Nettuno, per la prima volta un vortice cambia direzione 

Gli astronomi hanno osservato sul pianeta di ghiaccio un fenomeno molto singolare. Un vortice ha cambiato direzione per la prima volta, passando dall'equatore dove era andato, nuovamente nella regione polare nordica dove aveva avuto origine 

387

Per la prima volta su Nettuno, gli astronomi registrano un fenomeno molto singolare: un vortice di tempesta che torna indietro verso la regione polare di origine, dopo che essere migrato in direzione dell’equatore. Sebbene i vortici delle tempeste non siano insoliti sul lontano gigante di ghiaccio, questa è la prima volta che se ne osserva uno tornare indietro.

Gli astronomi non sono ancora sicuri di come o perché sia ​​riuscito a cambiare rotta, ma capirlo potrebbe dirci di più sulle dinamiche atmosferiche di Nettuno. Il team ha presentato la ricerca all’incontro autunnale 2020 dell’American Geophysical Union.

Nettuno è difficile da osservare

Nettuno è in realtà piuttosto difficile da vedere rispetto agli altri pianeti del Sistema Solare. È lontano dal Sole, a una distanza media 30 volte quella tra la Terra e il Sole, il che rende difficile distinguere molti dettagli. Fu solo nel 1989, quando la Voyager 2 fece il suo sorvolo, che furono scoperte due tempeste su Nettuno.

Da allora, Hubble, l’unico strumento in grado di farlo, ha osservato e rintracciato altre quattro di queste tempeste, chiamate “Dark Spots, per la loro tonalità più scura rispetto all’atmosfera circostante.

Le Dark Spots

In generale, il comportamento delle Dark Spots è stato sempre abbastanza simile: compaiono alle medie latitudini, rimangono in giro per circa due anni durante la migrazione verso l’equatore, e poi si dissolvono. Poi, quattro o sei anni dopo, ne compare un altro. Questa tempesta, tuttavia, la quarta osservata da Hubble, chiamata NDS-2018, è stata l’eccezione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È stato davvero emozionante vedere questo vortice agire come dovrebbe agire, e poi all’improvviso fermarsi e tornare indietro“, ha detto lo scienziato planetario Michael Wong dell’Università della California, Berkeley.

Il tornado NDS-2018

NDS-2018, come suggerisce il nome, è stato scoperto per la prima volta nel 2018. A quel punto, cresceva da diversi anni e misurava circa 11.000 chilometri di diametro.

Quando Hubble lo ha osservato di nuovo nel gennaio 2020, si stava comportando come previsto, migrando verso sud, ovvero in direzione dell’equatore, dalle medie latitudini settentrionali.

Durante la migrazione, si prevedeva che l’effetto Coriolis, che determina il senso di rotazione del vortice e che mantiene stabile la tempesta alle medie latitudini, si sarebbe indebolito, scomparendo gradualmente nel momento in cui la tempesta avrebbe raggiunto l’equatore. Quindi, secondo le simulazioni e le osservazioni precedenti, NDS-2018 sarebbe dovuto sbiadire nell’oblio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le osservazioni di gennaio

Ma quelle osservazioni di gennaio hanno rivelato qualcosa di strano: una macchia scura leggermente più piccola come una versione in miniatura della tempesta più grande. NDS-2018 era, a quel punto, circa 7.400 chilometri di diametro. Dark Spot Junior, come è stato soprannominato, misurava circa 6.275 chilometri di diametro.

Poi, nell’agosto di quest’anno, quando Hubble ha dato un’altra occhiata a NDS-2018, la tempesta si stava dirigendo di nuovo verso nord. Dark Spot Junior era andato.

Siamo entusiasti di queste osservazioni perché questo frammento scuro più piccolo è potenzialmente parte del processo di interruzione della macchia scura“, ha detto Wong aggiungendo: “Questo è un processo che non è mai stato osservato. Abbiamo visto alcune altre macchie scure svanire e sono sparite, ma non abbiamo mai visto nulla di interrotto, anche se è previsto nelle simulazioni al computer“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cosa è successo esattamente?

È impossibile sapere esattamente cosa sia successo, ma l‘apparizione e la successiva scomparsa di Dark Spot Jr. potrebbero essere un indizio. Per prima cosa, era vicino al lato di NDS-2018 più vicino all’equatore. Secondo le simulazioni, se qualcosa dovesse interrompere una tempesta nettuniana, è lì che accadrebbe.

Anche il fatto che Dark Spot Jr. si sia presentato quando è successo potrebbe essere un indizio. “Quando ho visto per la prima volta il punto piccolo, ho pensato che quello più grande fosse stato interrotto. Non pensavo che si stesse formando un altro vortice, perché quello piccolo è più lontano verso l’equatore. Quindi è all’interno di questa regione instabile. Ma non possiamo dimostrare che i due sono collegati. Rimane un completo mistero“, ha detto Wong .

Tempeste differenti da Giove e Saturno

È stato anche a gennaio che il vortice oscuro ha interrotto il suo movimento e ha ripreso a muoversi verso nord. Forse spargendo quel frammento, è stato sufficiente per impedirgli di muoversi verso l’equatore. C’è ancora molto che non sappiamo sulle macchie scure di Nettuno. Sono piuttosto prive di nuvole nel mezzo, rispetto ai vortici di tempesta su Saturno e Giove. Le nuvole che possiamo rilevare sono soffici nuvole bianche che compaiono intorno ai bordi, probabilmente a causa del congelamento dei gas in cristalli di ghiaccio di metano mentre vengono sollevati da altitudini inferiori.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Analisi su Dark sport junior, la tempesta più piccola

NDS-2018 fornisce un altro mistero: le sue soffici nuvole bianche sono scomparse quando la tempesta ha cambiato direzione. Ciò potrebbe rivelare ulteriori informazioni su come si evolvono le tempeste nettuniane. I ricercatori stanno anche esaminando più da vicino i dati disponibili per vedere se riescono a trovare ulteriori informazioni su Dark Spot Jr., per verificare se la tempesta più piccola, o parti di essa, potrebbe essere rimasta un po’ più a lungo.

Quando Hubble volterà il suo sguardo verso Nettuno nell’ambito del programma Outer Planet Atmospheres Legacy, gli scienziati saranno davvero molto interessati di vedere cosa stia facendo NDS-2018.

Fonte: https://www.sciencealert.com/a-storm-on-neptune-changed-direction-and-scientists-are-agog