Nature ritira un controverso articolo sui superconduttori

Nature – una delle riviste scientifiche più importanti al mondo – ha ritirato uno studio che afferma di aver creato un superconduttore a temperatura ambiente utilizzando idrogeno, lutezio e azoto

0
249
Nature ritira un controverso articolo sui superconduttori
Nature ritira un controverso articolo sui superconduttori

Nature – una delle riviste scientifiche più importanti al mondo – ha ritirato uno studio che afferma di aver creato un superconduttore a temperatura ambiente utilizzando idrogeno, lutezio e azoto. Ciò avviene pochi mesi dopo che gli stessi autori dell’articolo avevano chiesto che il loro lavoro venisse ritirato.

Inizialmente, lo studio, pubblicato a marzo di quest’anno, è stato accolto con entusiasmo – ma anche con sospetto.

Se fosse stata confermata, la scoperta avrebbe potuto portare alla creazione di sistemi elettrici specializzati che avrebbero potuto funzionare in modo efficiente con resistenza zero utilizzando poco raffreddamento (anche se inizialmente avrebbe comunque richiesto per alcune apparecchiature circa 10.000 atmosfere di pressione). Anche se potrebbe non aver portato alla levitazione di treni o a reti energetiche altamente efficienti, avrebbe potuto essere utile per reattori a fusione o macchine MRI migliorate.

Ma ad alcuni esperti questa svolta sembrava troppo bella per essere vera.

Questi esperti hanno contattato Nature per esprimere preoccupazioni circa “l’affidabilità dei dati sulla resistenza elettrica presentati nel documento. Dopo un’indagine, la rivista ha concluso che “queste preoccupazioni sono credibili, sostanziali e rimangono irrisolte“.

La ritrattazione è avvenuta dopo che otto degli 11 autori dello studio hanno inviato una lettera alla rivista chiedendo che l’articolo fosse ritirato. Nella nuova nota di ritrattazioneNature scrive che questi otto autori “hanno espresso l’opinione… che l’articolo pubblicato non riflette accuratamente la provenienza dei materiali indagati, le misurazioni sperimentali intraprese e i protocolli di elaborazione dei dati applicati“.

Questi otto autori “hanno concluso che questi problemi minano l’integrità dell’articolo pubblicato“, scrive Nature. Nella loro lettera, gli otto autori hanno preso le distanze dal leader della ricerca – il fisico Ranga Dias dell’Università di Rochester a New York – che secondo loro non ha agito in buona fede nella preparazione e nella presentazione del manoscritto.

Dias ha depositato il brevetto per questa scoperta lo scorso giugno. In precedenza aveva fondato una società chiamata Unearthly Materials per commercializzare la sua ricerca sui superconduttori e ha raccolto 16,5 milioni di dollari dagli investitori. Questa è stata la seconda volta in due anni che un articolo sui superconduttori a temperatura ambiente di Dias e di un altro membro di questo team è stato ritirato da Nature.

Dias e il fisico Ashkan Salamat dell’Università del Nevada a Las Vegas avevano precedentemente affermato di aver creato un superconduttore ad alta temperatura utilizzando idruro di zolfo carbonioso, ma lo studio è stato ritirato da Nature l’anno scorso.

Un altro articolo scritto da Dias e Salamat è stato ritirato da Physical Review Letters in agosto.

Secondo la divisione notizie di Nature, Dias si è opposto alle prime due ritrattazioni e non ha risposto all’ultima. Salamat ha sostenuto le due ritrattazioni fatte quest’anno (Salamat è anche un azionista, ma non più un dipendente, di Unearthly Materials).



Sono state avanzate anche accuse secondo cui circa il 20% della tesi di dottorato di Dias sarebbe stata plagiata e Science ha pubblicato un’analisi di 109 pagine che illustra la portata del problema. L’Università di Rochester (dove Dias lavora come professore di ingegneria meccanica e fisica) ha avviato un’indagine dopo la smentita pubblicata in Physical Review Letters in agosto, secondo quanto riferisce il New York Times.

La nota di ritrattazione è stata pubblicata dalla rivista Nature.

2