La nostra coscienza può interagire con l’Universo

Un recente esperimento ha indicato che il cervello non è troppo caldo o umido perché la coscienza esista come un’onda quantistica che si connette con il resto dell’Universo

0
1522
La nostra coscienza può interagire con l'Universo

Quando si parla coscienza, o di mente, il discorso è sempre un po’ fumoso. Sia che la creiamo nel nostro cervello in funzione dell’attivazione dei nostri neuroni, sia che esista indipendentemente da noi, non esiste una spiegazione scientifica universalmente accettata per la sua provenienza o il luogo in cui vive. Nuove ricerche sulla fisica, l’anatomia e la geometria della coscienza tuttavia hanno iniziato a rivelare la sua possibile forma.

Coscienza

La possibile architettura della coscienza

In altre parole, presto potremmo essere in grado di identificare una vera architettura della coscienza.

Il nuovo studio si basa su una teoria che il fisico vincitore del Premio Nobel Roger Penrose e l’anestesista Stuart Hameroff, che l’hanno postulato per la prima volta negli anni ’90: la teoria della riduzione obiettiva orchestrata (Orch OR). In generale, si sostiene che la coscienza è un processo quantistico facilitato dai microtubuli nelle cellule nervose del cervello.

Coscienza



Penrose e Hameroff hanno indicato che la coscienza è un’onda quantistica che passa attraverso questi microtubuli, e che, come ogni onda quantistica, ha proprietà come la sovrapposizione (la capacità di trovarsi in molti posti contemporaneamente) e l’entanglement (il potenziale per due particelle molto lontane di essere collegate). Molti esperti hanno messo in dubbio la validità della teoria Orch OR.

L’esperimento

Per spiegare la coscienza quantistica, Hameroff ha recentemente dichiarato che deve essere invariante di scala, come un frattale, che è uno schema infinito che può essere molto piccolo o molto grande e mantenere le stesse proprietà su qualsiasi scala.

Gli stati normali di coscienza potrebbero essere quello che consideriamo abbastanza ordinario, ad esempio sapere che esisti. Ma quando hai uno stato elevato di coscienza, è perché hai a che fare con un livello quantico che è capace di essere in tutti i luoghi contemporaneamente. Questo significa che la tua coscienza può connettersi o intrecciarsi con particelle quantistiche al di fuori del tuo cervello, in teoria ovunque nell’Universo.

Altri scienziati hanno utilizzato un modo semplice per scartare questa teoria. Gli studi per ricreare la coerenza quantistica, mantenendo le particelle quantistiche come parte di un’onda invece di scomporsi in particelle discrete e misurabili, hanno funzionato solo in ambienti molto freddi e controllati.

Togliendo le particelle quantistiche da quell’ambiente l’onda si spezzerebbe, lasciando dietro di sé particelle isolate. Il cervello non è freddo e controllato, è piuttosto caldo, umido e pastoso. Pertanto, si è ipotizzato che la coscienza non potesse rimanere in sovrapposizione nel cervello. Le particelle nel cervello non potevano connettersi con l’Universo.

Panpsichismo, l'idea che gli oggetti inanimati abbiano coscienza

Successivamente sono arrivate le scoperte nella biologia quantistica. Si è scoperto che gli esseri viventi usano proprietà quantistiche anche se non sono freddi e controllati.

Uno degli scienziati che hanno lavorato con il team Orch OR, il fisico e professore di oncologia Jack Tuszynski, ha recentemente condotto un esperimento con un modello computazionale di un microtubulo. Il suo team ha simulato l’invio di una luce in un microtubulo, una sorta di fotone che invia un eccitone attraverso la struttura di una pianta.

Gli esperti stavano testando se il trasferimento di energia dalla luce nella struttura dei microtubuli potesse rimanere coerente come nelle cellule vegetali. L’idea era che se la luce fosse durata abbastanza a lungo prima di essere emessa (una frazione di secondo era sufficiente) avrebbe indicato la coerenza quantistica.

La coscienza spiega la meccanica quantistica?

Nello specifico, il team di Tuszynski ha simulato l’invio della fluorescenza del triptofano, ovvero fotoni di luce ultravioletta non visibili all’occhio umano, nei microtubuli. In una recente intervista, Tuszynski ha riferito che, in 22 esperimenti indipendenti, le eccitazioni del triptofano hanno creato reazioni quantistiche che sono durate fino a cinque nanosecondi.

Questo è migliaia di volte più lungo di quanto ci si aspetterebbe che la coerenza durasse in un microtubulo. È anche più che sufficiente per svolgere le funzioni biologiche richieste: “Quindi siamo effettivamente sicuri che questo processo duri più a lungo nella tubulina che nella clorofilla“, ha affermato. Il team ha pubblicato i risultati sulla rivista ACS Central Science.

Un team di professori dell’Università della Florida Centrale ha illuminato i microtubuli con luce visibile. In quegli esperimenti, hanno osservato la riemissione di questa luce per centinaia di millisecondi o secondi.

Questo è il tipico tempo di risposta umana a qualsiasi tipo di stimolo, visivo o audio“, ha spiegato lo scienziato. Far brillare la luce nei microtubuli e misurare quanto tempo impiegano i microtubuli per emettere quella luce: “È un indicatore della stabilità di certi stati quantistici postulati che è una specie di chiave per la teoria secondo cui questi microtubuli potrebbero avere coerenza sovrapposizioni quantistiche che possono essere associate alla mente o alla coscienza”.

In parole povere, il cervello non è troppo caldo o umido perché la coscienza esista come un’onda che si connette con l’Universo.

Conclusioni

Palmer ritiene che il nostro Universo possa essere solo una traiettoria, una macchina, su uno spazio di stati cosmologici come l’attrattore di Lorenz. Quando immaginiamo “e se…?” scenari, in realtà stiamo ottenendo informazioni su versioni di noi stessi in altri universi che stanno anch’esse navigando nello stesso strano attrattore. Questo spiega anche il nostro senso di coscienza, di libero arbitrio e di connessione con un Universo più grande.

Una nuova teoria per spiegare la coscienza

Ipotizzerei almeno che potrebbe essere il caso che si stia evolvendo su sottoinsiemi frattali molto speciali di tutti gli stati concepibili nello spazio degli stati“, ha detto Palmer. Se le sue idee sono corrette, ha affermato: “Allora dobbiamo guardare alla struttura dell’Universo su scala molto più grande, perché questi attrattori ci parlano davvero di una sorta di geometria olistica per l’Universo”.

L’esperimento di Tuszynksi e la teoria di Palmer ancora non ci dicono cosa sia la coscienza, ma forse ci dicono dove vive la coscienza, che tipo di struttura la ospita. Questo significa che non è solo un concetto etereo e disincarnato. Se la coscienza è ospitata da qualche parte, anche se quel posto è uno spazio complesso, possiamo trovarla. E questo è un inizio.

2