Marte: scoperte spesse lastre stratificate di ghiaccio

Una nuova esplorazione radar su Marte ha consentito di individuare nel sottosuolo del pianeta rosso importanti stratificazioni di ghiaccio

0
1389
C'è mai stata vita su Marte? Metano, missioni private su Marte, UAV, acque sotterranee, vulcano Noctis

Grazie alle nuove tecnologie, sono state identificate su Marte, esattamente sulla regione della formazione Medusae Fossae sull’equatore del pianeta rosso, quelle che sembrano essere imponenti lastre stratificate di ghiaccio, spesse diversi chilometri.

C'è mai stata vita su Marte?

Ghiaccio su Marte: si tratta della quantità di acqua più grande mai trovata

Si tratta della quantità di acqua più grande mai trovata attorno al centro di Marte e suggerisce che il pianeta non sia così privo di risorse come si pensava.

Gli scienziati hanno dichiarato che c’è tanta acqua quanta se ne può trovare nel Mar Rosso. Se il ghiaccio venisse trasportato in superficie e reso allo stato liquido, coprirebbe Marte in un oceano poco profondo tra 1,5 e 2,7 metri.

Tracce di depositi di ghiaccio sepolti sono state rilevate per la prima volta nel 2007, fino a una profondità di 2,5 chilometri, ma gli scienziati non avevano compreso di cosa si trattasse. Nuovi dati e nuovi strumenti per analizzarli hanno rivelato molto più del previsto su questi giacimenti.



Abbiamo esplorato nuovamente la formazione Medusae Fossae utilizzando dati più recenti provenienti dal radar MARSIS di Mars Express e abbiamo scoperto che i depositi sono ancora più spessi di quanto pensassimo: fino a 3,7 chilometri di spessore”, ha dichiarato il geologo Thomas Watters della Smithsonian Institution.

La cosa  più interessante è che i segnali radar corrispondono a ciò che ci aspetteremmo di vedere dal ghiaccio stratificato e sono simili ai segnali che vediamo dalle calotte polari di Marte, che sappiamo essere molto ricche di ghiaccio“.

La Formazione Medusae Fossae è un insieme di enormi depositi che si estendono per circa 5.000 chilometri lungo l’equatore di Marte, che segna il confine tra le pianure nell’emisfero settentrionale e gli altopiani craterizzati nel sud.

Uno studio rivela che Marte sta accelerando la sua rotazione

Non si sa come si siano sviluppati i depositi, ma sono enormi, alti diversi chilometri, scolpiti dai venti selvaggi che spazzano la superficie di Marte.

Poiché la regione è così poco conosciuta, gli scienziati sono naturalmente desiderosi di saperne di più. Nel 2007, Watters e il suo team hanno raccolto dati radar che hanno mostrato la presenza di qualcosa sepolta sotto terra.

Ciò che non è stato chiaro ha riguardato la natura di quello che inizialmente è stato riscontrato nel sottosuolo marziano. Data la polverosità della Formazione Medusae Fossae, i depositi potrebbero essere costituiti da polvere interrata. Si potrebbe anche trattare di materiale vulcanico, sedimenti di eoni più umidi del passato o, cosa interessante, acqua ghiacciata.

Così i ricercatori hanno raccolto nuove informazioni radar della regione, analizzato i risultati ed eseguito modelli per cercare di capire cosa è sepolto sotto terra, e l’unica cosa che è sembrava si adattasse bene ai dati recuperati dal radar era il ghiaccio stratificato.

Data la sua profondità, se il MFF fosse semplicemente un gigantesco mucchio di polvere, ci aspetteremmo che si compattasse sotto il suo stesso peso“, aha spiegato il fisico Andrea Cicchetti dell’Istituto Nazionale di Astrofisica in Italia.

Ciò creerebbe qualcosa di molto più denso di quello che vediamo effettivamente con MARSIS. E quando abbiamo modellato il modo in cui si sarebbero comportati i diversi materiali privi di ghiaccio, nulla ha riprodotto le proprietà del MFF“.

Negli ultimi decenni, con la crescita dell’esplorazione di Marte, la nostra precedente comprensione è cambiata radicalmente. Ovunque guardiamo, Marte mostra tracce di acqua di molto tempo fa, che scorreva sulla superficie nei fiumi o si accumulava nei laghi o negli oceani.

Per quanto ne sappiamo, ad oggi, non c’è acqua allo stato liquido su Marte. Dove sia andata a finire tutta quell’acqua rimane un mistero: è scomparsa nello spazio sotto forma di vapore o è custodita all’interno del pianeta, rinchiusa dove non possiamo vederla? La Formazione Medusae Fossae può contenere alcune risposte a questa domanda.

Gli scienziati vogliono sapere dove trovare l’acqua su Marte per un altro motivo pratico. Quando gli esseri umani verranno mandati sul pianeta rosso, avranno bisogno di acqua per sopravvivere. Se c’è già acqua, questo ridurrà al minimo la quantità che dovranno portare con sé.

Un pianeta canaglia grande come Marte

Sfortunatamente, l’acqua della Formazione Medusae Fossae è vietata: è sepolta sotto diverse centinaia di metri di polvere marziana, oltre la nostra capacità di accesso. Tuttavia, la scoperta fa sperare che ci sia acqua nascosta altrove su Marte e fornisce inoltre agli scienziati nuove informazioni nella ricerca per scoprire l’enigmatica storia di Marte e la trasformazione nel suo stato attuale.

“Quest’ultima analisi mette alla prova la nostra comprensione della formazione delle Medusae Fossae e solleva tante domande quante risposte”, ha spiegato lo scienziato planetario Colin Wilson dell’Agenzia spaziale europea.

Quanto tempo fa si sono formati questi depositi di ghiaccio, e com’era Marte a quel tempo? Se confermato che si trattasse di ghiaccio d’acqua, questi enormi depositi cambierebbero la nostra comprensione della storia del clima di Marte. Qualsiasi serbatoio di acqua antica sarebbe un obiettivo affascinante per l’uomo”.

2