La fiamma (quasi) eterna di Chestnut Ridge

Indice

di Oliver Melis

Negli Stati Uniti c’è una cascata che nasconde una misteriosa fiamma, praticamente inestinguibile.

Sappiamo che l’acqua spegne il fuoco ma, attraverso le acque di questa cascata questa cascata, si riesce a vedere una misteriosa fiamma che non smette mai di bruciare.

L’eternal flame, come è stata soprannominata, risplende tra le acque della cascata del Chestnut Ridge County Park, riserva naturale a sud di Buffalo, nello Stato di New York.
Secondo uno studio condotto all’Indiana University, la fiamma, alta trenta centimetri, brucia costantemente in quanto è posta sopra una grossa sacca di metano posta ad una profondità di 400 metri. Il metano, sotto pressione, produce alte temperature che hanno polverizzare le rocce sovrastanti, producendo delle fessure attraverso le quali filtra in superficie. Le alte temperature prodotte dal processo innescarono la fiamma che non si è più spenta.

Non è un fenomeno poi così raro, al mondo esistono migliaia di fiamme che ardono costantemente, ma la particolarità della fiamma di Chestnut Ridge sta nel fatto che nessun’altra fiamma  è posta all’interno di una cascata.

chestnut ridge

Il fenomeno è stato esaminato anche dai ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia italiano che ha riscontrato diverse particolarità, tra le quali la temperatura, mai incandescente, delle rocce da dove fuoriesce la fiamma.

Esistono molte leggende nate grazie all’esistenza a questo curioso fenomeno. La più conosciuta vuole che la fiamma rappresenti un antico spirito indiano: il territorio del Chestnut era popolato nell’antichità da diverse tribù, che col tempo furono eliminate dagli invasori europei. La leggenda racconta che l’ultimo rappresentante dell’ultima tribù la accese prima di morire, per lasciare una testimonianza indelebile della sua gente in quel territorio.

Fonti: Focus.it, La Stampa

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Dinastia Tang: rivoluzionario murale in tomba di 1200 anni

Nel 2018, durante dei lavori stradali nei pressi della...

Nano transparent screen: da 100 pollici sarà rivoluzionario

Nel mondo della tecnologia, l’innovazione non conosce limiti, e...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Articoli correlati

Popular Categories