New York sta sprofondando sotto il peso dei suoi grattacieli

Secondo uno studio, New York sta affondando a una velocità di 1-2 millimetri all'anno,  sotto il peso dei suoi edifici altissimi

0
1341
New York sta sprofondando sotto il peso dei suoi grattacieli
New York sta sprofondando sotto il peso dei suoi grattacieli
Indice

Il fenomeno chiamato subsidenza, è un graduale assestamento o improvviso affondamento della superficie terrestre che si verifica quando i sedimenti molli si spostano o i carichi che gravano sul terreno lo spingono ancora più in profondità. Le cause sono molte, ma, tra queste, il peso delle città stesse è raramente studiato.

Secondo uno studio, New York sta affondando a una velocità di 1-2 millimetri all’anno,  sotto il peso dei suoi edifici altissimi. Pochi millimetri potrebbero non sembrare molti, ma alcune parti della città si stanno abbassando molto più velocemente, alla pari delle velocità più elevate con cui le placche tettoniche rimbalzano quando i ghiacciai si sciolgono.

La deformazione del suolo conseguente potrebbe significare problemi per la città bassa che ospita più di 8 milioni di persone, quindi questi studi dovrebbero incoraggiare ulteriori sforzi per sviluppare strategie di mitigazione per contrastare il crescente rischio di inondazioni e l’innalzamento del livello del mare, anche se forse costruire gigantesche mura marittime, come qualcuno ha proposto per mettere in sicurezza la città, non è la risposta giusta.

Lo scopo del documento è sensibilizzare sul fatto che ogni altro grattacielo costruito in zone costiere, fluviali o lungolago potrebbe contribuire al futuro rischio di inondazioni“, scrivono il geologo Tom Parsons dello United States Geological Survey e i suoi colleghi dell’Università del Rhode Island.

A partire dal 2020, gli scienziati hanno stimato che tutte le cose che gli esseri umani hanno mai prodotto superano già il peso a secco di ogni essere vivente sulla Terra. Gli edifici e le strade pesano più di tutti gli alberi e gli arbusti messi insieme.



In questo nuovo studio, Parsons e colleghi hanno calcolato la massa cumulativa di oltre 1 milione di edifici a New York City, che risulta essere di 764.000.000.000 di chilogrammi. Quindi hanno diviso la città in una griglia di quadrati di 100 metri per 100 e hanno convertito la massa degli edifici in una pressione verso il basso tenendo conto della forza di gravità.

Le loro stime includono solo la massa degli edifici e il loro contenuto, non le strade, i marciapiedi, i ponti, le ferrovie e altre aree pavimentate di New York City. Anche con queste limitazioni, questi nuovi calcoli perfezionano le precedenti osservazioni di subsidenza nella città tenendo conto della complessa geologia della superficie sotto New York che consiste in depositi di sabbia, limo, laghi argillosi e affioramenti rocciosi.

Modellando il comportamento di questi substrati, i ricercatori hanno mostrato che i terreni ricchi di argilla e di riempimento artificiale sono particolarmente inclini al cedimento: il valore medio è 294 millimetri in un sito campione nella parte bassa di Manhattan. I terreni più elastici rimbalzano dopo la costruzione, mentre il substrato roccioso, ancorando molti grattacieli, non si muove tanto.

Confrontando questi modelli con i dati satellitari che misurano l’altezza della superficie terrestre, il team ha mappato le sue stime di subsidenza in tutta la città. L’aumento dell’urbanizzazione, compreso il drenaggio e il pompaggio delle acque sotterranee, potrebbe solo aumentare il problema della subsidenza di New York, avvertono i ricercatori.

New York non è certamente l’unica città ad avere questi problemi. Un quarto della capitale dell’Indonesia, Jakarta, potrebbe essere sott’acqua entro il 2050, con parti della città che affondano di quasi 11 centimetri all’anno a causa dell’estrazione di acque sotterranee. Più di 30 milioni di residenti di Jakarta stanno ora facendo i conti con la prospettiva di trasferire la città o raddoppiare l’azione per il clima, come optare per gli autobus elettrici.

New York, in confronto, è al terzo posto nella sua esposizione a future inondazioni. Gran parte della Manhattan bassa si trova a soli 1-2 metri sopra l’attuale livello del mare. Anche gli uragani del 2012 (Sandy) e del 2021 (Ida) hanno mostrato quanto velocemente la città per lo più asfaltata potrebbe essere inondata dall’acqua.

New York è emblematica della crescita delle città costiere in tutto il mondo che stanno affondando, il che significa che c’è una sfida globale condivisa di mitigazione contro un crescente rischio di inondazioni“, concludono i ricercatori.

Uno studio del 2022 su 99 città costiere di tutto il mondo ha rilevato che la subsidenza potrebbe effettivamente rappresentare un problema più grande, o almeno sottovalutato, rispetto all’innalzamento del livello del mare. Nella maggior parte delle città esaminate, il terreno si sta abbassando più velocemente dell’innalzamento del livello del mare, il che significa che i residenti saranno messi alla prova dalle inondazioni prima di quanto previsto dai modelli climatici.

La ricerca è stata pubblicata su Earth’s Future.

2