Medicina antica: 7 tecniche tra le più bizzarre della storia

In questo elenco sono descritti 7 trattamenti della medicina antica, tra più strani e bizzarri, che ci fanno apprezzare tutti i progressi fatti finora in campo medico

0
3405
Medicina antica: 7 tecniche tra le più bizzarre della storia
Medicina antica: 7 tecniche tra le più bizzarre della storia

Il celebre giuramento di Ippocrate fatto dai medici, come ben sappiamo, impone loro di “non nuocere” ai pazienti. Tuttavia, come possiamo vedere dalla storia, questa regola non è stata sempre seguita. La medicina antica infatti ha provato numerosi modi per alleviare il dolore e vari disturbi, con tecniche a dir poco bizzarre!

Nel corso del tempo sono stati fatti molti errori e scelte brutali che, a volte, hanno causato più danni che benefici. In questo elenco sono descritti 7 trattamenti medici tra più strani che ci fanno apprezzare tutti i progressi che la scienza medica ha attraversato nel tempo.

Medicina antica: il salasso

Per migliaia di anni, i medici si sono aggrappati alla convinzione che la malattia fosse semplicemente il risultato di un po’ di “sangue cattivo“. Il salasso iniziò probabilmente con gli antichi Sumeri ed Egizi, ma non divenne pratica comune fino al tempo della Grecia classica e di Roma.

Medici influenti come Ippocrate e Galeno sostenevano che il corpo umano era pieno di quattro sostanze di base, o “umori” – bile gialla, bile nera, catarro e sangue – che dovevano essere mantenuti in equilibrio per mantenere una salute adeguata. Con questo in mente, ai pazienti con febbre o altri disturbi veniva spesso diagnosticata una sovrabbondanza di sangue.

Per ripristinare l’armonia corporea, il loro medico avrebbe semplicemente aperto una vena e fatto defluire alcuni dei loro fluidi vitali in un recipiente. In alcuni casi, venivano utilizzate persino le sanguisughe per succhiare il sangue direttamente dalla pelle. Sebbene potesse facilmente provocare la morte accidentale per perdita di sangue, la cosiddetta “flebotomia” è stata una pratica medica comune fino al XIX secolo.



Gli antichi medici prescrivevano il drenaggio del sangue come trattamento per tutto, dal mal di gola alla peste, e alcuni barbieri lo elencavano come servizio insieme a tagli di capelli e rasature. La pratica alla fine è caduta in disuso dopo che una nuova ricerca ha dimostrato che potrebbe fare più male che bene, ma le sanguisughe e il salasso controllato sono ancora usati oggi come trattamenti per alcune malattie rare.

La trapanazione

La più antica forma di chirurgia dell’umanità è anche una delle più raccapriccianti. Già 7.000 anni fa, le civiltà di tutto il mondo si dedicavano alla trapanazione, cioè praticare fori nel cranio come mezzo per curare le malattie.

I ricercatori possono solo immaginare su come o perché questa macabra forma di chirurgia cerebrale si sia sviluppata per la prima volta. Una teoria comune sostiene che potrebbe essere stata una qualche forma di rituale tribale, o addirittura un metodo per liberare gli spiriti maligni che si ritenevano possessori dei malati di mente.

Altri ancora sostengono che si trattasse di un intervento chirurgico più convenzionale usato per trattare l’epilessia, il mal di testa, gli ascessi e i coaguli di sangue. I crani trapanati trovati in Perù suggeriscono che si trattava anche di un comune trattamento di emergenza per pulire i frammenti ossei lasciati dalle fratture del cranio. E le prove hanno dimostrato che molti dei pazienti sono sopravvissuti all’intervento.

Il mercurio nella medicina antica

Il mercurio è noto per le sue proprietà tossiche, ma un tempo era usato come elisir comune e medicina topica. Gli antichi persiani e greci lo consideravano un unguento utile e gli alchimisti cinesi del II secolo apprezzavano il mercurio liquido, o “argento vivo” e il solfuro di mercurio rosso per la loro presunta capacità di aumentare la durata della vita e la vitalità.

Alcuni guaritori promettevano persino che, consumando miscele contenenti mercurio velenoso, zolfo e arsenico, i loro pazienti avrebbero ottenuto la vita eterna e la capacità di camminare sull’acqua. Una delle vittime più famose di questa dieta fu l’imperatore cinese Qin Shi Huang, che presumibilmente morì dopo aver ingerito pillole di mercurio progettate per renderlo immortale.

Dal Rinascimento fino all’inizio del XX secolo, il mercurio è stato utilizzato anche nella medicina popolare per malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide. Mentre alcuni resoconti sostenevano che il trattamento con metalli pesanti avesse avuto successo nel combattere l’infezione, i pazienti spesso morivano per danni al fegato e ai reni causati dall’avvelenamento da mercurio.

Unguenti di sterco animale

Gli antichi egizi avevano un sistema medico straordinariamente ben organizzato, completo di medici specializzati nella guarigione di disturbi specifici. Tuttavia, le cure che prescrivevano non erano sempre all’altezza. Sangue di lucertola, topi morti, fango e pane ammuffito erano tutti usati come unguenti e medicazioni topici, e alle donne veniva talvolta somministrata saliva di cavallo come cura per una ridotta libido.

Più disgustoso di tutti, i medici egiziani usavano escrementi umani e animali come rimedio per tutte le malattie e le ferite.

Secondo il papiro Ebers del 1500 aC, asino, cane, gazzella e sterco di mosca erano tutti celebrati per le proprietà curative e la capacità di allontanare gli spiriti maligni. Sebbene questi rimedi ripugnanti possano aver occasionalmente portato al tetano e ad altre infezioni, probabilmente non erano del tutto inefficaci: la ricerca sulla medicina antica, infatti, ha dimostrato che la microflora trovata in alcuni tipi di sterco animale contiene sostanze antibiotiche.

Le cure cannibali

Soffri di mal di testa persistenti, crampi muscolari o ulcere allo stomaco? Se fossi vissuto tantissimo tempo fa, il tuo medico locale potrebbe averti prescritto un elisir contenente carne umana, sangue o ossa. La cosiddetta “medicina dei cadaveri” è stata una pratica inquietantemente comune per centinaia di anni.

I romani credevano che il sangue dei gladiatori caduti potesse curare l’epilessia, e gli speziali del XII secolo erano noti per tenere una scorta di “polvere di mummia“, un macabro estratto ottenuto dalle mummie saccheggiate dall’Egitto. Nel frattempo, nell’Inghilterra del XVII secolo, il re Carlo II era noto per aver gustato una bozza di “King’s Drops“, una bevanda ricostituente a base di teschio umano sbriciolato e mischiato con alcol.

Si pensava che queste medicine cannibali avessero proprietà magiche. Secondo le credenze di quei tempi, consumando i resti di una persona deceduta il paziente ingeriva anche parte del suo spirito, portando ad un aumento della vitalità e del benessere.

Il tipo di cura prescritto di solito corrispondeva al tipo di disturbo – il cranio era usato per l’emicrania e il grasso umano per i dolori muscolari – ma ottenere “cibo fresco” poteva essere un processo raccapricciante. In alcuni casi, i malati assistevano persino alle esecuzioni di malcapitati, nella speranza di ottenere una tazza economica del sangue della persona appena uccisa.

Medicina antica: il grembo errante

Gli antichi medici greci credevano che l’utero di una donna fosse una creatura “separata” dal resto del corpo, con una mente propria.

Secondo gli scritti di Platone e Ippocrate, quando una donna era celibe per un lungo periodo, il suo utero – descritto come un “animale vivente” desideroso di avere figli – poteva spostarsi e scivolare liberamente sul suo corpo causando soffocamento, convulsioni e isteria.

Questa curiosa diagnosi durò in qualche modo fino al tempo dei romani e dei bizantini, ben dopo che i medici avevano appreso che l’utero era tenuto in posizione da legamenti. Per impedire ai loro grembi di andare in giro, alle donne antiche fu consigliato di sposarsi giovani e di avere più figli possibile.

Per un utero che si era già liberato, i medici prescrivevano bagni terapeutici, infusi e massaggi fisici per cercare di riportarlo in posizione. Potevano persino “fumigare” la testa della paziente con zolfo e pece mentre contemporaneamente strofinavano lozioni dall’odore gradevole tra le sue cosce (la logica è che l’utero fuggirebbe dai cattivi odori e tornerà al suo posto legittimo).

Medicina antica: la cura del cranio babilonese

Gli antichi babilonesi pensavano che la maggior parte delle malattie fosse il risultato di forze demoniache, o punizioni degli dei per misfatti passati. I medici spesso avevano più cose in comune con i sacerdoti e gli esorcisti che con i medici moderni, e le loro cure di solito coinvolgevano qualche componente della magia.

Ad esempio, se un paziente digrignava i denti, il guaritore avrebbe potuto sospettare che il fantasma di un membro della famiglia deceduto stesse cercando di contattarlo mentre dormiva.

Secondo antichi testi necromantici, il medico consigliava di dormire una settimana accanto a un teschio umano per esorcizzare lo spirito. Per assicurarsi che questo trattamento inquietante funzionasse, il digrignatore di denti veniva anche incaricato di baciare e leccare il cranio sette volte ogni notte.

2