venerdì, Febbraio 3, 2023
Home Esplorazione Spaziale

NASA: Marte potrebbe mostrare l’esistenza di “antica vita microbica”

La recente scoperta della NASA su Marte potrebbe mostrare l'esistenza di "antica vita microbica". Dopo aver raccolto campioni di roccia di "alto valore" da un vecchio fondale di un lago marziano, gli scienziati della NASA sono un passo avanti verso la ricerca di prove di vita aliena su Marte

737

La recente scoperta della NASA su Marte potrebbe mostrare l’esistenza di “antica vita microbica”. Dopo aver raccolto campioni di roccia di “alto valore” da un vecchio fondale di un lago marziano, gli scienziati della NASA sono un passo avanti verso la ricerca di prove di vita aliena su Marte.

Meno di sette mesi dopo l’arrivo su Marte, la NASA ha rivelato che il rover Perseverance ha recuperato e conservato con successo il suo secondo campione di roccia. I due campioni di roccia, chiamati “Montdenier” e “Montagnac“, sono stati prelevati da una regione di Marte che in precedenza era vulcanicamente attiva e piena d’acqua

Gli scienziati ritengono che se la vita extraterrestre si fosse evoluta su Marte, queste sarebbero state le circostanze ideali per far prosperare i batteri.

“Sembra che i nostri primi sassi suggeriscano un possibile ambiente prolungato abitabile, il fatto che l’acqua sia stata presente per così tanto tempo è significativo”, ha affermato Ken Farley del California Institute of Technology (Caltech) e scienziato del progetto presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA.

Le due rocce potrebbero essersi formate a seguito di colate laviche e contengono una varietà di minerali interessanti che potrebbero aiutare gli scienziati a saperne di più sul vecchio clima di Marte.

Il pianeta arido, secondo gli scienziati, in precedenza assomigliava a una Terra giovanile, con un’atmosfera calda e umida e corpi d’acqua in superficie.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Perseverance della NASA sta attualmente esplorando il cratere Jazero

Perseverance, un’astronave della NASA, sta attualmente esplorando il cratere Jezero, che è largo 28 miglia (45 chilometri) ed è stato riempito d’acqua più di tre miliardi di anni fa. Gli scienziati non sono sicuri di quanto tempo l’acqua sia rimasta nel cratere e se sia stata abbastanza a lungo da far emergere la vita. I materiali vulcanici conservati nei campioni raccolti verranno analizzati per fornire un quadro più accurato delle condizioni su Jezero miliardi di anni fa.

Secondo gli scienziati, i cristalli di sale trovati all’interno delle rocce potrebbero aver contenuto bolle di vecchia acqua marziana. “Se queste rocce incontrassero l’acqua per lunghi periodi di tempo, potrebbero esserci nicchie abitabili all’interno di queste rocce che potrebbero aver sostenuto l’antica vita microbica”, ha detto la geologa della NASA Katie Stack Morgan in una conferenza stampa.

“I sali sono minerali eccellenti per conservare tracce di vita antica sulla Terra”, ha continuato, “e ci aspettiamo che lo stesso valga per le rocce su Marte”.

Dopo un precedente tentativo fallito, il rover ha raccolto il suo primo campione il 6 settembre. L’8 settembre è stato perforato il secondo nucleo roccioso dalla formazione rocciosa “Rochette.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Questi campioni hanno un valore enorme per le future analisi di laboratorio”, ha affermato Mitch Schulte, scienziato del programma della missione presso la sede della NASA.