Europa Clipper e il futuro di SLS

La linea ufficiale della NASA è che non possono utilizzare un lancio dello Space Launch System per la missione Europa Clipper a causa dei gravosi impegni del programma lunare Artemis

0
870

Non è una sorpresa la decisione della NASA di lanciare una delle loro più importanti missioni a bordo di un razzo commerciale, la missione Europa Clipper e non sullo Space Launch System come deciso in passato.

L’agenzia spaziale americana è disposta a far volare i propri astronauti su veicoli spaziali costruiti e gestiti da SpaceX. L’aumento della concorrenza ha reso l’accesso allo spazio più economico quindi è logico che la NASA raccolga i frutti di un mercato che ha contribuito a creare.

Il recente annuncio sulla missione Europa Clipper della NASA che volerà ufficialmente su un veicolo di lancio commerciale potrebbe sembrare più o meno la stessa cosa. 

Ma la missione Europa Clipper non è una missione qualsiasi. È una sonda interplanetaria progettata per studiare e mappare la luna di Giove Europa con dettagli senza precedenti e servirà come apripista per una futura missione che scenderà sulla superficie ghiacciata della luna. 

A causa dell’enorme distanza che separa la Terra dal sistema gioviano e dell’intensa radiazione, è considerata una delle missioni più ambiziose che la NASA abbia mai tentato.



La NASA non può permettersi nessun margine di errore, la missione Europa Clipper ha un costo di oltre 4 miliardi di dollari e il fatto che la NASA si rivolga a un lanciatore commerciale per trasportare questo carico utile di eccezionale valore è di per sé significativo. 

Ma forse la cosa più importante, fino ad ora, è che la missione Europa Clipper è stata destinata dal Congresso a volare sullo Space Launch System (SLS) della NASA. Ciò era almeno in parte dovuto all’incredibile potenza che il sistema di lancio SLS riesce a sviluppare, e che avrebbe messo il Clipper sulla traiettoria più veloce verso Giove. 

Più pragmaticamente, l’impiego di SLS è stato visto come un modo per garantire che il lavoro sul super razzo derivato dallo Shuttle e destinato a ripercorrere i fasti del Saturn V continuasse a un ritmo abbastanza rapido da essere pronto per la finestra di lancio della missione prevista per il 2024.

Con la scadenza che si avvicina rapidamente e gli ingegneri sotto pressione per dare gli ultimi ritocchi alla navicella prima che venga accoppiata al veicolo di lancio, la NASA ha fatto appello al Congresso per dirottare Europa Clipper su un razzo commerciale. 

La linea ufficiale della NASA è che non possono utilizzare un lancio dello Space Launch System per la missione Europa Clipper a causa dei gravosi impegni del programma lunare Artemis, ma consentendo al Clipper di volare su un altro razzo nel 2021 Consolidated Appropriations Act, il Congresso ha effettivamente rimosso una delle giustificazioni che ancora esistevano per il travagliato Space Launch System.

Europa Clipper senza lo Space launch System

Non ci sono dubbi che lo Space Launch System , almeno sulla carta, sarebbe stato il vettore ideale per trasportare l’ Europa Clipper verso il sistema gioviano. 

SLS avrebbe abbastanza potenza per inviare la sonda di circa 6.065 kg su una traiettoria diretta verso Giove durante il suo passaggio più vicino nel 2024, che porterebbe il pianeta entro i 611 milioni di chilometri di distanza dalla Terra. Con il vettore SLS la sonda Europa Clipper impiegherebbe circa tre anni per giungere a destinazione.

Sfortunatamente non esiste un sostituto per lo Space Launch Sistem in termini di potenza pura. Mentre i futuri veicoli di SpaceX, Blue Origin e United Launch Alliance potrebbero essere opzioni convincenti, purtroppo non saranno pronti in tempo per la finestra di lancio del 2024. 

Anche se saranno operativi per quell’anno, il che non è affatto una garanzia, sicuramente non avranno effettuato abbastanza lanci registrati per dimostrare di essere affidabili.

La NASA potrebbe aspettare fino a una delle finestre di lancio successive nel 2025 o nel 2026 per dare agli operatori commerciali più tempo per completare i loro lanciatori pesanti di nuova generazione, ma almeno per ora, non è stata fatta alcuna concessione.

Quindi come si arriva a Europa senza la spinta garantita dallo Space Lauch System? L’alternativa è arrivarci con un vettore che garantisce una spinta minore.

Mentre in precedenza c’erano alcune ipotesi che l’Europa Clipper potesse essere dotata di un piccolo “stadio di spinta” per compensare la ridotta velocità iniziale, le informazioni preliminari sul contratto di lancio fornite dalla NASA specificano che la sonda utilizzerà assistenza gravitazionale grazie alla traiettoria Mars-Earth-Gravity-Assist (MEGA).

Questa manovra consentirà all’Europa Clipper di raggiungere la sua destinazione senza alcuna aggiunta di propulsori, ma lo svantaggio di questa complessa danza orbitale è che il viaggio durerà più del doppio del tempo per essere completato, con la sonda che non raggiungerà Europa al più presto nel 2030.

Non è stata ancora presa la decisione su quale razzo lancerà alla fine Europa Clipper e la decisione non verrà probabilmente presa fino al prossimo anno, dopo il completamento di un processo di selezione formale. Poiché ha la più alta capacità di carico di qualsiasi razzo attualmente operativo al mondo, lo SpaceX Falcon Heavy è certamente la scelta più probabile.

Questo primo riconoscimento pubblico che la NASA non ha più intenzione di lanciare Europa Clipper con lo Space Launch System arriva pochi giorni dopo che il senatore dell’Alabama Richard Shelby, uno dei più fedeli sostenitori del programma SLS, ha annunciato che si sarebbe ritirato l’anno prossimo.

Preoccupato che l’annullamento del programma Constellation da parte del presidente Obama nel 2010 avrebbe significato che il Marshall Space Flight Center di Huntsville, in Alabama, non sarebbe più stato il centro dell’industria dei voli spaziali americani, il senatore Shelby ha lottato a lungo per assicurarsi che lo Space Launch System sarebbe stato un programma di punta per rivaleggiare con il Saturn V e lo Space Shuttle:

Mentre pochi si lamentavano del fatto che i politici si interessassero all’esplorazione spaziale e che mantenere centinaia di lavori aerospaziali ben pagati nel suo distretto fosse un risultato encomiabile, il sostegno di Shelby alla NASA ha avuto un costo.

Si è opposto con veemenza alle partnership della NASA con i fornitori di lancio commerciale, arrivando al punto di definire i primi contratti dell’agenzia con società come SpaceX una “iniziativa basata sulla fede” e “un programma di benessere per l’industria spaziale commerciale” come le aziende aerospaziali nascenti dovevano ancora dimostrare di poter effettivamente costruire un lanciatore in grado di raggiungere l’orbita.

È una scommessa sicura che il sostituto del senatore Shelby adotterà un approccio altrettanto rialzista al Marshall Space Flight Center, ma è difficile immaginare che saranno in grado di ignorare i passi da gigante compiuti dalle società spaziali commerciali negli ultimi anni.

Mentre l’industria privata procede rapidamente, la dipendenza del sistema di lancio spaziale derivato dallo Shuttle concepito negli anni ’70 diventa solo più difficile da difendere.

Tra l’imbarazzante fallimento della “Green Run” di gennaio, la perdita della missione Europa Clipper e il ritiro del senatore Shelby, il futuro dello Space Launch System non è mai stato più incerto come oggi. Inoltre una Casa Bianca cmolto più preoccupata di combattere una pandemia mortale che di lasciare impronte umane su Marte o sulla Luna, e non è difficile vedere come il programma, spesso ritardato e incredibilmente costoso, potrebbe concludersi anzitempo.

SLS volerà almeno una volta. La NASA e la Boeing si stanno preparando a ripetere il test fallito nelle prossime settimane. Sono stati investiti troppo tempo e denaro per non andare avanti con la missione Artemis I.

Anche se la NASA alla fine decide di chiudere il programma SLS a favore di un’ulteriore cooperazione commerciale, il volo è un test del veicolo con equipaggio Orion. Con molte altre capsule Orion già in costruzione per le future missioni Artemis, lo sviluppo della capsula continuerà quasi certamente con o senza SLS.

2