L’AMOC potrebbe collassare nel 2025

L'AMOC, un sistema vitale di correnti oceaniche che aiuta a regolare il clima dell'emisfero settentrionale, potrebbe collassare in qualsiasi momento dal 2025 e scatenare il caos climatico, avverte un nuovo controverso studio

0
373
L'AMOC potrebbe collassare nel 2025
L'AMOC potrebbe collassare nel 2025

L’AMOC, un sistema vitale di correnti oceaniche che aiuta a regolare il clima dell’emisfero settentrionale, potrebbe collassare in qualsiasi momento dal 2025 e scatenare il caos climatico, avverte un nuovo controverso studio.

L’Atlantic Meridional Ocean Current (AMOC), che comprende la Corrente del Golfo, governa il clima portando le acque calde e tropicali a nord e le acque fredde a sud.

Ma i ricercatori ora affermano che l’AMOC potrebbe virare verso il collasso totale tra il 2025 e il 2095, causando il crollo delle temperature, il collasso degli ecosistemi oceanici e la proliferazione delle tempeste in tutto il mondo. Tuttavia, alcuni scienziati hanno avvertito che la nuova ricerca comporta alcuni grandi avvertimenti.

L’AMOC può esistere in due stati stabili: uno più forte e più veloce su cui facciamo affidamento oggi, e un altro che è molto più lento e più debole. Stime precedenti prevedevano che la corrente sarebbe probabilmente passata alla sua modalità più debole nel prossimo secolo.

Ma i cambiamenti climatici causati dall’uomo potrebbero spingere l’AMOC a un punto di svolta critico prima piuttosto che dopo, hanno previsto i ricercatori in un nuovo studio, pubblicato sulla rivista e Nature Communications.

“Il punto di svolta previsto – a causa delle emissioni di gas serra – potrebbe accadere molto prima di quanto ci aspettassimo”, ha detto la coautrice Susanne Ditlevsen, professoressa di statistica e modelli stocastici in biologia all’Università di Copenaghen. 



AMOC come nastro trasportatore globale

Le correnti dell’Oceano Atlantico funzionano come un nastro trasportatore globale senza fine che sposta ossigeno, sostanze nutritive, carbonio e calore in tutto il mondo. Le acque meridionali più calde, che sono più salate e dense, scorrono verso nord per raffreddarsi e affondano sotto le acque a latitudini più elevate, rilasciando calore nell’atmosfera.

Quindi, una volta affondata sotto l’oceano, l’acqua si sposta lentamente verso sud, si riscalda di nuovo e il ciclo si ripete. Ma il cambiamento climatico sta rallentando questo flusso. L’acqua dolce proveniente dallo scioglimento delle calotte glaciali ha reso l’acqua meno densa e salata, e studi recenti hanno dimostrato che la corrente è al livello più debole da oltre 1.000 anni.

La regione vicino alla Groenlandia dove affondano le acque meridionali (noto come vortice subpolare), confina con una zona che sta raggiungendo temperature record, mentre i mari circostanti salgono ai massimi storici, formando una “macchia” di acqua fredda in continua espansione.

L’ultima volta che l’AMOC ha cambiato modalità durante l’ultima era glaciale, il clima vicino alla Groenlandia è aumentato da 18 a 27 gradi Fahrenheit (da 10 a 15 gradi Celsius) in un decennio. Se dovesse spegnersi, le temperature in Europa e Nord America potrebbero scendere fino a 9 gradi Fahrenheit (5 gradi Celsius) nello stesso lasso di tempo.

I dati diretti sulla forza dell’AMOC sono stati registrati solo dal 2004, quindi per analizzare i cambiamenti della corrente su scale temporali più lunghe, i ricercatori si sono rivolti alle letture della temperatura superficiale del vortice subpolare tra gli anni 1870 e 2020, un sistema che secondo loro fornisce un ‘impronta digitale’ per la forza della circolazione dell’AMOC.

Inserendo queste informazioni in un modello statistico, i ricercatori hanno misurato la diminuzione della forza e della resilienza della corrente oceanica in base alle sue crescenti fluttuazioni di anno in anno.

I risultati del modello hanno allarmato i ricercatori, ma affermano che controllarli ha solo rafforzato le loro scoperte: la finestra per il collasso del sistema potrebbe iniziare già nel 2025 e diventa più probabile man mano che il 21° secolo continua.

“Non mi considero molto allarmista. In un certo senso non è fruttuoso”, ha detto Peter Ditlevsen, professore di fisica e scienze del clima presso il Niels Bohr Institute di Copenaghen. “Quindi il risultato mi infastidisce, in un certo senso poiché la finestra per un possibile collasso è così vicina e così significativa che dobbiamo agire immediatamente ora”, ha aggiunto.

Polemiche sul previsto collasso

Oceanografi ed esperti di clima hanno affermato che mentre lo studio fornisce un allarme preoccupante, presenta alcune grandi incertezze.

“Se le statistiche sono robuste e rappresentano un modo corretto/rilevante per descrivere come si comporta l’attuale AMOC moderno e i cambiamenti si riferiscono esclusivamente ai cambiamenti nell’AMOC, allora questo è un risultato molto preoccupante”, ha dichiarato David Thornalley, professore di scienza dell’oceano e del clima all’University College di Londra. “Ma ci sono alcune incognite e ipotesi davvero grandi che devono essere indagate prima di avere fiducia in questo risultato”.

Altri scienziati del clima sono arrivati ​​​​al punto di versare acqua fredda sui risultati, suggerendo che è “del tutto poco chiaro” che l’evoluzione osservata della temperatura superficiale dell’AMOC possa essere collegata alla forza della sua circolazione.

“Mentre la matematica sembra fatta da esperti, la base fisica è estremamente traballante: si basa sul presupposto che il collasso mostrato dai modelli semplificati descriva correttamente la realtà – ma semplicemente non lo sappiamo, e non c’è una seria discussione sulle carenze di questi modelli semplificati”, ha detto Jochem Marotzke, professore di scienze del clima e direttore del Max Planck Institute for Meteorology di Amburgo. “Quindi, mentre il documento potrebbe essere un valido esercizio di analisi delle serie temporali in una rivista specializzata, è ben al di sotto del suo obiettivo autoproclamato di stimare l’evoluzione della circolazione esclusivamente dalle osservazioni”.

I ricercatori dietro il nuovo studio affermano che i loro prossimi passi saranno aggiornare il loro modello con i dati degli ultimi tre anni, il che dovrebbe restringere la loro finestra per il collasso previsto.

Fonte: Nature Communications

2