NGC 4753: Hubble svela polvere e materia oscura

Un’affascinante immagine del telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA ha svelato i segreti della galassia NGC 4753, mostrando intricate strutture di polvere e un alone di materia oscura. Questa galassia lenticolare, osservata quasi di profilo, offre agli astronomi una finestra unica sulla formazione galattica e sulla misurazione delle distanze cosmiche.

NGC 4753, catturata dal telescopio Hubble, ha rivelato intricate strutture di polvere e un alone di materia oscura. Questa galassia funge da sito cruciale per studiare la formazione galattica e misurare le distanze cosmiche. Crediti: ESA/Hubble e NASA, L. Kelsey
NGC 4753, catturata dal telescopio Hubble, ha rivelato intricate strutture di polvere e un alone di materia oscura. Questa galassia funge da sito cruciale per studiare la formazione galattica e misurare le distanze cosmiche. Crediti: ESA/Hubble e NASA, L. Kelsey

NGC 4753: l’immagine più nitida di Hubble

NGC 4753 è una galassia lenticolare e si distingue per la sua forma ellittica con bracci di spirale debolmente definiti, classificazione tipica delle galassie lenticolari.

Nel 2023, il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA ha acquisito l’immagine più nitida mai ottenuta di NGC 4753. Questo scatto ha rivelato intricate strutture di polvere che circondano il nucleo galattico, offrendo agli astronomi una finestra unica sulla sua formazione e composizione.

NGC 4753, situata a circa 60 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione della Vergine, è stata scoperta nel 1784 dall’astronomo William Herschel. Essa fa parte del gruppo di galassie NGC 4753 all’interno della nube della Vergine II, che conta circa 100 galassie e ammassi di galassie.

Si ipotizza che questa sia nata dalla fusione con una galassia nana vicina circa 1,3 miliardi di anni fa. Le distinte strisce di polvere che circondano il nucleo di NGC 4753 potrebbero essere il risultato di questo evento di fusione.

Gran parte della massa si stima che risieda in un alone sferico leggermente appiattito di materia oscura. Questa forma di materia invisibile, che rappresenta circa l’85% della materia nell’Universo, non può essere osservata direttamente, ma la sua influenza gravitazionale è evidente.

Le scie di polvere di NGC 4753, un'intrigante danza di galassie
Le scie di polvere di NGC 4753, un’intrigante danza di galassie

La materia oscura avvolge la galassia NGC 4753

La materia oscura è definita “oscura” per la sua peculiare natura: non interagisce con il campo elettromagnetico, non emettendo, riflettendo o rifrangendo la luce come la materia ordinaria. Tuttavia, la sua influenza gravitazionale si fa sentire in modo evidente, influenzando il movimento delle stelle e del gas all’interno delle galassie e la struttura su larga scala dell’Universo.

Nel caso di NGC 4753, gli astronomi sono giunti alla conclusione della presenza di materia oscura grazie a diverse tecniche di analisi. Tra queste, l’osservazione delle curve di rotazione delle stelle all’interno della galassia ha rivelato che la loro velocità non diminuisce con la distanza dal centro come ci si aspetterebbe per una distribuzione uniforme della massa.

Le simulazioni al computer che includono la materia oscura, inoltre, sono state in grado di riprodurre con precisione la struttura osservata di NGC 4753, mentre modelli che non la considerano falliscono miseramente.

NGC 4753, situata a circa 60 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione della Vergine
NGC 4753, situata a circa 60 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione della Vergine

Conclusioni

Lo studio della materia oscura in galassie come NGC 4753 rappresenta una sfida affascinante per gli scienziati, che si adoperano per comprenderne la natura e il ruolo nell’universo. Svelare i misteri della stessa potrebbe avere un impatto profondo sulla nostra comprensione della formazione e dell’evoluzione delle galassie, e dell’universo nel suo complesso.

Lo studio di NGC 4753 attraverso Hubble e altri telescopi continua a fornire informazioni preziose sulla formazione e l’evoluzione delle galassie, svelando i misteri della materia oscura e contribuendo alla nostra comprensione dell’universo su vasta scala. La galassia rappresenta un esempio affascinante della complessità e della bellezza del cosmo.

L’immagine di Hubble rappresenta un passo avanti significativo nella nostra comprensione di queste strutture cosmiche maestose e apre nuove strade per esplorare i misteri dell’Universo.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Perché le slot semplici saranno sempre popolari su Elabet?

Nonostante ogni mese ci siano decine, o addirittura centinaia...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

Articoli correlati

Popular Categories