6.2 C
Rome
sabato, Novembre 26, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaIl nuovo e-book scaricabile su Hubble pubblicato dalla NASA porta i lettori...

Il nuovo e-book scaricabile su Hubble pubblicato dalla NASA porta i lettori in un viaggio verso mondi meravigliosi

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il team del telescopio spaziale Hubble della NASA ha pubblicato una nuova edizione della serie di e-book Hubble Focus, chiamata “Hubble Focus: Strange New Worlds“. Questo e-book mette in evidenza le recenti scoperte della missione sui mondi al di fuori del nostro sistema solare, quei mondi che chiamiamo esopianeti.

In alto a sinistra: l'apertura "Hubble Focus" del telescopio è la "O" Centro: stella bianco brillante, Centro in basso: pianeta rosso-arancione con bande di nubi, Centro: piccola stella bianco brillante e stella nana rosso-arancio molto piccola
Questo e-book fa parte di una serie chiamata Hubble Focus, che presenta alcune delle recenti scoperte cosmiche di Hubble. La sua copertina, mostrata qui, presenta un’illustrazione del pianeta bollente Kepler-13Ab che orbita estremamente vicino alla sua stella ospite, Kepler-13A, che fa parte di un sistema stellare multiplo. I compagni della stella, Kepler-13B e la piccola nana rosso-arancione Kepler-13C, sono sullo sfondo.
Crediti: Goddard Space Flight Center della NASA

Scarica:

Formato ePub (120 MB)

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Formato PDF (5 MB)

Il telescopio spaziale Hubble sta aprendo ancora una volta i nostri occhi su un universo incredibile, questa volta sulla natura dei mondi alieni“, ha affermato Jennifer Wiseman, ricercatrice senior del progetto Hubble della NASA. “Questi sono risultati impressionanti se consideriamo che quando Hubble è stato progettato e lanciato, nessun esopianeta era ancora stato scoperto“.

Mondi strani e altre terre

Per migliaia di anni, le persone hanno creduto che la Terra fosse fissata al centro dell’universo e che ogni altro oggetto celeste ruotasse attorno al nostro pianeta. Ma nel tempo è diventato chiaro che la Terra non occupava una posizione così speciale. La gente ha cominciato a vedere che forse la Terra non era così unica come pensavano. Alcuni si sono persino chiesti se potrebbero esserci pianeti che circondano altre stelle.

Ad oggi, gli astronomi hanno trovato più di 5.000 esopianeti. Mentre gli astronomi inizialmente si aspettavano di trovare sistemi simili al nostro, la maggior parte dei primi esopianeti che hanno scoperto erano selvaggi ed esotici rispetto al nostro sistema solare. Gli studi sugli esopianeti di Hubble continuano ad aiutare ad ampliare la nostra visione dei sistemi planetari rivelando ancora più stranezze, spesso studiando la chimica delle loro atmosfere tramite la spettroscopia, lo studio delle informazioni codificate nella luce.

Le osservazioni spettroscopiche di Hubble hanno svelato mondi avvizziti che si riducono man mano che perdono la loro atmosfera nello spazio e pianeti in orbite bizzarre. Ma l’Osservatorio ha anche rivelato mondi più simili al nostro. Hubble ha studiato le atmosfere degli esopianeti e ne ha trovati molti che contengono vapore acqueo, un ingrediente essenziale per la vita come la conosciamo. Alcuni di questi mondi orbitano persino all’interno della zona abitabile della loro stella, che è l’intervallo di distanze orbitali in cui le temperature sono abbastanza miti che l’acqua liquida potrebbe accumularsi sulle superfici dei pianeti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Hubble ci ha fornito una grande quantità di informazioni sulla varietà che esiste tra gli esopianeti, sondando la composizione delle loro atmosfere e scoprendo condizioni meteorologiche esotiche che non si vedono da nessuna parte sulla Terra e nemmeno altrove nel nostro sistema solare“, ha affermato Ken Carpenter, scienziato del progetto operativo di Hubble con sede al Goddard Space Flight Center della NASA. “Ha anche condotto un’esplorazione estremamente critica della relazione tra questi esopianeti e le loro stelle ospiti e di come determina le condizioni sulle superfici planetarie che influenzano la loro abitabilità. Hubble ci ha mostrato che anche altre stelle possono ospitare mondi abitabili, ampliando così la nostra ricerca di vita in altre parti della galassia“.

Tempo alieno e relazioni stellari

La Terra mostra un’ampia gamma di condizioni meteorologiche, dai temporali, ai cieli soleggiati alle bufere di neve. Grazie a Hubble, gli astronomi hanno appreso del tempo che sperimentano alcuni esopianeti, tra cui pioggia di ferro fuso, cieli ambrati e persino raffiche di neve simili a crema solare. Le osservazioni future potrebbero rivelare maggiori informazioni su ciò che guida il clima degli esopianeti, comprese le loro relazioni con le stelle ospiti.

affioramenti frastagliati emergono da un oceano liquido, un bagliore bianco-arancio da una stella al centro a destra. Altri 3 pianeti sono nel cielo e si allontanano in alto a sinistra dalla stella al tramonto
Il concept di questo artista mostra come potrebbe apparire la vista dalla superficie di TRAPPIST-1f, un pianeta delle dimensioni della Terra in orbita attorno a una stella a circa 40 anni luce dalla Terra.
Crediti: NASA/JPL-Caltech

Se la nostra stella ospite, il Sole, fosse solo un po’ più calda o più fredda, o se fosse molto più antica o più giovane, la Terra potrebbe non essere abitabile. Hubble ha aiutato gli astronomi a esplorare altre relazioni pianeta-stella, offrendo indizi su come potrebbero evolversi e informando la nostra ricerca di mondi abitabili. L’osservatorio ha persino rivelato un mondo con due soli e ha studiato diversi tipi di stelle da esplorare che sono più favorevoli alla vita.

Mentre le stelle simili al Sole possono essere gli obiettivi più ovvi per la ricerca di pianeti abitabili, Hubble ha rivelato che le nane arancioni – più piccole e più fredde del nostro Sole giallo-bianco, ma più grandi e più calde delle nane rosse – potrebbero offrire maggiori possibilità. Queste stelle non sono troppo calde, troppo fredde o troppo violente per ospitare pianeti favorevoli alla vita per vasti periodi di tempo cosmico. Le future osservazioni di Hubble continueranno ad aiutarci a focalizzare la nostra ricerca di mondi abitabili, avvicinandoci sempre più alla possibilità di trovare la vita su altri pianeti.

Gli abitanti del disco

Nuove stelle si formano nella Via Lattea da vorticose nubi di gas e polvere sparse per tutta la nostra galassia. Le vestigia di quelle nuvole rimangono, circondando ogni stella in un disco che diventa sempre più diffuso man mano che i detriti si aggregano per formare oggetti come pianeti. Gli studi sugli esopianeti di Hubble si sono concentrati in gran parte sui pianeti stessi, ma occasionalmente emergono sorprese nei dischi in cui sono incorporati questi pianeti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Hubble ha visto un’ombra inquietante attraversare il disco circostante di una stella, ha studiato le comete che la gravità di un pianeta sta precipitando nella sua stella e ha osservato un pianeta in crescita divorare materiale. L’osservatorio ha anche offerto indizi sul mistero del perché esistono così pochi pianeti delle dimensioni della Terra e di Nettuno. Hubble continuerà a rivelare nuove informazioni sui mondi che abbelliscono la nostra galassia negli anni a venire, fornendo suggerimenti sulla formazione e l’evoluzione del nostro sistema solare lungo il percorso.

Essendo la quarta edizione della serie, questo e-book si basa sulla ricchezza di informazioni condivise nelle versioni precedenti, incentrate sul sistema solare, le stelle e le galassie. Le prossime edizioni si concentreranno su altri argomenti cosmici, come la materia oscural’energia oscura, due misteri cosmici invisibili che costituiscono la maggior parte del nostro universo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il nuovo e-book è compatibile con la maggior parte dei dispositivi elettronici e può essere scaricato gratuitamente in più formati da:

https://www.nasa.gov/content/goddard/hubble-e-books

Articoli più letti