Il naso del tuo cane può diagnosticare un tumore alla prostata prima del medico

Secondo un nuovo studio, i cani possono imparare a rilevare le sostanze chimiche nell’urina di un uomo che possono segnalare un rischio maggiore di avere un tumore alla prostata aggressivo.

Il cancro alla prostata è la seconda causa di morte per cancro negli uomini nel mondo sviluppato. I medici hanno cercato strumenti diagnostici non invasivi accurati e affidabili per differenziare le fasi iniziali, meno pericolose e più trattabili della malattia dalle forme aggressive, di alto grado e di probabile diffusione.

Gli esami del sangue standard per la diagnosi precoce, come il test dell’antigene prostatico specifico (PSA), spesso non rivelano i tumori negli uomini i cui livelli di PSA sono entro livelli normali o diagnosticano falsi positivi segnalando tumori clinicamente insignificanti.

In un piccolo studio pubblicato su PLOS ON, i ricercatori hanno fatto in modo che due cani annusassero campioni di urina di uomini con diagnosi di cancro alla prostata di alto grado e di uomini senza cancro.

Il naso dei cani fiuta il tumore alla prostata

I ricercatori avevano addestrato gli animali, Florin, una femmina di Labrador di 4 anni, e Midas, una femmina di 7 anni di vizsla ungherese a pelo duro, a rispondere alle sostanze chimiche correlate al cancro, note come composti organici volatili (COV) presenti nei campioni di urina e non reagire ai campioni che non presentavano i COV.

Oltre al PSA, altri metodi per rilevare il cancro alla prostata fanno uso di un analizzatore molecolare chiamato gascromatografia-spettrometro di massa [GC-MS] per trovare elementi COV specifici o profilare la popolazione batterica in un campione di urina alla ricerca di specie associate al cancro, ma questi test hanno molti limiti“, afferma Alan Partin, urologo capo presso il Johns Hopkins Hospital.

Ci chiedevamo se il fatto che i cani rilevassero le sostanze chimiche, combinato con l’analisi mediante GC-MS, il profilo batterico e una rete neurale di intelligenza artificiale (AI) addestrata per emulare la capacità di rilevamento del cancro canino, potesse migliorare significativamente la diagnosi di cancro alla prostata di alto grado.”

L’aggiunta dell’analisi AI, ha aiutato i ricercatori a filtrare gli oltre 1.000 COV presenti in un tipico campione di urina fino a quelli più utili per la diagnosi di tumore alla prostata, afferma Partin.

I cani hanno svolto bene il loro ruolo di rilevamento del cancro, dice Partin. Sia Florin che Midas hanno identificato cinque dei sette campioni di urina di uomini con tumore alla prostata, pari al 71,4% di accuratezza. Florin ha identificato correttamente 16 dei 21 campioni non aggressivi o senza cancro (76,2%) e Midas ne ha selezionati 14 (66,7%).

Quando i ricercatori hanno combinato i risultati olfattivi (olfattivi) canini con GC-MS, profilo batterico e analisi AI, l’approccio multisistemico si è rivelato un mezzo più sensibile e più specifico per rilevare il cancro alla prostata letale rispetto a qualsiasi metodo da solo.

Una lunga storia di preziosi campioni di pazienti “biobancari” ha reso possibile il recente studio e altre ricerche sul cancro alla prostata presso la Johns Hopkins Medicine, afferma Partin, aggiungendo che “pool di campioni più grandi saranno il fattore chiave per studi futuri multi-istituzionali statisticamente alimentati. cercando di integrare completamente i profili di COV e microbiota“.

Altri coautori provengono da Medical Detection Dogs nel Regno Unito, Massachusetts Institute of Technology, Prostate Cancer Foundation e Cambridge Polymer Group.

Fonte: Johns Hopkins University

Studio originale DOI: 10.1371 / journal.pone.0245530

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Industria 4.0, il futuro è già qui

Ebbene sì, siamo in piena IV rivoluzione industriale, ovvero...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Articoli correlati

Popular Categories