Luce stellare e nascita della vita

di Oliver Melis

Nuove scoperte indicano che la luce ultravioletta emessa dalle stelle potrebbe aver creato le molecole base che formano gli amminoacidi, molecole note come “mattoni” della vita.

Per anni, le teorie prevalenti su come la vita ebbe origine sulla Terra (e, forse, in altri remoti pianeti dell’universo) si basavano interamente su eventi naturali, come un fulmine o eruzioni vulcanica che contribuirono a sintetizzare i primi amminoacidi sul pianeta.

Origine della vita

La scintilla dell’origine della vita può essere scoccata in un piccolo stagno caldo, ricco di sostanze come ammoniaca, sali fosforici, irradiato da una fonte di luce, calore, elettricità, ecc., fattori che hanno contribuito alla formazione di un composto proteico chimicamente pronto a subire cambiamenti ancora più complessi.

Le nuove scoperte che utilizzano i dati dell’Herschel Space Observatory dell’Agenzia spaziale europea indicano ora che gli elementi costitutivi fondamentali della vita, le molecole stesse che hanno costruito gli amminoacidi non proverrebbero solo da eventi turbolenti o violenti, ma dalla costante irradiazione luce ultravioletta emessa dalle stelle: È noto da tempo che la Nebulosa di Orione è costituita da una grande quantità di gas idrogeno e polvere interstellare. Quando la luce ultravioletta proveniente da grandi stelle riscalda le molecole di idrogeno circostanti, crea condizioni ottimali per la formazione di idrocarburi. Quando l’idrogeno interstellare si scalda, gli ioni carbonio originariamente formatisi nelle stelle iniziano a reagire con l’idrogeno molecolare, creando CH+. Alla fine il CH+ cattura un elettrone per formare la molecola CH neutra.

Questo è l’inizio dell’intera chimica del carbonio“, ha dichiarato John Pearson, ricercatore presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, a Pasadena, in California, e coautore dello studio. “Se vuoi formare qualcosa di più complicato, passa attraverso quel percorso.”

La Nebulosa di Orione è la regione più vicina alla Terra che forma stelle massicce, questo la rende (relativamente parlando) una regione ben studiata e conosciuta: secondo gli astronomi, la Nebulosa di Orione è un’enorme nube di gas e polvere, una delle tante nella nostra galassia, la Via Lattea. Essa è posta a circa 1.300 anni luce dalla Terra.

Questa grande nebulosa sta dando alla luce oggi forse un migliaio di stelle. Un ammasso stellare aperto, le cui stelle sono nate contemporaneamente da una porzione della nebulosa e sono ancora legate dalla gravità, che può essere visto all’interno della nebulosa. La nebulosa viene chiamato Orion Nebula Star Cluster.

Nel 2012, un team internazionale di astronomi ha suggerito che questo ammasso nella Nebulosa di Orione potrebbe avere un buco nero nel suo cuore.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Bosone di Higgs: il Modello Standard resiste

Una nuova ricerca ha confermato le previsioni del Modello...

Articoli correlati

Popular Categories