Arsia Mons, studiato il lungo pennacchio di nuvole del gigantesco vulcano marziano

Il 13 settembre 2018 la sonda dell’Esa Mars Express ha osservato una singolare formazione di nubi su Marte dalla forma allungata, visibili nei pressi del vulcano Arsia Mons.

La formazione nuvolosa si estendeva per 1500 chilometri verso ovest parallelamente all’equatore, partendo in prossimità del gigantesco vulcano Arsia Mons.

Nonostante la posizione, la formazione nuvolosa che sembra un pennacchio di vapore, non è dovuta all’attività vulcanica come alcuni siti internet, all’epoca della scoperta, avevano ipotizzato.

Queste formazioni nuvolose compaiono stagionalmente sopra il vulcano Arsia Mons su Marte e sono dovute all’influenza che il rilievo montuoso esercita sul flusso d’aria che lo investe.

Una nube orografica su Arsia Mons

Il fenomeno – comune in questa regione – avviene anche sul nostro pianeta e viene chiamato “nube orografica“. Si manifesta quando masse d’aria si scontrano col profilo montuoso e vengono spinte dai venti a risalirlo. La risalita causa una diminuzione di temperatura. Se il raffreddamento supera un certo valore, il vapore acqueo si condensa attorno a particelle di polvere, generando nubi e precipitazioni.

la nuvola su Arsia Mons vista da Mars Express

All’epoca Marte era appena entrato nel solstizio d’inverno nell’emisfero nord. Nei mesi che precedono il solstizio d’inverno la maggior parte delle nubi su Marte sopra i grandi vulcani come Arsia Mons svaniscono, mentre la cima rimane coperta di nuvole per tutto il resto dell’anno marziano.

Tuttavia, sappiamo che stagionalmente si forma una nube di acqua ghiacciata lungo il fianco sud-ovest del vulcano Arsia Mons, Questa nube è stata osservata da Mars Express e da altre missioni nel 2009, 2012 e nel 2015.

L’aspetto della formazione nuvolosa varia durante la giornata marziana, crescendo in lunghezza durante la mattinata fino a raggiungere dimensioni che la rendono visibile anche ai telescopi situati sulla Terra.

La formazione di nubi che compaiono sul vulcano Arsia Mons è composta di ghiaccio d’acqua ed è sensibile alla quantità di polvere presente nell’atmosfera. Le grandi tempeste di sabbia che sconvolgono l’intero pianeta, ci danno importanti informazioni sull’effetto della polvere relativamente allo sviluppo della nube e alla sua variabilità durante l’anno marziano.

Il ciclo della nube di Arsia Mons è stato preso in esame da un team di ricercatori che ha utilizzato una telecamera chiamata “the Mars Webcam” posta a bordo della navicella spaziale Mars Express dell’Agenzia spaziale europea.

La natura effimera della nuvola e le orbite dei veicoli spaziali attorno a Marte hanno reso complicato studiare la formazione nuvolosa. La Mars Webcam – nota anche come Visual Monitoring Camera – ha la risoluzione di una webcam per computer del 2003, ma ha un ampio campo visivo, motivo per cui i ricercatori la hanno utilizzata per studiare la nube.

Il team ha pubblicato uno studio sui risultati ottenuti alla fine dell’anno scorso sulla rivista JGR Planets.

La maggior parte delle sonde in orbita intorno a Marte non possono iniziare ad osservare questa parte della superficie fino al pomeriggio a causa delle proprietà delle loro orbite, quindi questa è davvero la prima esplorazione dettagliata di questa interessante caratteristica“, ha detto il coautore dello studio Agustin Sánchez-Lavega dell’Università dei Paesi Baschi in una dichiarazione dell’ESA martedì.

La nuvola si forma durante la primavera marziana e può estendersi per 1.800 chilometri. “È la più grande nuvola” orografica “mai vista su Marte, il che significa che si forma come risultato del vento spinto verso l’alto da caratteristiche topografiche (come montagne o vulcani) su una superficie planetaria“, ha detto l’ESA.

La nube su Marte segue un ciclo di crescita giornaliero che inizia prima dell’alba e viene seguito da un rapido tasso di espansione mentre si estende dal vulcano Arsia Mons. in seguito evapora nel corso della giornata con l’aumentare della temperatura.

Anche sulla Terra accade lo stesso fenomeno, ma le nubi orografiche terrestri non raggiungono mai le lunghezze incredibili della nube su Marte. “La comprensione di questa nuvola ci offre l’entusiasmante opportunità di provare a replicare la formazione della nuvola con modelli – modelli che miglioreranno la nostra conoscenza dei sistemi climatici sia su Marte che sulla Terra“, ha detto Sánchez-Lavega.

La nuvola di Arsia Mons è una delle meraviglie di Marte. Potrebbe essere meno misteriosa ora, ma conserva tutto il suo fascino.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Articoli correlati

Popular Categories