Meta lancia la nuova piattaforma Threads, rivale di Twitter. Confrontiamole

L’attesissima app di “conversazione testuale” di Meta, Threads, è attiva e ha raccolto 30 milioni di utenti entro il primo giorno dal suo lancio.

L’app, un’integrazione di Instagram, rivale di Twitter, è ora disponibile su Apple e Google Play in 100 paesi, ad eccezione dell’Unione Europea, dove i problemi normativi ne hanno ritardato il lancio. Nonostante ciò, ha già scavalcato le alternative di Twitter, BlueSky e Mastodon, nel numero di utenti attivi.

Instagram è un posto dove miliardi di persone in tutto il mondo si connettono tramite foto e video. La nostra visione con Threads è quella di prendere ciò che Instagram fa meglio ed espanderlo al testo, creando uno spazio positivo e creativo per esprimere le tue idee“, ha scritto Meta in un post sul blog.

Netflix, Rolling Stone, HBO, ecc. Sono stati tra i primi a registrarsi sull’app. Tra le celebrità, Shakira, Richard Branson, Deepak Chopra, Oprah Winfrey e il Dalai Lama si sono affrettati a salire sul carrozzone di Threads.

XBR6eZp3NQBbvGU6euvpqdImK2wfBhR8zsyOoIFI
L’aspetto della pagina di accesso – Meta

In che modo Thread è diverso da Twitter?

Meta scrive che: “Threads offre un nuovo spazio separato per gli aggiornamenti in tempo reale e le conversazioni pubbliche“, suona familiare, non è vero?

Il proprietario di Twitter, Elon Musk, ha una posizione simile e vorrebbe trasformare l’app dei cinguettii in una piazza cittadina digitale in cui opinioni diverse sono benvenute e possono essere discusse.

Andiamo alle basi.

Sebbene Twitter abbia un limite di 280 caratteri per gli utenti base e un limite di 10.000 caratteri per gli utenti di Twitter Blue, i post di Threads possono avere una lunghezza massima di 500 caratteri e includere collegamenti, foto e video della durata massima di cinque minuti. Mentre su Twitter, un utente può caricare un video della durata massima di due ore con una dimensione del file di 8 GB.

Dopo aver provato l’app di threads, gli utenti hanno segnalato la presenza di numerosi bug che devono essere corretti. Ad esempio, un utente ha ricevuto un “mi piace” ad un proprio post su Instagram ma la relativa notifica gli è stata inviata su Threads.

Come segui le persone?

I thread consentono agli utenti di connettersi e seguire le persone che stanno già seguendo su Instagram. Per creare un profilo su Threads, gli utenti possono accedere immediatamente utilizzando le loro attuali credenziali di accesso a Instagram, dando all’app l’accesso a più di 1 miliardo di utenti Instagram con la semplice pressione di un pulsante.

L’app offre la possibilità di popolare i dettagli dell’account esistente come immagine di visualizzazione, nome, nome utente e follower su Threads.

Puoi seguire automaticamente le persone che segui su Instagram – Meta

Mentre Twitter richiede che le persone che utilizzano il servizio abbiano almeno 13 anni, Threads consente a persone di tutte le età con la clausola che gli utenti sotto i 16 anni (o sotto i 18 anni in alcuni paesi) avranno per impostazione predefinita un profilo privato quando accedono all’app.

Proprio come su Twitter, Threads consente ai suoi utenti di smettere di seguire, bloccare, limitare o segnalare un profilo toccando il menu a tre punti nell’angolo. Tutti gli account che sono stati bloccati su Instagram verranno automaticamente bloccati anche su Thread.

A differenza di Twitter, gli utenti di Thread non possono attualmente inviare messaggi diretti sull’app.

Pubblicità

Se sei stanco di vedere annunci su Twitter e Instagram ogni due minuti, puoi tirare un sospiro di sollievo. Gli utenti di Threads non vedranno alcun annuncio almeno per un anno, poiché Meta ha deciso di non monetizzare l’app per il momento.

Preoccupazioni relative alla privacy

Pochi giorni prima del lancio dell’app, Meta ha messo Threads sull’App Store per il preordine, dopodiché ci sono stati alcuni problemi di privacy sollevati dagli utenti. È stato notato che l’app raccoglie molti dati utente sensibili relativi a salute, finanze, acquisti, contatti, dati di utilizzo, cronologia di navigazione, come riferisce TechCrunch – qualcosa che non è passato inosservato al co-fondatore di Twitter e Bluesky Jack Dorsey:

L’azienda sta anche affrontando problemi nell’UE. La Corte di giustizia europea ha confermato il diritto dei watchdog dell’UE di indagare sulle violazioni della privacy in una sentenza secondo cui è necessario il consenso dell’utente per poter utilizzarne i dati per profilarli per gli annunci pubblicitari, come riferisce The GuardianDa notare che due mesi fa, Meta è stata multata di $ 1,3 miliardi per aver esportato i dati degli utenti negli Stati Uniti per l’elaborazione.

Guardare e sentire

Sebbene Threads assomigli a un cugino della Gen Z di Twitter, alcune delle diciture iconiche utilizzate da Twitter sono state sostituite. Ad esempio, i retweet sono chiamati “repost” e i tweet sono chiamati “thread”.

Meta

Interoperabilità

Sebbene non sia ancora connesso, Meta alla fine prevede di collegare Threads con Activity Pub, la piattaforma decentralizzata utilizzata per eseguire servizi come Mastodon, consentendo loro anche di interagire con gli utenti su altre piattaforme che utilizzano questa dorsale. Quando richiesto, saranno semplicemente in grado di trasferire il proprio account di social media su un’altra piattaforma utilizzando Activity Pub, riferisce The Verge.

Tempismo perfetto

Con tutto quello che è successo su Twitter dall’acquisizione di Musk, anche il più fedele degli utenti di Twitter ha cercato una  piattaforma alternativa  per avere conversazioni decenti che erano possibili quando la piattaforma dei social media è iniziata.

Il lancio arriva in un momento in cui Twitter sembra implodere, molto tempo dopo che l’ex CEO e proprietario Elon Musk ha licenziato un numero significativo di dipendenti e staccato le spine sui server nel tentativo di ridurre i costi. In una recente decisione, Musk ha imposto limiti ai tweet visualizzabili con l’attuale CEO, Linda Yaccarino, spettatrice muta dei guai degli utenti.

Questa non è la prima volta che Meta, precedentemente noto come Facebook, prende idee da piattaforme social rivali. Dopo aver acquistato Instagram per oltre 1 miliardo di dollari nel 2012 e poi l’app di messaggistica WhatsApp per 19 miliardi di dollari nel 2019, ha lanciato Instagram Reels nel 2020 in risposta alla crescente popolarità di TikTok.

Ma il tentativo di Meta di mettersi in concorrenza non ha raccolto i risultati sperati. Nel corso degli anni, Meta ha chiuso Hello, Moves, Paper, Poke, Camera, Home, Slingshot, Groups, Moments e altri.

Ha persino lanciato un rivale di Snapchat, chiamato a sua volta Threads, nel 2019, ma ha fallito ed è stato di conseguenza ritirato dall’azienda. Sarà molto difficile per gli utenti ignorare che Threads è davvero un’app Meta, anche se viene etichettata come un’offerta Instagram.

Che la battaglia abbia inizio!

Se un’ondata di thread dovesse spazzare via il miliardo di utenti di Instagram e costringerli a creare account sulla piattaforma, le uniche persone che si salverebbero sarebbero quelle residenti nell’UE, dove Meta ha dovuto rimandare il lancio.

Secondo  il rapporto di TechCrunch, non ci sono attualmente ostacoli normativi per Meta per il lancio di Threads in Europa, ma la società sta agendo con cautela dopo le recenti sentenze contro le sue pratiche operative, che hanno portato a grosse multe per l’azienda nella regione.

Meta fa molto affidamento su dati utente estesi che raccoglie per canalizzare i suoi annunci e le leggi sulla privacy dell’UE intaccano notevolmente l’utilizzo di queste informazioni senza l’autorizzazione esplicita dell’utente.

Mentre aspettiamo le prossime mosse di Meta nell’UE, ha sicuramente costretto Twitter a reagire e, infatti, oggi sono state revocate le restrizioni sulle visualizzazioni dei contenuti che erano state imposte durante il fine settimana.

La guerra dei social media per il dominio nelle piattaforme testuali è ormai aperta e la osserveremo da vicino per vedere chi prevarrà tra Musk e Zuck.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Articoli correlati

Popular Categories