L’asteroide che uccise i dinosauri lasciò prosperare i serpenti

Secondo un nuovo studio, i serpenti devono il loro successo in parte allo schianto di un asteroide che spazzò via i dinosauri. L’impatto causò devastazione, con la morte della maggior parte degli animali e delle piante.

Gli scienziati affermano che una manciata di specie di serpenti sopravvissute è stata in grado di prosperare in un mondo post-apocalittico nascondendosi sottoterra e trascorrendo lunghi periodi senza cibo. I rettili resistenti si sono poi diffusi in tutto il mondo, evolvendosi nelle oltre 3.000 specie conosciute oggi.

I dinosauri notoriamente si sono estinti quando un asteroide ha colpito la Terra 66 milioni di anni fa, innescando terremoti, tsunami e incendi, seguiti da un decennio di oscurità quando le nuvole di cenere bloccarono la luce solare.

Si stima che il 76% di piante e animali sia scomparso. Ma i serpenti, come alcuni mammiferi, uccelli, rane e pesci, riuscirono ad aggrapparsi alla vita.

“In questo ambiente di collasso delle catene alimentari, i serpenti sono stati in grado di sopravvivere e prosperare, e sono stati in grado anche di colonizzare nuovi continenti e interagire con il loro ambiente in nuovi modi“, ha affermato la ricercatrice principale, la dott.ssa Catherine Klein, che ha svolto la ricerca presso l’Università di Bath. “È probabile che senza l’impatto di questo asteroide, non sarebbero dove sono oggi”.

All’epoca in cui l’asteroide si è schiantato sul Messico, i serpenti erano molto simili a quelli che conosciamo oggi: ovvero senza zampe e con mascelle elastiche per ingoiare la preda. Con scarsità di cibo, la loro capacità di sopravvivere senza cibo fino a un anno e di cacciare nell’oscurità dopo la catastrofe è stata probabilmente determinante per la loro sopravvivenza.

La manciata di specie di serpenti che prevalse erano principalmente quelle che vivevano sottoterra, sul suolo della foresta e in acqua dolce

Con poca concorrenza da altri animali, avevano tela bianca per espandersi lungo diversi percorsi evolutivi e in tutto il mondo, colonizzando l’Asia per la prima volta.

Nel corso del tempo, diventarono più grandi e più diffusi, sfruttando nuovi habitat e nuove prede. Comparvero anche nuovi gruppi, tra cui serpenti marini giganti lunghi fino a 10 metri. La ricerca, pubblicata su Nature Communications, mostra che tutti i serpenti viventi risalgono alle specie sopravvissute all’impatto con l’asteroide che ha ucciso i dinosauri.

La moderna diversità dei serpenti – tra cui quelli arborei, quelli marini, vipere velenose e cobra, ed enormi costrittori come boa e pitoni – emerse solo dopo questa estinzione di massa.

Tali eventi – quando almeno la metà di tutte le specie si estinse in un tempo relativamente breve – si sono verificati solo poche volte nel corso della storia del pianeta. Nei periodi immediatamente successivi alle principali estinzioni, l’evoluzione fu “nella sua forma più selvaggiamente sperimentale e innovativa”, ha affermato il dottor Nick Longrich del Milner Center for Evolution presso l’Università di Bath.

Lo studio ha anche trovato prove di una seconda esplosione dell’evoluzione dei serpenti nel periodo in cui il mondo si è spostato da una calda “Terra serra” a un clima più freddo che ha visto la formazione di calotte polari e l’inizio delle ere glaciali.

I serpenti hanno avuto un incredibile successo sulla Terra e si trovano in tutti i continenti tranne l’Antartide. Vivono nella maggior parte degli ecosistemi, dall’oceano ai deserti aridi. Ci sono serpenti che vivono sottoterra e quelli che vivono in cima agli alberi. Hanno dimensioni variabili da pochi centimetri a più di 6 metri, e sono di fondamentale importanza per la salute degli ecosistemi, tenendo sotto controllo le prede e aiutando gli esseri umani controllando i parassiti. A causa del conflitto con l’uomo, molte specie sono a rischio di estinzione.
 

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

In Tendenza

Insetti commestibili: Singapore pioniere con 20 specie

Singapore, nota per la sua cucina variegata e innovativa,...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Offerte Amazon: macchine da caffè super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Articoli correlati

Popular Categories