8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeAttualitàOmicron e fine pandemia: le previsioni degli esperti

Omicron e fine pandemia: le previsioni degli esperti

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La pandemia dovrà pur finire, anche se Omicron sta complicando la questione. Ma non sarà come premere un interruttore della luce: il mondo dovrà imparare a convivere con un virus che non ne vuole saperne di scomparire! L’ultra-contagioso mutante sta provocando il caos mentre un mondo esausto lotta, ancora, per arginare la diffusione. Ma questa volta, non partiamo da zero.

Omicron, la variante ultracontagiosa

I vaccini offrono una forte protezione da malattie gravi, anche se non sempre prevengono un’infezione lieve. Omicron non sembra essere letale come alcune varianti precedenti. E coloro che sopravvivranno avranno una protezione rinnovata contro altre forme di virus che stanno ancora circolando – e forse anche il prossimo mutante che emergerà.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La variante più recente è un avvertimento su ciò che continuerà ad accadere “a meno che non prendiamo sul serio la fine del gioco“, ha affermato il dottor Albert Ko, specialista in malattie infettive presso la Yale School of Public Health. “Certamente il  COVID sarà con noi per sempre “, ha aggiunto Ko. “Non saremo mai in grado di sradicarlo o eliminarlo, quindi dobbiamo identificare i nostri obiettivi“.

Ad un certo punto, l’ Organizzazione Mondiale della Sanità determinerà quando un numero sufficiente di paesi avrà represso i propri casi di COVID-19 a sufficienza – o almeno, ricoveri e decessi – per dichiarare ufficialmente finita la pandemia. Non è chiaro quale sarà esattamente quella soglia.

Anche quando ciò accadrà, alcune parti del mondo continueranno a lottare, in particolare i paesi a basso reddito che non dispongono di vaccini o trattamenti sufficienti, mentre altri passeranno più facilmente a quello che gli scienziati chiamano uno stato “endemico“.

Il periodo endemico è vicino?

Sono distinzioni piuttosto confuse, ha affermato l’esperto di malattie infettive Stephen Kissler della Harvard TH Chan School of Public Health. Definisce il periodo endemico come il raggiungimento di “una sorta di stato stazionario accettabile” per affrontare il COVID-19. La crisi dell’Omicron mostra che non siamo ancora arrivati, ma “penso che raggiungeremo un punto in cui SARS-CoV-2 sarà endemico proprio come lo è l’influenza“, ha detto.

Per fare un confronto, COVID-19 ha ucciso più di 800.000 americani in due anni, mentre l’influenza uccide in genere tra 12.000 e 52.000 all’anno. Quanta malattia e morte continue per COVID-19 il mondo dovrà sopportare è in gran parte una questione sociale, non scientifica.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Non arriveremo al punto in cui sarà di nuovo il 2019“, ha affermato la dott.ssa Amesh Adalja, ricercatrice senior presso il Johns Hopkins Center for Health Security. “Dobbiamo convincere le persone a pensare alla tolleranza al rischio“. Il dottor Anthony Fauci , il massimo esperto di malattie infettive degli Stati Uniti, sta guardando avanti per controllare il virus in un modo “che non sconvolga la società, che non sconvolga l’economia“.

Gli Stati Uniti sono ottimisti

Gli Stati Uniti stanno già inviando segnali che sono sulla strada per quella che diventerà la nuova normalità. L’amministrazione Biden afferma che ormai abbiamoci strumenti sufficienti – booster vaccinali, nuovi trattamenti e mascherine – per gestire anche la minaccia dell’Omicron senza la chiusura dei primi giorni della pandemia.

E i Centers for Disease Control and Prevention hanno appena ridotto a cinque giorni il tempo in cui le persone con COVID-19 devono rimanere in isolamento in modo da non fare ammalare gli altri, dicendo che è diventato chiaro che sono molto contagiose soprattutto all’inizio.

Omicron in India

L’India offre un assaggio di com’è arrivare a un livello stabile di COVID-19. Fino a poco tempo, i casi riportati quotidianamente erano rimasti al di sotto di 10.000 per sei mesi, ma solo dopo un costo in vite umane “troppo traumatico da calcolare” causato dalla precedente variante delta, ha affermato il dottor T. Jacob John, ex capo di virologia al Christian Medical College di India meridionale.

Omicron ora sta alimentando di nuovo un aumento dei casi e il paese presto lancerà booster per i vaccini per i lavoratori in prima linea. Ma John ha detto che altre malattie endemiche, come l’influenza e il morbillo, causano periodicamente focolai e il coronavirus continuerà a divampare ogni tanto anche dopo il passaggio della variante.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Omicron è così enormemente mutato che sta superando parte della protezione delle vaccinazioni o di precedenti infezioni. Ma il dottor William Moss della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health si aspetta che “questo virus raggiungerà il massimo” nella sua capacità di fare salti evolutivi così grandi. “Non lo vedo come una sorta di ciclo infinito di nuove varianti“.

Un possibile futuro che molti esperti vedono

Nel periodo post-pandemia, il virus provoca raffreddori per alcuni e malattie più gravi per altri, a seconda della loro salute generale, dello stato del vaccino e delle precedenti infezioni. Le mutazioni continueranno e alla fine potrebbero richiedere potenziamenti ogni tanto che vengono aggiornati per adattarsi meglio alle nuove varianti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma il sistema immunitario umano continuerà a migliorare, sia nel riconoscere che nel combattere. L’immunologo Ali Ellebedy della Washington University di St. Louis trova speranza nella straordinaria capacità del corpo di ricordare i germi che ha visto prima e di creare difese multistrato.

I linfociti B di memoria sono uno di quegli strati, cellule che vivono per anni nel midollo osseo, pronte ad entrare in azione e produrre più anticorpi quando necessario. Ma prima quelle cellule della memoria vengono addestrate nei campi di addestramento del sistema immunitario chiamati centri germinali, imparando a fare di più che semplicemente fare copie dei loro anticorpi originali.

In un nuovo studio, il team di Ellebedy ha scoperto che le vaccinazioni Pfizer potenziano le “cellule T helper” che fungono da sergente istruttore in quei campi di addestramento, guidando la produzione di anticorpi più diversi e più forti che potrebbero funzionare anche se il virus cambia di nuovo.

L’immunità della popolazione è migliorata

Ellebedy ha affermato che l’immunità della popolazione di base è migliorata così tanto che anche se le infezioni rivoluzionarie continuano inevitabilmente, ci sarà un calo di malattie gravi, ricoveri e decessi, indipendentemente dalla variante successiva.

Non siamo la stessa popolazione che eravamo a dicembre del 2019“, ha detto. “Ora è un terreno diverso. Pensate a un incendio che dilania una foresta dopo una siccità, come era nel 2020. Ora, anche con l’Omicron, non è una “terra completamente asciutta, ma abbastanza bagnata “da rendere il fuoco più difficile da propagare“.

Si prevede quindi che un giorno, quando qualcuno avrà un‘infezione da coronavirus, starà a casa due o tre giorni come succede per l’influenza comune senza gravi conseguenze e poi tornerà alla sua vita di sempre. Quel giorno, si spera non lontano, sarà finalmente la fine del Covid-19.

Articoli più letti