Limiti planetari: la Terra sta all’apice

Il professore di fisica dell'Università della California di San Diego, Tom Murphy, è tra i cinque autori di un saggio, apparso nel numero di novembre 2021 della rivista Energy Research & Social Science, che avverte che gli attuali livelli di crescita economica mondiale, uso di energia e consumo di risorse supereranno i limiti planetari della Terra

Il professore di fisica dell’Università della California di San Diego, Tom Murphy, è tra i cinque autori di un saggio, apparso nel numero di novembre 2021 della rivista Energy Research & Social Science, che avverte che gli attuali livelli di crescita economica mondiale, uso di energia e consumo di risorse supereranno i limiti planetari della Terra

Murphy, ha applicato i principi della fisica allo studio dei limiti planetari della Terra, ed ha recentemente pubblicato un esame rigoroso di questi problemi in “Energy and Human Ambitions on a Finite Planet”.

Se l’umanità continua ad aumentare il suo impatto sul pianeta supereremo i limiti planetari

Il saggio dichiara che “La modernità è incompatibile con i limiti planetari: e bisogna sviluppare un piano per il futuro”, annuncia anche la creazione di una rete di studiosi e ricercatori per promuovere la comprensione dei limiti planetari, immaginare scenari affinché l’umanità possa prosperare entro i limiti planetari, educare meglio studenti universitari su queste sfide e consigliare i funzionari governativi e le comunità nello sviluppo di risposte efficaci.

Nel loro nuovo saggio, gli autori hanno scritto, “le prime macchine volanti si schiantavano invariabilmente nonostante un breve intervallo di volo esilarante principalmente perché gli aggeggi non erano semplicemente costruiti secondo i principi aerodinamici del volo sostenibile. Allo stesso modo, l’attuale economia non è costruita su principi per un volo sostenibile, funzionante a regime”.

“Siamo tutti un prodotto dei nostri tempi, dove ‘nuovo’, ‘lucido’, ‘migliore’ sembra normale e ‘più, più, più’ sembra buono, ma questo è un riflesso del periodo anomalo del secolo scorso o giù di lì”, ha affermato Murphy. “Se l’umanità continua ad aumentare il suo impatto sul pianeta, supereremo i limiti planetari, quindi dobbiamo pianificare lo spegnimento finché c’è ancora tempo. Anche i fondatori dell’economia hanno riconosciuto che le risorse della Terra sono limitate e la crescita è solo una fase transitoria”.

L’autore senior del saggio Ben McCall e gli autori riconoscono che “il pensiero che la crescita debba finire è contrario alla nostra cultura”. Ma mantenendo questo ritmo, la società non otterrà il futuro che è stato promesso, secondo McCall.

“Non dovremmo aspettarci un futuro da ‘Jetson’ con auto volanti, ma con una pianificazione intenzionale possiamo sperare di fare meglio di un futuro da ‘Flintstones'”, ha detto.

Gli autori sottolineano anche che stanno predicando la prudenza, piuttosto che cercare di sembrare allarmisti. 

“Speriamo che questo saggio induca le persone a fare un passo indietro dalla visione familiare e ravvicinata del loro posto nel mondo per vedere una prospettiva più ampia sulle sfide che la società moderna deve affrontare in futuro”, ha affermato David Murphy, professore associato e presidente del dipartimento di ambiente studi alla St. Lawrence University. 

“Non stiamo facendo previsioni su ‘quando’. Il nostro punto è che ci sono limiti fondamentali alle nostre risorse su questo pianeta finito, e se continuiamo a usarli a questo ritmo, esauriremo le nostre risorse e il risultato non sarà buono. Dobbiamo trovare modi per alimentare il nostro mondo senza distruggendolo”.

Melody LeHew, professore di interior design e studi di moda presso la Kansas State University, ha affermato che non solo ingegneri, economisti e biologi devono studiare questi campi correlati, ma anche altri devono uscire dai loro silos per contribuire alle soluzioni. 

“Come persona che studia la moda, ho visto come i nostri attuali sistemi possono portare a un enorme spreco di risorse, ma anche come studiosi dedicati che lavorano insieme possono rendere anche l’industria della moda più sostenibile”, ha detto.

Chiunque può unirsi come abbonato per ricevere aggiornamenti sulle attività di rete. Gli studiosi attivi possono aderire come membri per partecipare a forum o collaborare per ricevere pieno accesso alla rete. 

“La nostra speranza è di poter innescare un dibattito e una riflessione profonda su come la civiltà umana potrebbe prosperare per i millenni a venire, piuttosto che semplicemente sopravvivere ai colli di bottiglia dei prossimi decenni”, ha affermato Tom Love, professore emerito di antropologia alla Linfield University. “Vogliamo che gli studiosi si chiedano quale ruolo gioca la loro ricerca attuale nell’affrontare questi problemi e contribuire alla comprensione di come l’attività umana potrebbe rientrare nei limiti planetari”.

Articoli più letti

Related articles