Piramidi Maya: cosa si nasconde nel loro interno?

Gli antichi Maya costruirono centinaia di piramidi in tutta la Mesoamerica, dal 1000 a.C. circa al 1500 d.C., collocando al loro interno un'ampia varietà di manufatti

0
793
Piramidi Maya: cosa si nasconde nel loro interno? Maschera Maya a mosaico
Piramidi Maya: cosa si nasconde nel loro interno?

Gli antichi Maya costruirono centinaia di piramidi in tutta la Mesoamerica, dal 1000 a.C. circa al 1500 d.C., collocando al loro interno un’ampia varietà di manufatti.

Ma cosa c’è esattamente dentro?

I ricercatori hanno scoperto che, come le piramidi dell’antico Egitto, quelle costruite dai Maya contenevano ricchi tesori e sepolture. Ma spesso contenevano anche qualcosa di più strano: piramidi più piccole all’interno di quelle più grandi.

Ad esempio, la piramide di “El Castillo”, nel sito di Chichén Itzá nella penisola dello Yucatán, contiene una piramide all’interno di una piramide all’interno di una piramide, come una bambola russa che nidifica.

“Gli antichi abitanti della penisola dello Yucatán, quando sono arrivati ​​in un sito precedentemente abitato e abbandonato, non hanno distrutto le vecchie strutture”, ha dichiarato Andrés Tejero-Andrade, professore all’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM) che ha studiato e scritto su El Castillo. “Piuttosto ne hanno costruito altre nuove sopra quelle già presenti, e così via”, ha aggiunto, osservando che questo è il motivo per cui El Castillo ha questa struttura di bambole nidificanti.

Questa pratica non era esclusiva di El Castillo; altre piramidi Maya e non Maya hanno questa disposizione, ha detto Denisse Lorenia Argote Espino, ricercatrice presso l’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) del Messico.



Espino ha notato che costruire una piramide sopra un’altra piramide “era una pratica comune in epoca preispanica (prima che arrivassero gli spagnoli)” e che “le strutture principali nei lunghi insediati, siti abitati da molto tempo, di solito hanno diverse fasi costruttive”.

Tuttavia, tali pile di piramidi non sono le cose più comuni che gli archeologi hanno trovato nelle piramidi Maya. Mentre alcuni templi erano usati per i rituali, altri servivano come tombe per governanti o altri individui d’élite.

Queste sepolture contenevano manufatti come maschere di giada per i defunti, perline di giada, lame di ossidiana e spine di razza, che erano un simbolo di sacrificio per gli antichi Maya, secondo il libro di Michael Coe “The Maya” (Thames & Hudson, 2011).

Le spine di Stingray erano associate al sacrificio di sé perché a volte venivano poste “attraverso orecchie, guance, labbra, lingua e pene, il sangue veniva spruzzato su carta usata per ungere idoli”, ha scritto Coe nel suo libro.

Gli antichi Maya possedevano oggetti preziosi fatti di giada. Uno degli esempi più famosi è un trono di giaguaro trovato nella piramide di El Castillo.

Qui vediamo il Trono del Giaguaro all'interno della piramide del "Templo de Kukulkán" (El Castillo). Il Tempio di Kukulcan, è una piramide a gradoni mesoamericana che domina il centro del sito archeologico di Chichén Itzá. Costruito dalla civiltà Maya preispanica tra il IX e il XII secolo d.C., El Castillo fungeva da tempio del dio Kukulkan, la divinità del serpente piumato Maya dello Yucatec strettamente imparentata con il dio Quetzalcoatl noto agli Aztechi.(Credito immagine: foto di Thierry Tronnel/Corbis via Getty Images)
Qui vediamo il Trono del Giaguaro all’interno della piramide del “Templo de Kukulkán” (El Castillo). Il Tempio di Kukulcan, è una piramide a gradoni mesoamericana che domina il centro del sito archeologico di Chichén Itzá. Costruito dalla civiltà Maya preispanica tra il IX e il XII secolo d.C., El Castillo fungeva da tempio del dio Kukulkan, la divinità del serpente piumato dello Yucatec strettamente imparentata con il dio Quetzalcoatl noto agli Aztechi.(Credito immagine: foto di Thierry Tronnel/Corbis via Getty Images)

“I Maya classici stimavano la giadeite non solo per la sua preziosità e bellezza, ma anche come pietra di grande importanza simbolica”, ha scritto Karl Taube, professore di antropologia presso l’Università della California, Riverside, in un articolo pubblicato sulla rivista Ancient Mesoamerica. Ad esempio, i Maya associavano la giada al mais, al dominio e al vento stesso, sostiene Taube. “La giada era una componente importante dei riti funerari e dell’evocazione rituale di divinità e antenati”, ha aggiunto.

Altri manufatti 

Le piramidi Maya contenevano molti altri notevoli manufatti. Ad esempio, una piramide nel sito di San Bartolo, nel nord del Guatemala, contiene un frammento di quello che potrebbe essere il più antico calendario Maya mai trovato, risalente a più di 2.200 anni fa.

Una piramide a Copan, in Honduras, ha un’enorme iscrizione contenente più di 2.000 glifi Maya incisi sulla sua scalinata. L’iscrizione racconta la storia dei governanti di Copan, secondo un rapporto del Getty Conservation Institute. I Maya usavano un sistema di scrittura che a volte viene chiamato “geroglifico Maya”. Questo sistema di scrittura ha glifi che rappresentano suoni che formano parole che gli studiosi possono leggere e tradurre.

2