LHS 1140 b: l’affascinante esopianeta con un potenziale oceano

L’universo è sicuramente un vasto e misterioso luogo, pieno di meraviglie che attendono di essere scoperte, tra queste meraviglie troviamo gli esopianeti –pianeti che orbitano attorno a stelle diverse dal nostro Sole– i quali rappresentano una delle frontiere più affascinanti dell’astronomia moderna.

Recentemente, un team di astronomi ha fatto una scoperta rivoluzionaria: un esopianeta temperato che potrebbe essere un promettente mondo di ghiaccio o acqua, classificato come una super-Terra. Questo esopianeta, noto come LHS 1140 b, si trova nella zona abitabile della sua stella e potrebbe ospitare un’atmosfera e persino un oceano di acqua liquida.

Astronomia | LHS 1140 b: um exoplaneta aquático

La scoperta di LHS 1140 b è stata condotta dall’Università di Montréal e rappresenta un passo significativo nella ricerca di mondi abitabili al di fuori del nostro sistema solare, sebbene sia situato a circa 48 anni luce di distanza nella costellazione della Balena, ciononostante emerge come uno dei più promettenti candidati esopianeti abitabili conosciuti.

I dati raccolti dal James Webb Space Telescope (JWST) nel dicembre 2023, insieme a quelli di altri telescopi spaziali come Spitzer, Hubble e TESS, hanno consolidato questa scoperta, che è stata accettata per la pubblicazione su The Astrophysical Journal Letters.

Un mondo di ghiaccio o acqua su LHS 1140 b?

Questo esopianeta non è probabilmente un mini-Nettuno, un tipo di piccolo gigante gassoso con una spessa atmosfera ricca di idrogeno, piuttosto le osservazioni suggeriscono che questo esopianeta potrebbe essere una super-Terra, un pianeta roccioso o ricco di acqua più grande del nostro Pianeta.

LHS 1140 b orbita attorno a una stella nana rossa di piccola massa, circa un quinto delle dimensioni del Sole, e si trova all’interno della zona abitabile della sua stella, una regione in cui le temperature permetterebbero all’acqua di esistere in forma liquida, una caratteristica cruciale per la vita come la conosciamo sulla Terra, rendendolo a tutti gli effetti un obiettivo primario per la ricerca di esopianeti potenzialmente abitabili.

La zona abitabile, spesso chiamata “Zona Riccioli d’Oro”, è la regione attorno a una stella dove le temperature sono tali da permettere all’acqua di esistere in forma liquida sulla superficie di un pianeta, e LHS 1140 b si trova proprio all’interno di questa zona, il che significa che potrebbe avere –e i dati finora raccolti lo confermerebbero– un’atmosfera ricca di azoto e la temperatura superficiale al centro del suo oceano potrebbe addirittura raggiungere i 20 gradi Celsius.

Astronomers find surprising ice world in the habitable zone with JWST data

L’atmosfera di LHS 1140 b

Uno degli aspetti più affascinanti di LHS 1140 b è la possibilità che abbia un’atmosfera, e come abbiamo detto poc’anzi, le osservazioni del James Webb Space Telescope (JWST) hanno suggerito che questo esopianeta potrebbe avere un’atmosfera ricca di azoto, simile a quella terrestre, ciononostante sono necessarie ulteriori osservazioni per confermare questa scoperta, la presenza di un’atmosfera ricca di azoto suggerirebbe che il pianeta ha mantenuto un’atmosfera sostanziale, creando condizioni che potrebbero supportare l’acqua liquida.

Le stime basate sui dati accumulati rivelano che LHS 1140 b potrebbe essere un mondo acquatico, probabilmente somigliante a una palla di neve o a un pianeta ghiacciato con un potenziale oceano liquido nel punto sub-stellare, questo scenario è supportato dalla densità inferiore del pianeta, che suggerisce che una parte significativa della sua massa potrebbe essere composta da acqua.

Se LHS 1140 b avesse un’atmosfera simile alla Terra, potrebbe essere un pianeta a forma di palla di neve con un oceano a forma di bersaglio di circa 4.000 chilometri di diametro, equivalente a metà della superficie dell’Oceano Atlantico.

Importanza della scoperta

La scoperta di LHS 1140 b rappresenta un passo significativo nella ricerca di mondi abitabili al di fuori del nostro sistema solare, con la sua posizione nella zona abitabile e la potenziale presenza di un’atmosfera e di acqua liquida, questo esopianeta offre un’opportunità unica per studiare un mondo che potrebbe sostenere la vita.

Le future osservazioni con il JWST e altri telescopi spaziali saranno cruciali per confermare queste scoperte e approfondire la nostra comprensione di questo affascinante esopianeta.

LHS 1140 b è un esopianeta che ha il potenziale di rivoluzionare la nostra comprensione dei mondi abitabili al di fuori del nostro sistema solare, la sua scoperta rappresenta un passo significativo nella ricerca di mondi abitabili al di fuori del nostro sistema solare.

Three Planets Orbit Nearby Red Dwarf LHS 1140 | Astronomy | Sci-News.com

Con la sua posizione nella zona abitabile, la possibilità di un’atmosfera ricca di azoto e la presenza di acqua liquida, questo pianeta rappresenta un obiettivo primario per la ricerca di esopianeti potenzialmente abitabili, offre a tutti gli effetti un’opportunità unica per studiare un mondo che potrebbe sostenere la vita.

Le future osservazioni con il JWST e altri telescopi spaziali saranno cruciali per confermare queste scoperte e approfondire la nostra comprensione di questo affascinante mondo alieno.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Offerte Amazon: piastre per capelli super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Evoluzione: alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria – video

Un team di studiosi della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che alcuni di noi stanno sviluppando una nuova arteria e che la percentuale dei soggetti che presentano questa caratteristica è in crescita

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Il modello linguistico Gemini rivoluziona la robotica

In un ufficio open space a Mountain View, California,...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories