I telescopi della NASA fotografano due stelle esplose

I telescopi della NASA iniziano l'anno con un doppio botto: l'immagine che immortala i resti di ben due stelle esplose

0
261
lune nascoste

I telescopi della NASA hanno immortalato un’immagine colorata e festosa che mostra i resti di non una, ma ben due stelle esplose. Tale resto di supernova è noto come 30 Doradus B (30 Dor B in breve) e fa parte di una regione più ampia dello spazio dove le stelle si sono formate continuamente negli ultimi 8-10 milioni di anni. Si tratta di un paesaggio complesso di stelle giovani, nubi oscure di gas e gas surriscaldato.

Tutto questo ammasso di meraviglie è situato a 160.000 anni luce dalla Terra presso la Grande Nube di Magellano, una piccola galassia satellite della Via Lattea.

NASA: come è stata realizzata l’immagine

La nuova immagine di 30 Dor B (che è possibile vedere come immagine in evidenza dell’articolo) è stata realizzata combinando i dati a raggi X dell’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA (viola), i dati ottici del telescopio Blanco da 4 metri in Cile (arancione e ciano) e i dati a infrarossi dello Spitzer Space della NASA. Telescopio (rosso). Sono stati aggiunti anche i dati ottici del telescopio spaziale Hubble della NASA in bianco e nero per evidenziare le caratteristiche nitide dell’immagine.

Un team di astronomi guidato da Wei-An Chen dell’Università Nazionale di Taiwan a Taipei,  ha utilizzato oltre due milioni di secondi del tempo di osservazione di Chandra di 30 Dor B e dei suoi dintorni per analizzare la regione. Hanno trovato un debole guscio di raggi X che si estende per circa 130 anni luce. (Per il contesto, la stella più vicina al Sole è a circa 4 anni luce di distanza). I dati di Chandra rivelano anche che 30 Dor B contiene venti di particelle che soffiano via da una pulsar, creando quella che è conosciuta come una nebulosa del vento della pulsar.

Una foto anomala

Se presi insieme ai dati di Hubble e di altri telescopi, i ricercatori hanno stabilito che nessuna singola esplosione di supernova potrebbe spiegare ciò che viene osservato. Sia la pulsar che i raggi X luminosi visti al centro di 30 Dor B probabilmente sono il risultato di un’esplosione di supernova dopo il collasso di una stella massiccia circa 5.000 anni fa. Il guscio più grande e debole dei raggi X, tuttavia, è troppo grande per essere il risultato della stessa supernova.



Invece, il team pensa che almeno due esplosioni di supernova siano avvenute in 30 Dor B, con il guscio a raggi X prodotto da un’altra supernova più di 5.000 anni fa. È anche del tutto possibile che in passato siano accadute anche altre cose. Questo risultato può aiutare gli astronomi a saperne di più sulla vita delle stelle massicce e sugli effetti delle loro esplosioni di supernova.

L’articolo condotto da Wei-An Chen che descrive questi risultati è stato recentemente pubblicato sull’Astronomical Journal. I coautori dell’articolo sono Chuan-Jui Li, You-Hua Chu, Shutaro Ueda, Kuo-Song Wang, Sheng-Yuan Liu, tutti dell’Istituto di Astronomia e Astrofisica, Academia Sinica, a Taipei, Taiwan, e Bo -An Chen dell’Università Nazionale di Taiwan. Il Marshall Space Flight Center della NASA gestisce il programma Chandra. Il Chandra X-ray Center dello Smithsonian Astrophysical Observatory controlla le operazioni scientifiche da Cambridge, Massachusetts, e le operazioni di volo da Burlington, Massachusetts.

Descrizione dell’immagine

La versione odierna presenta una spettacolare immagine composita di un’ampia regione dello spazio dove le stelle si sono formate continuamente negli ultimi otto-dieci milioni di anni. Al centro di questo complesso paesaggio di nubi di gas brillanti e colorate c’è un resto di supernova. Conosciuto come 30 Doradus B, il resto contiene probabilmente i resti di almeno due stelle esplose.

L’intera immagine è inondata di nuvole intricate e fasce di gas surriscaldato. Nel nostro angolo in alto a sinistra c’è una densa nuvola rosa corallo e color vino con una consistenza che ricorda lo zucchero filato. In basso e in alto a destra c’è una rete di nuvole rosso intenso che assomigliano a strisce di denso sciroppo rosso che galleggiano nell’acqua. Uno strato di sottile nuvola blu sembra essere presente in tutta l’immagine, ma è più evidente nella nostra parte inferiore sinistra, priva di gas sovrapposti. Puntini luminosi rosa, arancioni e viola, che sono stelle, punteggiano l’immagine.

2