione di solitudine. Consiglia di evitare l’alcol e le distrazioni di “sottofondo” come spettacoli televisivi non-stop e la corrispondenza costante con gli amici tra le altre cose.

“Non c’è niente di sbagliato nelle chat o nella visione di programmi TV. Semplicemente, correndo in sottofondo, non porteranno il piacere che potrebbero e distrarranno da altre attività. C’è il rischio che la sensazione di solitudine aumenti solo in questo modo”.

L’opzione migliore è riservare del tempo un paio di volte al giorno per una chiamata vocale a tutti gli effetti o una sessione di videochiamata e parlare con i propri cari senza essere distratti da nient’altro. E guardare un film la sera o all’ora di pranzo, come meritata ricompensa dopo il lavoro svolto”.

Le relazioni si stanno spostando in un formato remoto, proprio come le singole aziende stanno passando al lavoro remoto

Gli esperti dell’American Psychological Association ritengono importante concordare sulla parola “stop”: “Puoi dire qualcosa del tipo: ‘Quando sono arrabbiato, posso dire qualcosa di cui mi pentirò. E voglio potermi prendere una pausa e guardare la situazione con uno sguardo sobrio per preservare te e il nostro rapporto”.

Per una situazione in cui sono al lavoro intense emozioni, offre un trucco per la vita: vai in bagno, apri l’acqua ghiacciata, raccoglila nei palmi delle mani e immergi il viso lì, trattenendo il respiro. Secondo gli esperti dell’American Psychological Association, questa tecnica aiuta molto.

Considera importante distrarti

“La ‘distrazione’ è una pratica separata nella terapia che funziona bene in situazioni di stress incontrollabile. Per una madre che si trova isolata con i bambini, tutto può essere più difficile. “Espira e ricorda a te stesso che non puoi essere perfetto”, dicono gli esperti dell’American Psychological Association. Consigliano anche, se possibile, di condividere l’onere della responsabilità per i bambini con parenti, parenti o anche vicini di casa:

“In alcune case, le famiglie si uniscono per occuparsi a turno di più bambini contemporaneamente, sollevandosi a vicenda. Non possiamo restare in completo isolamento, l’aumento dello stress della mamma colpisce proporzionalmente i bambini. È meglio condividere la responsabilità che portarsi a un esaurimento nervoso o usare la violenza”.

Oggi sta diventando finalmente chiaro che, proprio come con l’economia, la pandemia cambierà anche la nostra comunicazione, in contrasto con la solitudine sociale, possono arrivare anche nuove forme di interazione. Le relazioni si stanno spostando in un formato remoto, proprio come le singole aziende stanno passando al lavoro remoto.

Oggi ci sono molte più opportunità di comunicazione online rispetto a dieci anni fa, e molte aiutano a ricreare il senso della presenza dell’interlocutore: i messaggi vocali e la comunicazione video sono disponibili in molti messenger istantanei.

Stanno emergendo bar virtuali e piattaforme per concerti online: tutto ciò che aiuta a sentire l’unità e il corso familiare della vita, anche se in un formato così insolito. L’essere umano possiede lo spirito di adattabilità. determinante in emergenze come una pandemia mondiale.

Fonte: American Psychological Association

2