Materiali a bassa dimensionalità: scoperto un nuovo fenomeno fisico

Un team di ricercatori ha scoperto affascinanti proprietà nei materiali a bassa dimensionalità, caratterizzati da un trasferimento ultraveloce di elettroni e di energia termica. Questa scoperta apre la strada a promettenti sviluppi in tecnologie ottiche ultraveloci e in svariate altre applicazioni.

Materiali1

Materiali a bassa dimensionalità: rivoluzione per l’optoelettronica

Le nuove caratteristiche osservate nei materiali a bassa dimensionalità hanno permesso un flusso estremamente rapido di elettroni e di calore al loro interno. Questa proprietà peculiare si è rivelata estremamente vantaggiosa per la realizzazione di dispositivi ottici ultraveloci e ad alta efficienza.

La scoperta di queste nuove caratteristiche nei materiali a bassa dimensionalità rappresenta un passo avanti significativo nella ricerca di materiali innovativi per la tecnologia ottica e per diverse altre applicazioni.

Combinando nanotubi di carbonio (CNT) e nanotubi di nitruro di boro (BNNT), gli scienziati hanno creato strutture innovative con proprietà elettroniche uniche. Utilizzando tecniche avanzate come la spettroscopia ottica ultraveloce e la diffrazione elettronica risolta nel tempo, hanno potuto osservare in dettaglio il comportamento degli elettroni e degli atomi all’interno di queste strutture.

La scoperta chiave risiede nel trasferimento ultrarapido di elettroni tra gli strati di CNT e BNNT. Questo processo, che avviene in tempi estremamente brevi, permette una conversione efficiente dell’energia degli elettroni in energia termica. Si tratta di un fenomeno fisico nuovo e inaspettato all’interfaccia di questi materiali, con potenziali applicazioni rivoluzionarie in svariati campi.

Le implicazioni di questa scoperta sono numerose e promettenti. Tra le più interessanti troviamo:

  • Sviluppo di dispositivi ottici ultraveloci: I nanotubi avvolti potrebbero essere impiegati per realizzare laser e altri dispositivi ottici con prestazioni superiori rispetto a quelli odierni, in termini di velocità, efficienza e miniaturizzazione.
  • Manipolazione avanzata degli elettroni: Le proprietà uniche di questi materiali potrebbero aprire nuove strade per il controllo e la gestione degli elettroni a livello nanometrico, con possibili applicazioni in settori come l’elettronica e la nanoelettronica.

In generale, questa ricerca rappresenta un passo avanti significativo nella comprensione delle proprietà dei materiali a bassa dimensionalità e apre nuove entusiasmanti prospettive per lo sviluppo di tecnologie innovative in svariati settori. La combinazione di CNT e BNNT ha rivelato un nuovo paradigma nel trasferimento di elettroni e di energia termica, con potenziali applicazioni rivoluzionarie in campi come l’optoelettronica, l’elettronica e la nanoelettronica.

Puviani1

Nuove proprietà dinamiche in materiali a bassa dimensionalità

In un lavoro collaborativo nell’ambito Dynacom (laboratorio francese-giapponese), studi recenti hanno evidenziato che i materiali composti da tubi stratificati, atomicamente spessi e classificati come materiali a bassa dimensionalità, hanno presentato nuove proprietà.

Sebbene le proprietà statiche di queste strutture, come la conduzione elettrica, siano ben documentate, le loro proprietà dinamiche, compreso il trasferimento di elettroni tra strati e il movimento atomico innescato dall’esposizione alla luce, hanno ricevuto meno attenzione.

In questo studio, gli scienziati hanno costruito strutture cilindriche annidate avvolgendo nanotubi di carbonio (CNT) in nanotubi di nitruro di boro. Successivamente hanno esaminato il movimento degli elettroni e degli atomi indotto da impulsi di luce ultracorti su un materiale unidimensionale (1D).

Il movimento degli elettroni è stato monitorato utilizzando la spettroscopia ottica ultraveloce a banda larga, che cattura i cambiamenti istantanei nelle strutture molecolari ed elettroniche dovuti all’irradiazione luminosa con una precisione di dieci trilionesimi di secondo (10 −13 s). Il movimento atomico è stato osservato attraverso la diffrazione elettronica ultraveloce risolta nel tempo, che ha ottenuto in modo simile il monitoraggio della dinamica strutturale con una precisione del decimilionesimo di secondo.

opto electronics1

Conclusioni

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, ha rivelato che quando diversi tipi di materiali a bassa dimensionalità vengono stratificati, si forma un percorso o canale, che consente agli elettroni di fuoriuscire da sottoparti specifiche del materiale. Inoltre, si è scoperto che gli elettroni eccitati nei CNT dall’esposizione alla luce potrebbero trasferirsi nei BNNT attraverso questi canali elettronici, dove la loro energia viene rapidamente convertita in energia termica, facilitando una conversione termica estremamente rapida.

Questa ricerca ha scoperto un nuovo fenomeno fisico all’interfaccia tra due materiali diversi, che offre non solo un trasporto di energia termica ultraveloce, ma anche potenziali applicazioni nello sviluppo di dispositivi ottici ultraveloci e nella manipolazione rapida di elettroni e lacune generati dalla luce.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Google Pixel 9 Pro Fold: arriva l’AI sul nuovo modello

Il mondo della tecnologia mobile è in continua evoluzione,...

Offerte Amazon di oggi: mouse gaming super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ha pensato di...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Carburante sostenibile: progettato un nuovo metodo per generarlo

Un team di ricercatori ha dimostrato che l'anidride carbonica,...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Articoli correlati

Popular Categories