Laika, il primo cane ad orbitare attorno alla terra

Laika era un giovane husky siberiano salvato dalle strade di Mosca. Gli scienziati sovietici presumevano che un cane randagio, abituato già al peggio, avrebbe imparato a sopportare dure condizioni di fame e basse temperature

Era il 3 novembre 1957, quando l’Unione Sovietica ha sbalordito il mondo con il lancio dello Sputnik 2. A bordo del piccolo satellite c’era un cagnolino, Laika, il primo animale mandato in orbita attorno alla Terra. Tuttavia, Stati Uniti e l’URSS mettono animali sui razzi dal 1947, quindi Laika non è stato il primo a essere lanciato nello spazio.

Laika, il primo animale in orbita

Agli albori della scienza missilistica, nessuno sapeva quali sarebbero stati gli effetti dell’assenza di gravità. Gli animali, principalmente cani, scimmie e scimpanzé, sono stati usati per testare la sicurezza e la fattibilità di lanciare un essere vivente nello spazio e riportarlo indietro illeso.

Da allora, gli animali hanno continuato a svolgere un ruolo importante nella comprensione dell’impatto della microgravità su molte funzioni biologiche.

Gli astronauti hanno studiato diverse specie: vespe, scarafaggi, tartarughe, mosche, vermi, pesci, ragni, conigli, api, formiche, rane, topi, grilli, ratti, tritoni, lumache, ricci, falene, artemia salina, meduse, guinea maiali, farfalle, scorpioni e scarafaggi.

Sputnik e Muttnik

Laika era un giovane husky siberiano salvato dalle strade di Mosca. Gli scienziati sovietici presumevano che un cane randagio, abituato già al peggio, avrebbe imparato a sopportare dure condizioni di fame e basse temperature.

Laika e altri due cani furono addestrati per i viaggi nello spazio tenuti in piccole gabbie e imparando a mangiare un gel nutriente che sarebbe stato il loro cibo nello spazio.

Il nome del cane era originariamente Kudryavka, o Little Curly, ma divenne nota a livello internazionale come Laika, una parola russa per diverse razze simili a un husky. I giornalisti americani l’hanno soprannominata Muttnik come un gioco di parole sullo Sputnik.

Sfortunatamente, il viaggio di Laika nello spazio fu di sola andata. Non è stato possibile elaborare una strategia di rientro in tempo per il lancio.

Non si sa esattamente per quanto tempo Laika abbia vissuto in orbita – forse poche ore o pochi giorni – fino a quando il potere del suo sistema di supporto vitale non si è esaurito. Lo Sputnik 2 bruciò nell’alta atmosfera nell’aprile 1958.

I primi astronauti animali

Sebbene non vi sia alcun confine distinto tra l’atmosfera e lo spazio, una linea immaginaria a circa 68 miglia (110 chilometri) dalla superficie, chiamata linea di Karman, è solitamente il punto in cui gli scienziati affermano che l’atmosfera terrestre incontra lo spazio esterno.

I primi animali a raggiungere lo spazio (senza contare i batteri che potrebbero aver fatto l’autostop sui razzi precedenti) sono stati i moscerini della frutta.

Il 20 febbraio 1947, gli Stati Uniti misero i moscerini della frutta a bordo dei razzi tedeschi V-2 catturati per studiare l’esposizione alle radiazioni ad alta quota. In 3 minuti e 10 secondi, i moscerini della frutta hanno raggiunto una distanza di 68 miglia.

Il primo mammifero nello spazio fu Alberto II, una scimmia Rhesus. Fu anestetizzato durante il volo e gli furono impiantati dei sensori per misurare i suoi segni vitali, raggiunse una distanza di 83 miglia il 14 giugno 1949 ma, sfortunatamente, morì nell’impatto al rientro.

Mentre gli Stati Uniti facevano esperimenti con le scimmie, l’Unione Sovietica faceva esperimenti con i cani. Durante gli anni ’50 e ’60, l’Unione Sovietica aveva spazio per almeno 57 cani. Tuttavia, poiché alcuni hanno volato più di una volta, meno di 57 hanno effettivamente partecipato.

I primi cani lanciati, Tsygan e Dezik, erano a bordo dell’R-1 IIIA-1. I cani hanno raggiunto lo spazio il 22 luglio 1951, ma non hanno orbitato. Sono stati i primi mammiferi recuperati con successo dal volo spaziale. Dopo Laika, l’Unione Sovietica ha inviato altri due cani, Belka e Strelka, nello spazio il 19 agosto 1960. Gli animali sono stati i primi a orbitare e tornare vivi sulla terra.

Altri membri dell’equipaggio animale

  • Gordo, una scimmia scoiattolo, si lanciò a 600 miglia di altezza il 13 dicembre 1958. Morì in un ammaraggio quando un dispositivo di galleggiamento si guastò.
  • Able, una scimmia Rhesus, e Baker, una scimmia scoiattolo, furono lanciati insieme il 28 maggio 1959. Volarono a 300 miglia di altezza e tornarono illesi. Tuttavia, Able è morta durante un’operazione per rimuovere un elettrodo da sotto la sua pelle. Baker visse fino al 1984, morendo di insufficienza renale all’età di 27 anni.
  • Ham, uno scimpanzé addestrato a svolgere compiti durante il volo spaziale. Ham, che prende il nome dall’Holloman Aerospace Medical Center, è diventato una celebrità dopo il suo volo il 31 gennaio 1961. Ham ha imparato a tirare le leve per ricevere palline di banana ed evitare scosse elettriche. È diventato con successo il primo animale a interagire effettivamente con una nave spaziale, piuttosto che semplicemente cavalcarla.
  • Il 18 ottobre 1963, gli scienziati francesi lanciarono il primo gatto nello spazio. Felix è stato recuperato con successo dopo una discesa con il paracadute.
  • Due cani russi, Veterok e Ugolyok sono stati lanciati nello spazio il 22 febbraio 1966. Hanno orbitato per 22 giorni da record. Gli umani non hanno superato il record fino al 1974.

Animali in altre ricerche spaziali

Sebbene i primi astronauti animali abbiano raggiunto una grande fama, molti altri animali hanno silenziosamente contribuito al corpo delle conoscenze scientifiche sulla vita nello spazio. Man mano che gli umani si sono abituati ai viaggi nello spazio, meno animali hanno fatto notizia in prima pagina. Tuttavia, i loro contributi sono stati molto importanti.

Alcuni animali sono stati inviati come parte di esperimenti progettati da studenti, altri dalla NASA e altri paesi. Nel 2004, il programma dello space shuttle aveva trasportato oltre due dozzine di pacchetti sperimentali SpaceLab.

Quasi tutti gli esperimenti sono stati progettati con uno scopo principale in mente: studiare gli effetti della microgravità sulle funzioni biologiche delle creature terrestri.

Alcune delle funzioni biologiche che sono state studiate sono (solo per citarne alcune): stati cerebrali, prestazioni comportamentali, stato cardiovascolare, equilibrio idrico ed elettrolitico, stato metabolico, sviluppo dei tessuti e accoppiamento a gravità zero.

Ecco alcuni esempi di esperimenti specifici:

  • 9 novembre 1970: due rane toro sono state lanciate in una missione di sola andata per saperne di più sulla cinetosi spaziale.
  • 28 luglio 1973: due ragni da giardino di nome Arabella e Anita furono usati per studiare come l’orbita della Terra avrebbe influenzato la capacità dei ragni di tessere ragnatele. Arabella tesseva una rete abbastanza simmetrica anche se lo spessore del filo variava, qualcosa che i ragni terrestri non sperimentano.
  • 10 luglio 1985: dieci tritoni volano a bordo del Bion 7. I loro arti anteriori sono stati amputati per studiare la rigenerazione nello spazio per capire meglio come gli umani potrebbero riprendersi dalle lesioni spaziali.
  • 17 aprile 1998: più di 2.000 creature si sono unite in 16 giorni di test neurologici insieme ai sette membri dell’equipaggio umano della navetta Columbia.
  • Settembre 2007: creature microscopiche comunemente note come orsi acquatici (tardigradi) sono sopravvissute a un’esposizione di 10 giorni allo spazio aperto. Le creature sono note per avere la capacità di resistere a condizioni estreme, inclusa la disidratazione, e ancora recuperare e riprodursi. Gli animali sono stati asciugati e reidratati dopo essere sopravvissuti ai raggi cosmici, a un vuoto vicino e a temperature gelide.

Gli animali continuano ad essere studiati sulla Stazione Spaziale Internazionale e in altre strutture. Alcuni esperimenti recenti:

  • 2017: topi neonati sani sono nati dallo sperma di topo ospitato sulla ISS per quasi 300 giorni nel 2013-14, suggerendo che lo sperma di altre specie potrebbe essere ospitato al di fuori della Terra in caso di catastrofe.
  • 2016: dodici topi maschi sono stati inviati al complesso orbitante per 30 giorni in modo che i ricercatori potessero osservare i cambiamenti nel DNA degli animali .
  • 2014: un esperimento studentesco ha inviato una colonia di formiche sulla ISS e le ha confrontate con altre colonie sulla Terra. L’obiettivo era vedere come la microgravità influenza i movimenti delle formiche spaziali mentre cercano cibo.
  • 2014: i topi sono stati trasportati sulla ISS per studiare in che modo il volo spaziale di lunga durata influenza i muscoli , i nervi, il cuore e altri sistemi.
  • 2013: la Russia ha lanciato la capsula spaziale Bion-M1 per un mese nello spazio per studiare gerbilli, gechi, topi e altre creature. All’atterraggio, i funzionari hanno scoperto che metà dei topi e tutti i gerbilli sono morti durante il volo a causa di problemi tecnici nella fornitura di cibo e nel rifugio.

Articoli più letti

Related articles