16.1 C
Rome
domenica, Novembre 27, 2022
HomeMedicinaOmicron: cosa sappiamo sulla nuova variante COVID-19?

Omicron: cosa sappiamo sulla nuova variante COVID-19?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Una serie di importanti domande sono sorte dopo che una nuova variante del COVID-19, soprannominata la variante Omicron, è stata scoperta in Sudafrica mercoledì e gli scienziati si stanno affannando per trovare le risposte. 

La variante ha comportato divieti di viaggio internazionali, un crollo del mercato azionario, un aumento delle procedure di quarantena e una maggiore preoccupazione per la pandemia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La prima incidenza nota della variante Omicron è stata il 9 novembre, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), e la mutazione è stata rilevata per la prima volta il 24 novembre. E venerdì, secondo l’Associated Press, il Sudafrica ha registrato 2.828 nuovi casi di COVID- 19, con fino al 90% di quei casi causati dalla variante Omicron.

Il virus è in viaggio verso altri paesi poiché è stato scoperto anche in Belgio, Botswana, Germania, Hong Kong, Israele, Italia e Regno Unito, secondo la CNN.

L’OMS ha già designato Omicron come “variante preoccupante”, il che significa che potrebbe essere più trasmissibile, virulento o in grado di eludere la protezione del vaccino rispetto al ceppo originale COVID-19.

“Questa cosa è un mix di Frankenstein di tutti i più grandi successi”, ha affermato il Dr. Hoge al New York Times, mentre parlava delle mutazioni della variante. “Ha appena attivato tutti i nostri campanelli d’allarme”.

Ci vorranno settimane per capire quanto rapidamente può diffondersi e come si presenta la malattia causata dalla variante. Tuttavia, ecco una carrellata di tutto ciò che sappiamo (e non sappiamo) finora.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quello che sappiamo finora su Omicron

La classificazione dell’OMS di Omicron come variante preoccupante si basa su numerose mutazioni “riguardanti” la variante che può alterare il suo comportamento. Omicron ha più di 30 mutazioni sulla sua proteina spike, che è ciò che il virus utilizza per legarsi alle cellule umane e ciò che i vaccini COVID insegnano al nostro sistema immunitario a riconoscere e indirizzare.

Questo è più del doppio del numero riportato dalla variante Delta e i risultati preliminari dipingono un quadro piuttosto misto. I dati limitati che abbiamo sulla variante suggeriscono che potrebbe essere più trasmissibile e in grado di eludere le risposte immunitarie dell’organismo, sia alla vaccinazione che all’infezione naturale, rispetto alle versioni precedenti del virus.

Non sappiamo se la variante Omicron sia più letale o causi malattie più gravi rispetto alla variante Delta perché ci sono così pochi casi confermati. Tuttavia, mentre è ancora una prima osservazione, un medico sudafricano, che è stato uno dei primi a sospettare una nuova variante del coronavirus, ha dichiarato che i sintomi della variante dell’omicron erano finora lievi e potrebbero essere curati a casa, secondo  Reuters.

E va anche notato che gli esperti dicono che i vaccini funzionano ancora e sono il modo migliore per proteggersi dal virus. Tuttavia, Pfizer-BioNTech e Moderna sono pronte a riformulare i loro colpi se necessario, secondo ABC

Dove sta il mondo?

Con l’incombente incertezza, il mondo si sta affannando a mettere in atto ulteriori restrizioni per frenare la diffusione della nuova variante. Mentre Omicron è probabilmente già negli Stati Uniti, il presidente Joe Biden ha annunciato venerdì nuove restrizioni di viaggio in otto paesi dell’Africa meridionale; Lesotho, Sud Africa, Eswatini, Namibia, Zimbabwe, Mozambico, Malawi e Botswana. Le restrizioni entreranno in vigore lunedì e non si applicheranno ai cittadini statunitensi o ai titolari di carta verde, secondo Vox. Anche altre nazioni come il Regno Unito, l’Australia, Israele, Francia e Germania stanno limitando i viaggi dalle nazioni dell’Africa meridionale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sebbene ci siano ancora molte incognite riguardo all’omicron, i ricercatori concordano sul fatto che si tratti di uno sviluppo preoccupante. Poiché le festività natalizie e il freddo avvicinano le persone in ambienti chiusi, dove si verifica più facilmente la trasmissione, adottare adeguate precauzioni è particolarmente importante. 

Articoli più letti