Emissioni di metano causate dallo scioglimento dei ghiacciai dell’Artico

I ghiacciai dell'Artico in contrazione stanno aumentando l'esposizione di sorgenti di acque sotterranee che rilasciano grandi quantità di metano, un potente gas serra

0
165
Metano sotto i ghiacciai dell'Artico
Metano sotto i ghiacciai dell'Artico

[tta_listen_btn]
Mentre l’Artico si riscalda, i ghiacciai si sciolgono; in questo nulla di nuovo, per quanto questa sia comunque una situazione già grave di per sé. Tuttavia, come se questo non bastasse, lo scioglimento dei ghiacci aumenta l’esposizione di gorgoglianti sorgenti di acque sotterranee che, secondo una nuova ricerca pubblicata su Nature Geoscience lo scorso 6 luglio, potrebbe fornire una fonte importante di metano, che è un importante gas serra.

Il metano, si sa, è una sostanza inquinante e questo potrebbe avere seri effetti sull’ecosistema, così come per l’atmosfera. A confermare la fuoriuscita di grandi quantità di gas serra in seguito allo scioglimento dei ghiacciai è lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge e del Centro universitario delle Svalbard, in Norvegia.

Metano sotto l’Artico: i timori degli scienziati

Gabrielle Kleber, autrice principale della ricerca e attiva presso il Dipartimento di Scienze della Terra di Cambridge, ha affermato tramite alcune dichiarazioni riportate da Scitechdaily.com: “Queste sorgenti sono una fonte considerevole e potenzialmente in crescita di emissioni di metano, una fonte che fino ad ora mancava dalle nostre stime del bilancio globale del metano”.

Gli scienziati temono che ulteriori emissioni di metano rilasciate dal disgelo artico possano aumentare il riscaldamento globale indotto dall’uomo. Le sorgenti studiate dai ricercatori non erano state precedentemente riconosciute come una potenziale fonte di emissioni di metano.

Il lavoro di Gabrielle Kleber

Kleber ha trascorso quasi tre anni a monitorare la chimica dell’acqua di oltre un centinaio di sorgenti in tutte le Svalbard, dove le temperature dell’aria stanno aumentando due volte più velocemente della media dell’Artico. Paragona le Svalbard al canarino nella miniera di carbone del riscaldamento globale: “Poiché quest’area si sta riscaldando più velocemente del resto dell’Artico, possiamo avere un’anteprima del potenziale rilascio di metano che potrebbe avvenire su scala più ampia in questa regione”.

Il professor Andrew Hodson, coautore dello studio del Centro universitario delle Svalbard, ha dichiarato: “Vivere alle Svalbard ti espone alla prima linea del cambiamento climatico artico. Non riesco a pensare a niente di più netto della vista del metano che degassifica nelle immediate vicinanze di un ghiacciaio in ritirata”.



Analisi sullo scongelamento del permafrost

In precedenza, la ricerca si è concentrata sul rilascio di metano dallo scongelamento del permafrost (terreno ghiacciato). “Mentre l’attenzione è spesso rivolta al permafrost, questa nuova scoperta ci dice che ci sono altri percorsi per le emissioni di metano che potrebbero essere ancora più significativi nel bilancio globale del metano”, ha detto la coautrice dello studio, la professoressa Alexandra Turchyn, anche lei del Dipartimento di Scienze della Terra di Cambridge.

Hodson ha aggiunto: “Fino a quando questo lavoro non è stato condotto, non capivamo la fonte e i percorsi di questo gas perché stavamo leggendo studi da parti completamente diverse dell’Artico dove i ghiacciai sono assenti”.

Le sorgenti di metano

Le sorgenti di metano che hanno identificato sono alimentate da un sistema idraulico nascosto sotto la maggior parte dei ghiacciai, che attinge a grandi riserve di acque sotterranee all’interno dei sedimenti sottostanti e del substrato roccioso circostante. Una volta che i ghiacciai si sciolgono e si ritirano, le sorgenti compaiono dove questa rete di acque sotterranee raggiunge la superficie.

I ricercatori hanno scoperto che le emissioni di metano dalle sorgenti di acque sotterranee glaciali attraverso le Svalbard potrebbero superare le 2.000 tonnellate nel corso di un anno, il che equivale a circa il 10% delle emissioni di questo gas derivanti dall’industria energetica annuale del petrolio e del gas della Norvegia.

Questa fonte di gas serra diventerà probabilmente più significativa man mano che più sorgenti saranno esposte, ha affermato Kleber: “Se il riscaldamento globale continua senza controllo, il rilascio di metano dalle sorgenti glaciali sotterranee probabilmente diventerà più esteso”.

Come riconoscere le sorgenti d’acqua sotterranee glaciali

Le sorgenti di acque sotterranee glaciali non sono sempre facili da riconoscere, quindi Kleber ha allenato il suo occhio a individuarle dalle immagini satellitari.

Ingrandendo le aree di terra esposte dal ritiro di 78 ghiacciai attraverso le Svalbard, Kleber ha cercato rivoli di ghiaccio blu rivelatori dove le acque sotterranee erano fuoriuscite in superficie e si erano congelate. Ha poi viaggiato in ciascuno di questi siti in motoslitta per prelevare campioni delle acque sotterranee nei punti in cui il ghiaccio presentava “vesciche” a causa dell’acqua pressurizzata e dell’accumulo di gas.

2