La cometa interstellare 2I/Borisov trasporta acqua da oltre il nostro sistema solare

Nello spettro luminoso della cometa gli astronomi hanno osservato una linea di assorbimento coerente con la presenza di acqua.

1231

Le prove disponibili indicano che c’è molta acqua nell’universo, oltre il sistema solare. Rilevarla e studiarla, tuttavia, non è facile, a meno che l’acqua non venga da noi. Ora, su una cometa ha portato acqua da anni luce di distanza.

Secondo una nuova analisi effettuata sulla cometa interstellare 2I / Borisov, presentata a The Astrophysical Journal Letters e caricata sulla server di prestampa arXiv, la cometa interstellare sta degassando il vapore acqueo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo fatto fornisce agli astronomi informazioni sul nucleo della cometa, sugli elementi volatili di cui è composta e, grazie ai vari elementi che emette, anche sul sistema stellare da cui ha origine.

Le comete hanno una composizione volatile primitiva che si pensa rifletta le condizioni presenti nel disco protosolare della loro regione di formazione. Questo rende gli studi sui volatili cometari importanti per comprendere i processi fisici e chimici che si verificano durante la formazione dei pianeti“, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo, in attesa di peer review.

La scoperta della cometa interstellare 2I / Borisov offre l’opportunità di verificare la composizione volatile di una cometa inequivocabilmente originaria dal di fuori del nostro sistema solare, fornendo vincoli sulla fisica e sulla chimica di altri dischi protostellari.”

Abbiamo studiato molte comete del Sistema Solare, quindi abbiamo una discreta padronanza dei processi che accaddero durante la formazione dei nostri pianeti, ma i sistemi esoplanetari sono ancora un enorme mistero. E comprendere gli esopianeti potrebbe aiutarci a capire come emerge la vita nell’Universo.

Sappiamo che le comete del Sistema Solare sono di solito abbastanza ricche di acqua; infatti, pensiamo che molta dell’acqua presente sulla Terra vi sia arrivata trasportata da comete e asteroidi .

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Adam McKay ed i suoi colleghi del NASA Goddard Space Flight Center hanno effettuato osservazioni spettroscopiche della cometa interstellare per cercare di determinare quanta acqua trasporta. Usando lo strumento ARCES ad alta risoluzione montato sul telescopio Astrophysical Research Consortium (ARC) nel New Mexico, hanno preso due spettri con esposizioni di 1.800 secondi.

2I / Borisov non emette luce propria, ma è illuminata dal sole. Questi spettri spezzano la luce dalla cometa fino alle lunghezze d’onda costituenti. Poiché diversi elementi e composti emettono e assorbono specifiche lunghezze d’onda, ciò consente agli scienziati di capire la composizione chimica del gas attraverso il quale viene filtrata la luce.

Quindi, nei due spettri, il team ha osservato una linea di assorbimento coerente con la presenza di acqua. Sulla base della forza di questa linea, la cometa sublima circa 1,13 x 10 25 litri di acqua al secondo.

Il team ha quindi utilizzato un modello semplice per determinare che l’area attiva per l’emissione di acqua sulla cometa sia di 1,7 chilometri quadrati (0,65 miglia quadrate), una proporzione delle dimensioni della cometa coerente con le comete del Sistema Solare.

Altre analisi spettroscopiche condotte nei due mesi successivi alla scoperta della cometa hanno scoperto che 2I / Borisov emette anche cianuro e carbonio diatomico, altre due sostanze comuni nelle comete del sistema solare. Sulla base di tali analisi, il team ha affermato che le proporzioni in cui 2I / Borisov produce acqua, cianuro e carbonio biatomico sembrano anche molto simili a quelle delle comete del sistema solare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team è molto attento a sottolineare che i risultati ottenuti si basano su un modello e che sono necessarie ulteriori osservazioni per confermare i loro risultati… Comunque, finora, praticamente tutto punta verso una cometa davvero molto familiare.

E questo è incredibilmente bello – perché significa che le condizioni della formazione del nostro Sistema Solare non sono uniche. Il che, estrapolando ulteriormente, significa che potrebbero esserci molti altri pianeti come la Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ci sono meno di due mesi prima che 2I / Borisov raggiunga il perielio – il suo approccio più vicino al Sole – l’8 dicembre. Nel frattempo continuerà a diventare più luminosa, quindi gli astronomi hanno ancora tempo per scoprire nuove informazioni sul nostro incredibile visitatore interstellare.

Il documento può essere letto su arXiv .