MacBook Air M3: velocità SSD più elevate

Apple ha lanciato il nuovo MacBook Air M3, con prestazioni più veloci, Wi-Fi 6E e supporto per doppi display esterni. A quanto pare, l’azienda California ha affrontato anche un altro problema che interessato il modello base MacBook Air della generazione precedente: la velocità di archiviazione SSD.

MacBook Air M3

MacBook Air M3: due chip NAND da 128 GB aumentano significativamente la velocità di trasferimento dei dati

Il modello base M2 MacBook Air con 256 GB di spazio di archiviazione offriva velocità SSD più lente rispetto alle configurazioni di livello superiore. Questo era dovuto al fatto che il modello base utilizzava un chip di archiviazione da 256 GB, anziché due chip di archiviazione da 128 GB. Si trattava di una regressione rispetto al MacBook Air M1 base, che utilizzava due chip di archiviazione da 128 GB.

Il nuovo MacBook Air M3 offre velocità SSD significativamente più elevate rispetto al MacBook Air M2 precedente. Questo è dovuto al fatto che Apple ha utilizzato due chip di archiviazione da 128 GB per il modello base MacBook Air, anziché un singolo modulo da 256 GB.

Pertanto, i due chip NAND da 128 GB del MacBook Air M3 possono elaborare attività in parallelo, aumentando significativamente la velocità di trasferimento dei dati.

MacBook Air M3

MacBook Air M3 può raggiungere velocità di scrittura di 2108 MB/s, rispetto alla velocità di base del MacBook Air M2 di 1584 MB/s. Per quanto riguarda la velocità di lettura, il MacBook Air M2 ha raggiunto 1576 MB/s, mentre il MacBook Air M3 ha raggiunto 2880 MB/s.

Il MacBook Air M3 presenta velocità di scrittura SSD che sono circa il 33% più veloci e velocità di lettura che sono circa l’82% più veloci. Queste velocità corrispondono e talvolta superano le velocità del MacBook Air M1.

Il MacBook Air M3 offre il perfetto equilibrio tra semplicità ed eccellenza

Il MacBook Air M3mira a offrire il perfetto equilibrio tra semplicità ed eccellenza, continuando una tendenza decennale. Dal 2008, i MacBook di Apple si sono classificati tra i migliori laptop
Nel 2022, Apple ha finalmente aggiornato il design del laptop con il MacBook Air M2, debuttando con una linea più sottile e leggera.

Nel 2024, oltre ad aggiornare le specifiche interne, inclusa l’ultima classe di processori Apple, l’azienda lo ha sottoposto ai rigori dei test della CNN Underscored e lo ha usato come dispositivo di intrattenimento personale.

MacBook Air M3

Il nuovo MacBook tollera egregiamente importanti il carichi di lavoro con un prestazione fluida, senza crash o alcun rallentamento. La terza generazione di processori per laptop Apple ha impressionato anche nei test benchmark, in cui sono stati confrontati i MacBook Air con i laptop Windows preferiti: i notebook Dell XPS.

Dal momento che i laptop Dell XPS del 2024 con CPU Intel di 14a generazione non sono ancora usciti, è possibile solo fare confronti con i modelli del passato, rendendo questi differenziali di punteggio un po’ più comprensibili.

Nei benchmark Geekbench 6 basati su CPU che misurano le prestazioni complessive, i MacBook Air M3 di Apple hanno battuto il Dell XPS 15 dotato di CPU Intel di 13a generazione (anche se quel laptop ha fino a quattro volte più memoria). Detto questo, l’XPS 15 ha ottenuto vittorie nel benchmark Shadow of the Tomb Raider e nel test di calcolo di Geekbench 6, che tiene conto anche delle prestazioni grafiche, due aree in cui la GPU dedicata è utile.

Per quanto riguarda la durata della batteria, Apple ha dichiarato le stesse 15 ore di navigazione web wireless del suo predecessore. Durante una giornata lavorativa standard, è stato raggiunto circa il 29% dopo otto ore. Non rimane che aspettare la risposta degli utenti per avere la conferma o la smentita che il nuovo MacBook Air M3 sia all’altezza delle aspettative degli Apple addict, e che sappia misurarsi con una concorrenza sempre più competitiva e con costi più abbordabili.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

BYD Dolphin Stile, Prestazioni e Sostenibilità in un’Auto Elettrica Compatta

Introduzione Nell'era moderna, la sostenibilità non è solo una scelta,...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Medioevo: la vita quotidiana delle persone

Il Medioevo è associato a battaglie epiche, storie leggendarie,...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Articoli correlati

Popular Categories