Tumore pancreas e colon, studio su vaccino contro recidive

0
27
Indice

(Adnkronos) –
Si chiama ELI-002 ed è un candidato vaccino che in uno studio di fase I ha mostrato il potenziale di prevenire le recidive di tumori del pancreas e del colon-retto con mutazione Kras in pazienti precedentemente sottoposti a intervento chirurgico. I risultati del trial condotto da ricercatori dell'MD Anderson Cancer Center dell'University of Texas sono pubblicati su 'Nature Medicine' e sono espressione di uno dei filoni di ricerca aperti nel campo dei vaccini anticancro. Questo nello specifico è un vaccino contro il cancro mirato ai linfonodi, progettato per ridurre la probabilità di recidive 'addestrando' le cellule T a riconoscere le mutazioni Kras, e consentendo loro di identificare ed eliminare le cellule mutanti Kras. E' anche un vaccino standard, il che significa che non deve essere formulato appositamente per ciascun paziente.  Nello studio i pazienti con cancro del pancreas e del colon-retto considerati ad alto rischio di recidiva hanno ricevuto un massimo di 10 dosi del vaccino ELI-002 mirato alle mutazioni Kras G12D e G12R. Risposte delle cellule T sono state osservate nell'84% di tutti i pazienti e nel 100% di quelli nelle 2 coorti con la dose più alta, compresi quelli che avevano ricevuto la dose raccomandata di Fase II di 10 mg. Le risposte delle cellule T erano predittive della riduzione dei biomarcatori tumorali ed erano correlate con una riduzione dell'86% del rischio di recidiva o morte. Per i pazienti al di sopra del livello di risposta mediano delle cellule T, la sopravvivenza mediana libera da recidiva non è ancora stata raggiunta, rispetto a 4,01 mesi nel gruppo con un livello di risposta delle cellule T inferiore alla mediana. Questo è un miglioramento statisticamente significativo, spiegano gli esperti.  "I pazienti che sono stati sottoposti a intervento chirurgico per cancro al pancreas sono ancora a rischio di recidiva della malattia, anche dopo aver terminato la chemio. Ciò è particolarmente vero per i pazienti che sono positivi per il Dna tumorale circolante (ctDNA), il che li espone a un rischio più elevato di recidiva – spiega il ricercatore principale Shubham Pant, professore associato di Oncologia medica gastrointestinale nell'ateneo Usa – Quando questi pazienti hanno una ricaduta, la malattia non è curabile, quindi questa è certamente un’area di bisogno insoddisfatto".  Allo studio hanno partecipato 25 pazienti, età media 61 anni, per il 60% donne. Tutti e 25 erano stati sottoposti in precedenza a intervento chirurgico o altra procedura curativa, e 7 avevano precedentemente ricevuto radioterapia. Nessuno ha manifestato tossicità dose-limitanti, sindrome da rilascio di citochine o evento avverso superiore al grado 3. Gli eventi avversi più comuni di qualsiasi grado sono stati affaticamento (24%), reazione al sito di iniezione (16%) e mialgia (12%). Lo studio multicentrico che sta valutando ELI-002 si chiama Amplify-201. I tumori con mutazione Kras costituiscono circa un quarto di tutti i tumori solidi, compreso il 90% dei pazienti affetti da cancro al pancreas, che più comunemente presentano la mutazione G12D. "È presto, ma abbiamo visto alcuni risultati promettenti secondo cui questo vaccino potrebbe aiutare molti di questi pazienti a evitare le ricadute, il che potrebbe aumentare la sopravvivenza", ha detto Pant. "Ha anche mostrato un profilo di sicurezza favorevole, il che è entusiasmante". I risultati hanno portato a uno studio di Fase II che inizierà entro quest'anno, con una nuova formulazione di ELI-002 mirata ad ulteriori mutazioni Kras.  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

2