Allarme morbillo in Europa: i casi sono aumentati di 45 volte

Il Morbillo rischia di diventare pandemico a causa delle comunità sottovaccinate dove la malattia si sta diffondendo ad un ritmo allarmante

0
134
Morbillo

“In Europa si è verificato un aumento “allarmante” di quasi 45 volte dei casi di morbillo, afferma l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). I vertici della Sanità avvertono che i casi sono ancora in aumento e che sono necessarie “misure urgenti” per prevenirne un’ulteriore diffusione.

Morbillo

Morbillo: perché i casi sono in aumento?

Nel 2023 sono state infettate circa 42.200 persone, rispetto alle 941 dell’intero 2022. L’OMS ritiene che ciò sia il risultato del minor numero di bambini vaccinati contro la malattia durante la pandemia di Covid.

Nel Regno Unito, i funzionari sanitari hanno affermato che un’epidemia altamente contagiosa nelle West Midlands potrebbe diffondersi rapidamente ad altre città con bassi tassi di vaccinazione. Secondo l’NHS England, oltre 3,4 milioni di bambini sotto i 16 anni non sono protetti e rischiano di ammalarsi a causa della malattia.

Milioni di genitori e tutori vengono contattati e invitati a fissare un appuntamento per garantire che i loro figli siano completamente vaccinati. Il vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia (MMR) viene somministrato in due dosi: la prima intorno all’età di un anno e la seconda quando il bambino ha circa tre anni e quattro mesi.



Il vaccino è molto efficace nel proteggere dalla malattia, ma solo l’85% dei bambini che iniziano la scuola primaria nel Regno Unito hanno ricevuto entrambi i vaccini.

Parlando della situazione in Europa, il dottor Hans Kluge, direttore regionale dell’OMS, ha dichiarato: “Abbiamo visto, nella regione, non solo un aumento di 30 volte dei casi di infezione, ma anche quasi 21.000 ricoveri e cinque decessi correlati al morbillo. Questo è preoccupante. La vaccinazione è l’unico modo per proteggere i bambini da questa malattia potenzialmente pericolosa”.

Morbillo

Il morbillo può essere una malattia grave a qualsiasi età. Spesso inizia con febbre alta ed eruzione cutanea, che normalmente si risolve entro 10 giorni, ma le complicanze possono includere polmonite, meningite, cecità e convulsioni.

I soggetti più a rischio sono i bambini troppo piccoli per aver ricevuto la prima dose di vaccino, le donne incinte e coloro che hanno un sistema immunitario indebolito. Durante la gravidanza, questa malattia può portare a nati morti, aborti spontanei e alla nascita di un bambino con basso peso.

A tutti i paesi della regione europea viene chiesto di individuare e rispondere rapidamente alle epidemie di morbillo, oltre a somministrare vaccini a più persone. L’OMS ha affermato che lo scorso anno la malattia ha colpito tutte le fasce d’età: giovani e anziani.

Nel complesso, due casi su cinque hanno riguardato bambini di età compresa tra 1 e 4 anni e un caso su cinque ha riguardato adulti di età pari o superiore a 20 anni. Tra gennaio e ottobre 2023, 20.918 persone in tutta Europa sono state ricoverate in ospedale con l’infezione. In due paesi sono stati segnalati anche cinque decessi correlati al morbillo.

I tassi di vaccinazione per la prima dose del vaccino MPR, che protegge dal morbillo, sono scesi dal 96% nel 2019 al 93% nel 2022 in tutta Europa. Nello stesso periodo l’assorbimento della seconda dose è sceso dal 92% al 91%.

Morbillo

Questo calo apparentemente piccolo nella frequenza delle vaccinazioni significa che più di 1,8 milioni di bambini in Europa non hanno ricevuto una vaccinazione durante questi due anni: “La pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto significativo sulle prestazioni del sistema di immunizzazione in questo periodo, determinando un accumulo di bambini non vaccinati e sotto-vaccinati“, ha riferito l’OMS.

Con il boom dei viaggi internazionali e l’eliminazione delle misure di distanziamento sociale, il rischio che il morbillo si diffonda oltre i confini e all’interno delle comunità è molto maggiore, soprattutto tra le popolazioni sottovaccinate.

Anche i paesi che hanno raggiunto lo status di debellamento del morbillo sono a rischio di grandi epidemie, ha avvertito l’OMS. Si afferma che il 95% dei bambini deve essere vaccinato con due dosi in tutte le comunità per prevenire la diffusione della malattia altamente contagiosa.

2