Un nuovo metodo di calcolo quantistico più efficiente del 2.500%

Un'azienda ha rivelato i risultati di esperimenti di benchmarking che dimostrano come un metodo avanzato di soppressione degli errori abbia aumentato la probabilità di successo degli algoritmi di calcolo quantistico su hardware reale

0
616

Ci siamo appena avvicinati di anni a computer quantistici praticabili.

Un’azienda ha rivelato i risultati di esperimenti di benchmarking che dimostrano come un metodo avanzato di soppressione degli errori abbia aumentato la probabilità di successo degli algoritmi di calcolo quantistico su hardware reale, secondo un comunicato stampa.

E il nuovo metodo ha aumentato le probabilità di successo di un 2.500% senza precedenti.

Una svolta nell’informatica quantistica ha appena avvicinato le applicazioni di anni

Oggi, la maggior parte dei computer quantistici è in grado di gestire solo gli algoritmi più semplici e brevi, dal momento che sono estremamente soggetti a errori. E recenti esperimenti di benchmarking algoritmico di benchmarking eseguiti dal Quantum Economic Development Consortium degli Stati Uniti, gli errori osservati nei sistemi hardware durante i test erano così gravi che a volte i computer fornivano risultati statisticamente indistinguibili dal caso casuale. 

E questo non è qualcosa che vuoi dal tuo computer. Ma utilizzando un software specializzato per alterare gli elementi costitutivi degli algoritmi quantistici, chiamati “porte logiche quantistiche“, la società Q-CTRL ha scoperto un modo per ridurre gli errori di calcolo di un livello senza precedenti, secondo il comunicato.



I nuovi risultati sono stati ottenuti tramite diversi computer quantistici IBM e hanno anche mostrato che le nuove porte logiche quantistiche erano oltre 400 volte più efficienti nel fermare gli errori di calcolo rispetto a qualsiasi metodo visto prima. È difficile sopravvalutare quanto questo semplifichi la procedura per consentire agli utenti di sperimentare prestazioni notevolmente migliorate sui dispositivi quantistici.

“Questa è la più potente tecnologia di soppressione degli errori mai dimostrata e offre un enorme vantaggio competitivo agli utenti”, ha affermato il CEO e fondatore di Q-CTRL Michael J. Biercuk, che è anche un professore. “Queste tecniche di facile utilizzo consentiranno probabilmente alle organizzazioni di ottenere utili computer quantistici anni prima delle proiezioni attuali”.

Una soluzione “agnostica dall’hardware” per gli errori di calcolo quantistico

“In precedenza avevamo dimostrato le prestazioni delle porte logiche quantistiche resistenti agli errori, ma mettere insieme tutti i pezzi e osservare un algoritmo eseguito in modo migliore del 2.500% è stato assolutamente sorprendente”Biercuk discuterà la nuova scoperta durante la conferenza sulla tecnologia quantistica a New York, ma questa è una svolta sostanziale nel progresso dell’informatica quantistica, una tecnologia che dovrebbe trasformare le applicazioni dell’informatica moderna, dalla finanza e dalla logistica aziendale alla scoperta di farmaci e alla difesa . Ma l’hardware necessario per questi progressi è estremamente fragile e instabile, impedendo a questi computer di raggiungere questi obiettivi di nuova generazione.

A ottobre, i fisici in Cina hanno affermato di aver costruito un computer quantistico 10 milioni di volte più veloce di quello di GoogleSycamore a 55 qubit, rendendo la Cina il detentore del titolo per le velocità di calcolo quantistico. Ma la nuova macchina può funzionare solo in ambienti molto incontaminati, per un insieme di attività estremamente limitato. E, cosa più importante, le macchine di calcolo quantistico cinesi continuano a commettere molti errori. 

Ma se il metodo di Q-CTRL può essere applicato ai computer quantistici più veloci del mondo, a Google e altrove, potremmo presto vedere una svolta storica mondiale nel software di calcolo quantistico che accorcerebbe i tempi per portare la prossima generazione di tecnologia informatica a mercato. Questo è il motivo per cui Q-CRTL sta lavorando per fornire un software che funzioni su qualsiasi hardware affrontando frontalmente il problema dell’errore di calcolo, e il suo successo più recente ci ha appena avvicinato di un passo a questo tanto atteso salto tecnologico.

2