3 milioni di mascherine composte da materiali pericolosi per l’ambiente vengono gettate ogni minuto nel mondo. I ricercatori ritengono che quante più persone possibile debbano conoscere la potenziale minaccia ambientale causata da questo problema che deve essere affrontato in qualche modo.

I risultati allarmanti sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Frontiers of Environmental Science & Engineering. Secondo gli autori dell’opera, ogni mese nel mondo ne vengono buttate via circa 129 miliardi. Gli ambientalisti ricordano che la maggior parte di queste non possono decomporsi nel suolo per migliaia di anni. Tuttavia, si scompongono facilmente in minuscole particelle di plastica, danneggiando la natura e tutti gli organismi viventi.

Sono necessari tre strati di materiale affinché le mascherine siano efficaci. Va bene per le mascherine per il viso prodotte in tessuto, in cui i tre strati di tessuto possono essere lavati e riutilizzati. Ma per le usa e getta, che costituiscono il 90% di quelle indossate dal pubblico, vengono utilizzati tre strati di plastica, compreso il polipropilene, oltre a una striscia di metallo da afferrare intorno al naso.

Le aziende producono 43 miliardi di mascherine usa e getta ogni mese

Mentre si decompongono in natura, le mascherine iniziano a disintegrarsi trasformandosi in piccole particelle di 5mm. Nel tempo, si trasformano in nanoplastiche inferiori a 1 micrometro, penetrando facilmente negli organismi viventi dove si accumulano in grandi quantità.

Gli scienziati ritengono che se non verranno smaltite in un modo corretto, nel tempo diventeranno un altro motivo di preoccupazione per l’inquinamento del nostro pianeta. Tuttavia, potrebbero già essere la spazzatura principale: è solo che gli scienziati non ne hanno ancora la prova.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che le microplastiche siano salutari. Ma questo non è stato ancora dimostrato in studi a lungo termine.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In breve, le mascherine producono microplastiche più velocemente e in quantità maggiori rispetto alle bottiglie e ai sacchetti di plastica

Per quanto riguarda le mascherine che finiscono nell’oceano, si aggiungono “semplicemente” alle otto milioni di tonnellate di plastica che entrano nel mare ogni anno. Le varie plastiche si scompongono molto lentamente in microplastiche filtrando nelle catene alimentari marine con conseguenze disastrose.

Le microplastiche marine trattengono tossine e contaminanti; piante e animali quindi assorbono o ingeriscono queste sostanze, avvelenandole e uccidendole.

I ricercatori hanno anche notato che le mascherine rilasciano in natura anche elementi pericolosi come il bisfenolo A e metalli pesanti. Si pensa che il bisfenolo venga assorbito rapidamente dalla pelle umana e causi problemi di salute. È particolarmente dannoso per i bambini: si presume che la sostanza abbia un effetto negativo sullo sviluppo del feto nell’utero. E l’accumulo di metalli pesanti nel corpo può portare a disturbi metabolici e alla comparsa di mutazioni.

Gli autori dello studio hanno proposto quattro modi per proteggere la natura dagli effetti delle mascherine usa e getta:

  • Installazione di speciali bidoni della spazzatura, dove le mascherine possono essere smaltite senza danni per l’ambiente;
  • Sviluppo di regole per la gestione delle maschere usate;
  • Sostituzione di mascherine usa e getta con mascherine riutilizzabili;
  • Sviluppo di maschere biodegradabili;
  • Maschere e guanti medici sono dannosi per la natura.

I tipi di maschere per il viso disponibili per il pubblico da indossare sono sia chirurgiche che non chirurgiche. All’inizio della pandemia, molte persone e piccole imprese hanno iniziato a fabbricare a mano maschere per il viso in cotone e altri tessuti da vendere poiché le forniture di maschere chirurgiche nel Regno Unito e in Europa erano disperatamente a corto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sembra che le maschere per il viso, essenziali in quanto sono per prevenire la diffusione del Coronavirus, si stiano solo aggiungendo alle già grandi preoccupazioni per l’inquinamento da plastica e il conseguente impatto sulla fauna selvatica e sulla salute umana.