Cosa succede se non ti lavi i denti per un giorno

Sebbene la necessità di una corretta igiene orale sia impressa su di noi sin dalla giovane età, un nuovo studio mostra quanto danno si possono fare ai denti in sole 24 ore senza lavarli

0
1115

Sebbene la necessità di una corretta igiene orale sia impressa in noi sin dalla giovane età, un nuovo studio mostra quanto danno si possono fare ai denti in sole 24 ore senza lavarli.

I denti subiscono una forte diminuzione dei “batteri buoni”

La nuova ricerca guidata da scienziati della Procter & Gamble Company e del Single-Cell Center, è stata pubblicata sulla rivista mBio il 9 marzo. 40 i partecipanti la cui routine di igiene orale è stata interrotta nel corso di un mese.

Hanno scoperto che in un periodo compreso tra 24 e 72 ore dopo aver abbandonato la loro normale routine, c’era una forte diminuzione della quantità di “batteri buoni orali” (specie rothia) insieme alla betaina chimica antinfiammatoria. E per ulteriori consigli sull’igiene orale, dai un’occhiata a Questo è ciò che accade al tuo corpo quando non usi il filo interdentale.

E c’è un forte aumento di “batteri cattivi”.
Man mano che i batteri buoni diminuivano, si verificava contemporaneamente un forte aumento della quantità di batteri cattivi”, in particolare citochine salivari multiple,  proteine ​​e altre molecole prodotte dalle cellule del sistema immunitario e collegate all’infiammazione nel corpo. I ricercatori hanno anche scoperto quantità significative del tipo di batteri che di solito si trovano nei pazienti con peridontite (l’infezione gengivale che alla fine può portare alla perdita dei denti), anche prima che i sintomi di questa condizione fossero presenti. 

La placca inizia a decalcificare i denti

Oltre a questi cambiamenti batterici, dopo un solo giorno di non lavarsi i denti, iniziano a verificarsi anche danni fisici effettivi. “I profili funzionali della placca già assomigliano a quello dello stadio della gengivite grave entro 24 ore”, scrivono gli autori dello studio.



Il Textbook of Oral Pathology di Shafer avverte che la placca accumulata inizia a decalcificare lo strato inferiore di dentina, il materiale protettivo che si trova sotto lo smalto superficiale. Una volta penetrato, possono iniziare a verificarsi danni ai denti, che non possono essere risolti riprendendo la normale spazzolatura.

A differenza dello smalto, anche la dentina è attraversata da nervi, il che significa che qualsiasi danno è più probabile che provochi dolore. Dopo il brusco cambiamento iniziale nella composizione batterica delle bocche dei partecipanti allo studio, i ricercatori hanno notato che si verificano più danni. “Abbiamo anche riscontrato un improvviso ‘invecchiamento’ dei batteri nella bocca” , ha detto in una nota l’ autore senior dello studio XU Jian , direttore del Single-Cell Center. “Il loro microbioma orale era invecchiato l’equivalente di circa un anno in meno di un mese”.

Studi precedenti hanno dimostrato che alla microbiologia orale di una persona può essere assegnata una “età” poiché la quantità di rothia sana tipicamente diminuisce naturalmente con il passare del tempo. Uno studio separato del 2019 nell’European Journal of Preventive Cardiology ha anche scoperto un possibile collegamento tra scarsa igiene orale e malattie cardiache.

2