No, non abbiamo trovato prove dell’esistenza di un Universo parallelo

0*gSFAakVfGIr0Z4zV
Un’illustrazione di universi multipli e indipendenti, disconnessi causalmente l’uno dall’altro in un oceano cosmico in continua espansione, è una rappresentazione dell’idea del multiverso. (Credito: Ozytive/dominio pubblico)
0*TXMVH 1er1Iqz2dv
L’interpretazione dei molti mondi della meccanica quantistica sostiene che esistono un numero infinito di universi paralleli, che contengono tutti i possibili risultati di un sistema di meccanica quantistica, e che fare un’osservazione sceglie semplicemente un percorso. Questa interpretazione è filosoficamente interessante, ma potrebbe non aggiungere nulla di valore quando si tratta di fisica reale. ( Credito : Christian Schirm/Wikimedia Commons)
0*VFD4tPveYdWmCb3o
Mentre si prevede che molti universi indipendenti verranno creati in uno spaziotempo in espansione, l’inflazione non finisce mai dappertutto in una volta, ma piuttosto solo in aree distinte e indipendenti separate dallo spazio che continua a gonfiarsi. È da qui che viene la motivazione scientifica per un Multiverso e perché nessun universo si scontrerà mai. Semplicemente non ci sono abbastanza universi creati dall’inflazione per contenere ogni possibile risultato quantistico a causa delle interazioni delle particelle all’interno di un singolo Universo. (Credito: MUSTAFABULENT / Adobe Stock)
0*QKcMywAj neP0DMA
Una rappresentazione dei diversi “mondi” paralleli che potrebbero esistere in altre sacche del multiverso. (Credito: Pixabay/dominio pubblico)
0*lPykVkuFISOOpm6s
Mentre gli sciami di raggi cosmici sono comuni dalle particelle ad alta energia, sono principalmente i muoni che arrivano sulla superficie terrestre, dove sono rilevabili con la giusta configurazione. Vengono prodotti anche neutrini, alcuni dei quali possono passare attraverso la Terra, ma questa spiegazione per il segnale ANITA non è convincente come alcune delle possibilità più banali. ( Credito : Alberto Izquierdo; Francisco Barradas Solas)
0*iczUVg5vS9QenosO
Quando un neutrino interagisce nel limpido ghiaccio antartico, produce particelle secondarie che lasciano una traccia di luce blu mentre viaggiano attraverso il rivelatore IceCube. La mancanza di neutrini tau ad alta energia visti da IceCube esclude efficacemente l’origine astrofisica di qualunque cosa abbia creato le onde radio che ANITA ha visto. ( Credito : Nicolle Rager Fuller/NSF/IceCube)

Più letti nella settimana

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

5 trucchi per crescere su Instagram nel 2024

I social sono il presente e il futuro della...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Offerte Amazon: macchine da caffè super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Articoli correlati

Popular Categories