La NASA sta esternalizzando un mistero marziano: puoi partecipare online

Con un nuovo progetto chiamato Cloudspotting on Mars, la NASA invita tutti i cittadini scienziati dilettanti a riempire il loro tempo libero setacciando i dati atmosferici marziani. Chiunque può farlo, in qualsiasi momento

461

Se sei come me e non riesci a resistere a siti web intelligenti – come questo, che ti guida attraverso l’evoluzione della fiducia – amerai l’ultima impresa della NASA.

Con un nuovo progetto chiamato Cloudspotting on Mars, la NASA invita tutti i cittadini scienziati dilettanti a riempire il loro tempo libero setacciando i dati atmosferici marziani. Chiunque può farlo, in qualsiasi momento.

Puoi accedere al sistema tramite la piattaforma online Zooniverse e, come il nome del programma rivela, l’obiettivo è semplicemente quello di individuare le nuvole marziane nascoste all’interno dei set di dati prodotti dal Mars Reconnaissance Orbiter della NASA. E sebbene l’intero processo sia in realtà piuttosto divertente, quasi meravigliosamente simile a una trance, il monitoraggio di queste nuvole ha uno scopo che va ben oltre l’intrattenimento che intorpidisce la mente.

Fondamentalmente, gli scienziati della NASA stanno esternalizzando il lavoro di rilevamento delle nuvole perché credono che abbiamo bisogno di un sacco di informazioni su questi soffi sottili per chiarire un enigma astronomico di vecchia data: che succede con l’atmosfera di Marte?

Dalle nostre osservazioni sulla Terra, Marte sembra avere un’atmosfera che è solo l’1% circa più densa di quella terrestre. Ma è strano, perché un’abbondanza di prove, secondo la NASA, suggerisce che il pianeta rosso aveva un’atmosfera significativamente più densa della nostra.

Allora, cosa è successo a quel guscio esterno marziano un tempo robusto?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Cambi stagionali su Marte
I cambiamenti possono essere visti nelle dune di sabbia di Marte dall’inizio della primavera (a sinistra) fino all’inverno marziano. Il pannello finale (all’estrema destra) mostra più dune scure esposte mentre lo strato sovrastante di ghiaccio stagionale evapora di nuovo nell’atmosfera.NASA/JPL-Caltech/Univ. dell’Arizona

Bene, se riusciamo a decodificare la popolazione di nuvole su Marte, potremmo aprire la strada a una risposta, sostiene l’agenzia. Questa teoria deriva dal fatto che questi strati di gas marziano – a volte fatti di anidride carbonica, che potresti conoscere come ghiaccio secco, e talvolta di acqua ghiacciata – costituiscono praticamente la struttura dell’atmosfera media del pianeta.

Vogliamo imparare cosa innesca la formazione delle nuvole – in particolare le nuvole di ghiaccio d’acqua, che potrebbero insegnarci quanto il vapore acqueo raggiunge l’alta atmosfera – e durante quali stagioni“, ha detto in una nota Marek Slipski, ricercatore post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a California del sud. Tutto sommato, questa conoscenza potrebbe informarci su come l’atmosfera di Marte si è evoluta nel tempo fino a diventare il fragile rivestimento che vediamo oggi.

C’è solo un piccolo problema. L’idea di trovare manualmente ogni nuvola marziana è leggermente inverosimile.

Ora abbiamo oltre 16 anni di dati da cercare, il che è molto prezioso: ci consente di vedere come cambiano le temperature e le nuvole nelle diverse stagioni e di anno in anno“, ha affermato Armin Kleinboehl, vice ricercatore principale di Mars Climate Sounder presso JPL, ha affermato in una nota. “Ma ci sono troppi dati da esaminare per un piccolo team“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

E come afferma Cloudspotting nel suo tutorial, “ci sono così tante nuvole che un singolo individuo non può trovarle tutte da solo. Con l’aiuto di te e di altri scienziati cittadini, pensiamo che si possano identificare decine di migliaia di queste nuvole!

Ecco come funziona tutto.

Bloccaggio sugli archi

Prima di tutto, le nuvole di set di dati che traccerai non sembrano nuvole. Francamente, sembrano striature bluastre tie-dye che vedresti su una maglietta da campo fai-da-te.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma all’interno di queste strisce si nasconde il tesoro del mistero marziano. Ogni punto di interesse è rappresentato da archi tra i modelli azzurri, perché mentre l’orbiter della NASA si sposta e supera le nuvole, queste nuvole sembrano “salire da dietro l’atmosfera a un’altitudine più alta e poi cadere di nuovo“, come dice il tutorial, quindi visualizzando una forma ad arco nei dati.

Le vette di questi archi sono le vere posizioni delle nuvole che la NASA sta cercando.

Una rappresentazione di ogni arco di rilevamento delle nuvole nel nuovo programma della NASA.
Ecco come appaiono gli archi nel programma Cloudspotting.Cloudspotting/NASA

Ogni volta che accedi per svolgere i tuoi compiti di caccia alle nuvole per la giornata, guarderai queste immagini — che coprono ore di osservazioni dell’orbiter — e ti verrà chiesto di segnare i picchi di tutti gli archi che trova. Ecco uno screenshot di una delle mie catture.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Un arco selezionato in Cloudspotting.
Ne ho preso uno!Screenshot di Monisha Ravisetti/CNET

Può diventare leggermente difficile a seconda dell’immagine a portata di mano, soprattutto perché devi guardare alcuni frame diversi dello stesso set di dati per essere sicuro che un candidato cloud non passi inosservato. Gli archi stessi possono anche essere difficili da distinguere a volte.

Ma il lato positivo è che Cloudspotting include anche una sorta di area del forum in cui puoi parlare con altri cloudspotter delle tue prove e confusioni.

Quindi, trova i tuoi compagni di osservazione delle nuvole e buona caccia.