17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeAlimentazione e SaluteLa luce blu dello schermo degli smartphone potrebbe farci invecchiare più velocemente

La luce blu dello schermo degli smartphone potrebbe farci invecchiare più velocemente

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un nuovo studio mostra che l’esposizione alla luce blu potrebbe avere effetti dannosi sul tuo corpo, compreso l’invecchiamento accelerato.

Spesso ci viene detto che troppo tempo speso sugli smartphone non ci fa bene, e ora un nuovo studio suggerisce che potrebbe addirittura aumentare la velocità con cui invecchiamo.

I ricercatori dell’Oregon State University hanno condotto uno studio, utilizzando la frutta per testare gli effetti della luce blu. Hanno trovato prove che le nostre funzioni cellulari di base potrebbero essere influenzate da questa luce emessa da smartphone e altri dispositivi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“L’eccessiva esposizione alla luce blu dei dispositivi di uso quotidiano, come TV, laptop e telefoni, può avere effetti dannosi su un’ampia gamma di cellule del nostro corpo, dalla pelle alle cellule adipose, ai neuroni sensoriali”, ha affermato la dott.ssa Jadwiga Giebultowicz, autore senior di questo studio e professore di Biologia Integrativa presso la Oregon State University.

“Siamo i primi a dimostrare che i livelli di metaboliti specifici – sostanze chimiche essenziali per il corretto funzionamento delle cellule – sono alterati nei moscerini della frutta esposti alla luce blu. Il nostro studio suggerisce che evitare un’eccessiva esposizione a questa luce può essere una buona strategia anti-età”.

Nella loro ricerca, il team ha scoperto che i moscerini della frutta esposti alla luce blu hanno attivato i loro geni protettivi contro lo stress. Si scoprì che i moscerini della frutta tenuti nell’oscurità costante vivevano più a lungo.

“Per capire perché la luce blu ad alta energia è responsabile dell’accelerazione dell’invecchiamento nei moscerini della frutta, abbiamo confrontato i livelli di metaboliti nelle mosche esposte a questa luce per due settimane con quelli mantenuti nella completa oscurità”, ha affermato Giebultowicz.

I metaboliti sono sostanze che vengono prodotte o utilizzate quando il corpo scompone cose tra cui droghe, cibo, sostanze chimiche o qualsiasi cosa tu metta nel tuo corpo. Lo studio ha rilevato che l’esposizione alla luce blu ha causato grandi differenze nei livelli di metaboliti nelle cellule delle teste delle mosche. In particolare, hanno riscontrato un aumento dei livelli del metabolita succinato, ma una diminuzione del glutammato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Il succinato è essenziale per produrre il carburante per la funzione e la crescita di ogni cellula. Alti livelli di succinato dopo l’esposizione alla luce blu possono essere paragonati al gas che si trova nella pompa ma non entra nell’auto”, ha affermato Giebultowicz.

“Un’altra scoperta preoccupante è stata che le molecole responsabili della comunicazione tra i neuroni, come il glutammato, sono al livello più basso dopo l’esposizione a questo tipo di luce”.

I risultati di questo studio potrebbero suggerire che le cellule si comportano a livelli non ottimali con l’esposizione alla luce blu, causando la loro morte precoce. Ciò potrebbe quindi portare a un invecchiamento accelerato se i soggetti sono esposti a troppa luce blu.

Sebbene i risultati dello studio siano un’indicazione di come la luce blu stia influenzando gli esseri umani, non è un confronto perfetto e il team spera ora di svolgere ulteriori ricerche sulle cellule umane.

“Abbiamo usato una luce blu abbastanza forte sulle mosche: gli esseri umani sono esposti a una luce meno intensa, quindi il danno cellulare potrebbe essere meno drammatico”, ha dichiarato Giebultowicz.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I risultati di questo studio suggeriscono che sono necessarie ricerche future che coinvolgono cellule umane per stabilire fino a che punto le cellule umane possono mostrare cambiamenti simili nei metaboliti coinvolti nella produzione di energia in risposta all’eccessiva esposizione alla luce blu.

Fonte: Sciencefocus

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti