14.6 C
Rome
sabato, Dicembre 3, 2022
HomeAttualitàLa morte della regina Elisabetta II

La morte della regina Elisabetta II

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Con la morte della regina Elisabetta II d’Inghilterra, ogni dettaglio delle prossime due settimane è stato pianificato e provato nei minimi dettagli, ed è stato persino firmato dalla stessa monarca.

Da decenni ci sono incontri regolari tra le numerose agenzie coinvolte, dai dipartimenti del governo centrale e locale alle autorità militari e religiose e rappresentanti degli altri 14 paesi in cui era Capo di Stato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La bandiera dell’Unione sarà abbassata sugli edifici pubblici in tutto il Regno Unito. Lo stendardo reale, che è la bandiera personale del monarca, non viene mai abbassato perché il monarca non muore mai (Il Re è morto, lunga vita al Re).

Anche se molte delle specifiche devono ancora essere rilasciate, ecco cosa sappiamo in questo momento.

Re Carlo III

Il principe Carlo è diventato automaticamente re alla morte di sua madre. Sarà conosciuto come re Carlo III. Ora è capo di stato non solo nel Regno Unito, ma in altri 14 regni del Commonwealth, tra cui Australia e Canada. Diventerà anche capo dei 56 membri del Commonwealth, sebbene questa non sia una posizione ereditaria, dopo che la sua successione al ruolo è stata concordata dai leader del Commonwealth in una riunione a Londra nel 2018.

È diventato capo delle forze armate britanniche, della magistratura e del servizio civile ed è il governatore supremo della Chiesa d’Inghilterra. È la Fonte d’Onore, il che significa che tutti gli onori, come i cavalierati, ora saranno dati a suo nome.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Saluti con armi da fuoco e cambi di titolo

Il Consiglio di adesione si riunirà al St James’s Palace di Londra, risalente a 500 anni fa. La morte della regina sarà formalmente annunciata e il nuovo sovrano sarà proclamato.

Il re delle armi leggerà la proclamazione dal balcone del palazzo e colpi di pistola echeggeranno in tutta la capitale.

Il principe William è ora primo di diritto per la successione al trono.

Ci saranno saluti con le armi in tutta Londra – un round per ogni anno della vita di Elisabetta – e verrà trasmessa un discorso del nuovo re.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Allestimenti funebri

In qualità di monarca, alla regina Elisabetta viene automaticamente concesso un funerale di stato finanziato con fondi pubblici e i dettagli saranno resi noti nei prossimi giorni. La regina è morta al castello di Balmoral, la sua residenza estiva in Scozia, quindi nei prossimi giorni verranno presi accordi per il suo trasporto in Inghilterra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La vita della regina Elisabetta II

Dal 1952 ci sono stati sette papi, 14 presidenti degli Stati Uniti e 15 primi ministri britannici. Ma c’è stato solo un monarca britannico.

La regina Elisabetta II ha regnato per più di 70 anni, più a lungo di qualsiasi monarca britannico nella storia.

Aveva 25 anni quando salì al trono.

(Immagini PA/Immagini Getty)
(Immagini PA/Immagini Getty)

Elizabeth è nata il 21 aprile 1926 a Londra. È tenuta in questa foto da sua madre, anche lei di nome Elizabeth. Suo padre sarebbe poi diventato re Giorgio VI.

(Archivio Hulton/Getty Images)
(Archivio Hulton/Getty Images)

La regina Elisabetta II con il figlio maggiore, il principe Carlo, nel 1969. Carlo è diventato Re del Regno Unito alla morte di sua madre, deve sempre esserci un sovrano e quindi la proclamazione è solo una formalità.

(Chris Jackson/Getty Images)
(Chris Jackson/Getty Images)

Elizabeth ascolta il suo pronipote, il principe George, fuori da una chiesa dove la sorella di George, Charlotte, è stata battezzata nel luglio 2015.

(Steve Parsons/Pool/AFP/Getty Images)
(Steve Parsons/Pool/AFP/Getty Images)

La regina cavalca un cavallo a Windsor, in Inghilterra, nel maggio 2020. È stata la sua prima apparizione pubblica dopo il lockdown per il COVID-19 nel Regno Unito.

(Max Mumby/Indigo/Getty Images)
(Max Mumby/Indigo/Getty Images)

La regina guida la sua Range Rover mentre partecipa al Royal Windsor Horse Show a Windsor, in Inghilterra, nel luglio 2021.

Carlo III

In una dichiarazione rilasciata poco dopo l’annuncio ufficiale della sua scomparsa, Charles III ha descritto la morte della sua “amata” madre come “un momento di grande tristezza per me e tutti i membri della mia famiglia“. I prossimi giorni saranno un periodo durante il quale Charles assumerà i suoi nuovi doveri e piangerà una grande perdita personale.
Dopo una vita sotto gli occhi del pubblico, è una figura familiare a molti in Gran Bretagna e in tutto il mondo. Ma nessuno sa ancora che tipo di monarca re Carlo III – il titolo che ha preso, ponendo fine ad anni di speculazioni – diventerà.
Laddove molti dei suoi predecessori vedevano il ruolo del Principe di Galles come un biglietto per uno stile di vita da playboy e un reddito garantito, Charles è stato un professionista del ruolo. Voleva un’eredità, ma non voleva aspettare fino a diventare re. “Le sue preoccupazioni per le questioni sociali nella comunità e le questioni ecologiche erano tutte lì e tutto ciò che è successo è che è stato sempre più coinvolto e ha avuto il tempo per farlo“.

Dumfries House è Charles' dimora signorile vicino a Glasgow in Scozia.

Dumfries House è la maestosa dimora di Carlo vicino a Glasgow, in Scozia.
Carlo è stato il principe di Galles più longevo di sempre a causa della longevità del regno di sua madre.
Charles ha spesso lottato per contenere la sua passione per il suo lavoro, esprimendo le sue speranze e paure durante i discorsi nel corso degli anni e spesso suonando più come un attivista che come un monarca costituzionale in attesa. Ciò ha suscitato accuse di minacciare l’indipendenza e l’imparzialità della monarchia. Ad esempio, il nuovo sovrano parla di cambiamento climatico, di cui parla dal 1968. Da allora è diventato un problema mainstream e, per alcuni, politico. Charles è stato un importante sostenitore dell’Accordo di Parigi sul clima del 2015 e ha discusso l’argomento con Donald Trump davanti al tè nel dicembre 2019, mentre l’allora presidente si preparava a ritirare gli Stati Uniti dal patto.
Al World Economic Forum 2020 di Davos, in Svizzera, Charles ha pronunciato un potente discorso, chiedendo: “Vogliamo passare alla storia come le persone che non hanno fatto nulla per riportare il mondo dall’orlo del baratro in tempo per restaurare il saldo quando avremmo potuto fare? Non voglio“.
Nonostante le critiche sulla sua lotta per essere l’ecoguerriero dei reali, Charles ha continuato a essere un pioniere nelle questioni ambientali.
Charles era nel suo elemento al vertice COP26 di Glasgow nel novembre 2021, dove ha implorato i paesi di collaborare con le industrie per creare soluzioni ai cambiamenti climatici.
Sappiamo che ci vorranno trilioni, non miliardi, di dollari“, ha detto all’epoca. Il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità rappresentano una grande minaccia e il mondo deve combatterli.
Charles è stato schietto su tutta una serie di questioni delicate, dalle colture geneticamente modificate ai farmaci omeopatici e all’architettura. Lo ha reso una figura più divisiva rispetto a sua madre. La leggendaria capacità di Elisabetta di non offendere e alienarsi era più strategica di quanto molti pensino, ma Charles ha sempre insistito sul fatto che intende seguire il suo esempio e smettere di intromettersi quando salirà al trono.

Charles cammina a Cambridge nel 1967 quando ha iniziato il suo mandato al Trinity College.

Charles cammina a Cambridge nel 1967.
Charles ha passato tutta la vita a prepararsi a diventare sovrano e ha dimostrato senza ombra di dubbio che non è timido per il lavoro. William non ha mai avuto fretta di prendere la corona nel frattempo, preferendo costruire costantemente il suo portafoglio reale mentre si concentrava sulla sua giovane famiglia e sviluppando la propria serie di interessi e cause.
Carlo e William si sono incontrati personalmente e professionalmente quando il principe Harry ha rinunciato ai suoi doveri reali nel 2020, lasciando ai restanti reali senior un gruppo molto più compatto. La relazione tra il nuovo re e il suo erede sarà ora la chiave per la futura stabilità della monarchia, così come la dinamica tra il nuovo re e sua moglie.

Charles e William, raffigurati con il principe Harry nel 1997, si sono incontrati personalmente e professionalmente quando Harry si è ritirato dai suoi doveri reali nel 2020.

Charles e William, raffigurati con il principe Harry nel 1997.
Con Camilla saldamente al suo fianco, Carlo ora imprimerà il suo marchio sulla monarchia. Dopo decenni di attesa, non è solo capo di stato per il Regno Unito, ma anche per altre 14 nazioni tra cui Canada e Australia. Gli occhi del mondo sono su di lui mentre assume il mantello di Re.

Articoli più letti