Antigravità: NASA, DARPA e MIT esaminano la possibile tecnologia

Il concetto di antigravità, l'ipotetico fenomeno di creazione di un luogo o di un oggetto privo di gravità, esiste ormai da tempo. Ma da novembre 2020, ha iniziato a essere preso molto più sul serio poiché scienziati della NASA, DARPA, MIT e Air Force si sono incontrati regolarmente su Zoom per esplorare le tecnologie di propulsione del futuro, inclusa l'antigravità

0
11199
Antigravità: NASA, DARPA e MIT esaminano la possibile tecnologia

Il concetto di antigravità, l’ipotetico fenomeno di creazione di un luogo o di un oggetto privo di gravità, esiste ormai da tempo. Ma da novembre 2020, ha iniziato a essere preso molto più sul serio poiché scienziati della NASA, DARPA, MIT e Air Force si sono incontrati regolarmente su Zoom per esplorare le tecnologie di propulsione del futuro, inclusa l’antigravità.

All’inizio potrebbe non sembrare impressionante, ma lo è se si considera che il concetto, per ora, rimane del tutto ipotetico.

L’antigravità come tema principale

“La comunità di Alt Propulsion è altamente intersezionale e siamo inseriti tra le culture aerospaziale, della difesa, dell’ingegneria elettricrica, della fisica, degli UFO e della ‘scienza di frontiera”, ha affermato il moderatore e organizzatore della conferenza Tim Ventura in una e-mail a  The Debrief“Abbiamo persone di tutte queste culture che visitano la conferenza e si presentano, e nonostante il fatto che queste varie comunità non siano sempre d’accordo su alcuni argomenti. Siamo stati in grado di evitare conflitti”.

Il Debrief ha scoperto che finora si sono svolti 22 incontri sull’antigravità durante i quali gli scienziati hanno esplorato argomenti che vanno dalla propulsione non newtoniana agli oggetti volanti non identificati (UFO).

Il tema degli UFO apparentemente ha avuto un grande successo alla conferenza di novembre. L’argomento ha avuto una significativa rinascita della cultura pop quest’anno, con i piloti militari che hanno parlato apertamente di incontri e il Pentagono che ha preso in giro un rapporto tanto atteso sulla questione che è stato infine rilasciato a giugno.



“In passato, tutti erano consapevoli degli UFO, ma non erano molto rilevanti perché non sono ben compresi”, ha detto Ventura a The Debrief, affermando che la comunità scientifica sta esplorando l’argomento più seriamente che mai.

Nonostante i loro migliori sforzi, tuttavia, la gravità rimane imbattuta, anche se è probabilmente positivo che alcuni ricercatori stiano trovando il tempo per intrattenere conversazioni a lungo termine su come ciò potrebbe cambiare.

16 dei 71 partecipanti all’evento di novembre di Alt Propulsion erano attuali o ex membri della NASA e altri 14 provenivano da istituzioni degne di nota come il MIT e l’Università di Harvard, rendendo ancora più possibile la scoperta di una soluzione plausibile all’antigravità.

Tuttavia, per ora, quella frontiera non è stata ancora attraversata poiché nessuno sforzo ha portato a esperimenti replicabili. Il Gravity Research Institute della Göde Scientific Foundation ha offerto una ricompensa di un milione di euro per un esperimento di antigravità riproducibile, ma finora non ha trovato nulla nonostante alcuni tentativi.

L’antigravità

L’antigravità è l’ipotetica capacità di liberare un corpo dall’influenza della forza di gravità. In tal senso non ci si riferisce a sistemi che contrastano la forza di gravità con una forza uguale e contraria da essi stessi prodotta, come ad esempio con l’elicottero, bensì a situazioni in cui l’influenza della gravità venga annullata dall’effetto di altre forze con azione a distanza, da effetti dovuti ad accelerazione centripeta o, nel campo della fantascienza, da qualche tipo di tecnologia.

Dispositivi Giroscopici

I giroscopi, quando sottoposti a rotazione, inducono una forza che agisce in una direzione “fuori dal piano” e può erroneamente apparire come una forza contrastante alla gravità. Nonostante questa forza sia ampiamente riconosciuta come illusoria, anche alla luce dei principi newtoniani, ha suscitato numerose rivendicazioni relative a dispositivi antigravitazionali, con vari dispositivi che hanno ottenuto brevetti. Tuttavia, nessuno di tali dispositivi ha mai dimostrato la propria efficacia in condizioni controllate, spesso risultando associati a teorie del complotto.

Un esempio di dispositivo giroscopico è illustrato in una serie di brevetti concessi a Henry Wallace tra il 1968 e il 1974. Questi dispositivi consistono in dischi di ottone in rapida rotazione, composti principalmente da elementi con spin nucleare totale semi-intero. Wallace sosteneva che facendo ruotare rapidamente un disco di tale materiale, si verificasse un allineamento dello spin nucleare, creando così un campo “gravitomagnetico” in analogia al campo magnetico generato dall’effetto Barnett. Tuttavia, non esistono test indipendenti o dimostrazioni pubbliche dell’efficacia di tali dispositivi.

Nel 1989, si riportò che il peso diminuisse lungo l’asse di un giroscopio in rotazione verso destra. Un test condotto un anno dopo non confermò tale affermazione, producendo risultati nulli.

Gravitatore di Thomas Townsend Brown

Nel corso del 1921, durante il periodo in cui frequentava il liceo, Thomas Townsend Brown fece una scoperta intrigante in relazione a un tubo radiogeno sottoposto a tensione elevata, notando un apparente mutamento di massa in funzione del suo orientamento su una bilancia. Negli anni ’20, Brown sviluppò questa osservazione concependo dispositivi che integravano tensioni elevate con materiali caratterizzati da notevoli costanti dielettriche, essenzialmente grandi condensatori.

Egli coniò il termine “gravitatore” per descrivere tali dispositivi.

Nel comunicare i risultati dei suoi esperimenti, Brown affermò di aver osservato effetti antigravitazionali. Nel corso degli anni, proseguì la sua ricerca, elaborando vari dispositivi ad alta tensione e cercando di presentare le sue idee a compagnie aeree e istituzioni militari. Brown fu colui che coniò il termine “effetto Biefeld-Brown” per descrivere i suoi dispositivi. I suoi test su dispositivi a condensatore asimmetrico nel vuoto furono finalizzati a dimostrare che non si trattava meramente di un effetto elettro-idrodinamico generato dal flusso di ioni ad alta tensione nell’aria.

2