L’amazzonia brucia

La cortina di fumo sopra il sud america continua a crescere man mano che gli incendi bruciano ampie aree della foresta tropicale.

457
Indice

La foresta amazzonica è in fiamme da settimane. Spesso definita “il polmone del pianeta” perché fornisce il 20% dell’ossigeno del mondo, la foresta pluviale amazzonica è in fiamme da settimane. La NASA ha catturato immagini satellitari del fumo liberato dai catastrofici incendi, che continuano a diffondersi.

Gli incendi ormai coinvolgono un certo numero di stati brasiliani, tra cui Amazonas, Para, Mato Grosso e Rondonia e le foreste tropicali della Bolivia. Mercoledì (agosto 21) il satellite Suomi NPP della NOAA/NASA ha catturato un’immagine a colori naturali utilizzando lo strumento VIIRS (Visible Infrared Imaging Radiometer Suite). L’immagine mostra il fumo degli incendi raccolti sull’Amazzonia in tutto il Sud America.


Le immagini dello spettroradiometro per immagini a risoluzione moderata (MODIS) del satellite Aqua della NASA mostrano anche la progressione degli incendi, compresa la crescente quantità di fumo nella regione.

Questa foto satellitare del Sud America mostra il fumo sopra degli incendi nella foresta pluviale amazzonica l’11 agosto 2019. L’immagine è stata scattata con lo Spectroradiometer (MODIS) a risoluzione moderata sul satellite Aqua della NASA. – (Credito immagine: immagini dell’Osservatorio della Terra della NASA di Lauren Dauphin, utilizzando i dati MODIS della NASA EOSDIS / LANCE e GIBS / Worldview e VIIRS dati della NASA EOSDIS / LANCE e GIBS / Worldview e la Suomi National Polar-orbiting Partnership.)

L’applicazione della NASA Worldview del sistema di dati e informazioni del sistema di osservazione Terra (EOSDIS) consente a chiunque di monitorare gli incendi in tutto il mondo utilizzando i dati satellitari della NASA. In Worldview, si può vedere la progressione degli incendi in Amazzonia e del fumo visibile sul Sud America.

Il National Institute for Space Research (INPE) del Brasile ha finora rilevato 39.601 incendi quest’anno in Amazzonia, come riportato da New York Times. L’INPE riferisce che c’è stato un aumento del 79% degli incendi rispetto allo stesso periodo del 2018.

Non molto tempo fa si pensava che le foreste amazzoniche e le altre regioni della foresta pluviale tropicale fossero completamente immuni agli incendi grazie all’alto contenuto di umidità del sottobosco sotto la protezione della copertura del baldacchino. Ma le gravi siccità del 1997-98, 2005, Il 2010 e attualmente un gran numero di incendi in tutto il nord del Brasile hanno cambiato per sempre questa percezione“, ha dichiarato in una nota Carlos Peres, biologo dell’Università dell’East Anglia.

Questa foto satellitare del Sud America mostra il fumo sopra gli incendi nella foresta pluviale amazzonica il 13 agosto 2019. L’immagine è stata scattata con lo Spectroradiometer (MODIS) a risoluzione moderata sul satellite Aqua della NASA. – (Credito immagine: immagini dell’Osservatorio della Terra della NASA di Lauren Dauphin, utilizzando i dati MODIS della NASA EOSDIS / LANCE e GIBS / Worldview e VIIRS dati della NASA EOSDIS / LANCE e GIBS / Worldview e la Suomi National Polar-orbiting Partnership.)

Gli incendi naturali in Amazzonia sono estremamente rari. Gli incendi che ora devastano la foresta pluviale amazzonica sono stati provocati dai taglialegna e dagli allevatori per ripulire la terra per fare spazio a coltivazioni e pascoli di bestiamesecondo quanto riferisce il Washington Post. L’area interessata agli incendi comprende la terra delle comunità indigene, che è stata presa di mira da incendiari che ricorrono al disboscamento illegale per utilizzare il territorio per miniere e allevamenti di bestiame, riferisce Amnesty.

Indignazione e proteste contro il presidente brasiliano Jair Bolsonaro sonos coppiate un po’ in tutto il mondo a causa delle note posizioni di Bolsonaro sull’ambiente che hanno portato il paese sudamericano ad indebolire le tutele ambientali e degli indigeni a tutto vantaggio delle attività di estrazione e silvicoltura in Amazzonia.

La neoeletta amministrazione Bolsonaro in Brasile ha rapidamente smantellato la capacità istituzionale del Brasile di affrontare le minacce contro l’ambiente, permettendo, inoltre, lo sviluppo di un diffuso sentimento di impunità a migliaia di proprietari terrieri mentre le frontiere agricole continuano ad espandersi ai danni della foresta pluviale“, ha detto Peres.
Questo sconvolgimento arriva dopo che il direttore dell’agenzia brasiliana per il monitoraggio dello spazio e del clima, Ricardo Galvão, è stato costretto a lasciare la sua posizioneGalvão ha lasciato la sua posizione all’inizio di questo mese dopo aver difeso i risultati scientifici che mostrano un forte aumento della deforestazione in Amazzonia. Galvão ha denunciato Bolsonaro.