La Space Force manda in orbita il suo primo satellite

Questa settimana un razzo Atlas V dell'ULA ha lanciato il sesto e ultimo satellite di comunicazioni militari Advanced Extremely High Frequency (AEHF-6) in l'orbita terrestre, effettuando la prima missione in assoluto per la US Space Force.

605
Indice

L’Atlas V è stato autorizzato al lancio, anche se molte attività in tutta la nazione e nel mondo, compresi altri lanci di missili, sono state bloccate dalla pandemia di coronavirus. “Il lancio è stato approvato perché il satellite AEHF-6 da 1,4 miliardi di dollari è essenziale per la sicurezza nazionale”, hanno affermato dei funzionari militari statunitensi.
Anche di fronte a una pandemia globale, come l’attuale crisi COVID-19, dobbiamo continuare a svolgere compiti essenziali per la missione“, ha spiegato il tenente Gen. John F. Thompson, comandante dello Space and Missile Systems Center di Los Angeles Air Force Base.
AEHF-6 è designato come essenziale per la missione perché la costellazione di AEHF supporta il presidente degli Stati Uniti, altri leader nazionali e le forze congiunte con comunicazioni strategiche critiche in tutto il pianeta“, ha detto Thompson. “E questo particolare lancio estende questa capacità nel periodo oltre il 2030“.
La costellazione AEHF è composta da sei satelliti che circondano la Terra in orbita geostazionaria, a circa 22.200 miglia (35.700 chilometri) sopra il pianeta. questi satelliti garantiscono comunicazioni sicure tra funzionari governativi e le unità militari dispiegate sui vari teatri di guerra.
Lockheed Martin è il principale appaltatore della rete AEHF da $ 15 miliardi, che fa seguito alla costellazione di comunicazioni Milstar della US Air Force. Gli altri cinque satelliti AEHF sono stati lanciati ad agosto 2010, maggio 2012, settembre 2013, ottobre 2018 e agosto 2019. In genere, questi veicoli spaziali hanno una durata di progettazione di 14 anni.
I satelliti AEHF non sono le uniche risorse spaziali ritenute critiche per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Un’altra varietà di satelliti soddisfa tale descrizione e la Space Force è impegnata a mantenerli tutti in funzione, nonostante l’epidemia del coronavirus”, ha dichiarato il generale John “Jay” Raymond, capo delle operazioni spaziali per il nuovo ramo militare (A proposito, la Space Force è inquadrata all’interno dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti, così come il Corpo dei Marines fa parte del Dipartimento della Marina).
Sono particolarmente orgoglioso dei nostri professionisti militari che continuano a garantire che i sistemi spaziali vitali rimangano operativi a sostegno della nostra nazione“, ha dichiarato Raymond in un video su twitter dalla Space Force.
Grazie alla loro professionalità e dedizione al dovere, capacità critiche come il sistema di posizionamento globale e le comunicazioni via satellite, sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per consentire alle autorità civili e salvaguardare la nostra difesa nazionale“.
Il prossimo lancio spaziale di alto profilo avverrà il 9 aprile e riguarderà il lancio di tre nuovi membri dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale, che saliranno in orbita dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan.
Fonte: Space.com