La cometa 2I / Borisov sembra indicare che il nostro sistema solare non è particolarmente speciale

L'8 dicembre 2I / Borisov toccherà il punto della sua traiettoria più vicino al Sole, quindi inzierà ad allontanarsi per tornare verso il gelo dello spazio interstellare, verso la prossima stella.

540

Una cometa proveniente da un’altra stella toccherà il punto della sua traiettoria più vicino al nostro sole l’8 dicembre.

Conosciuta come 2I / Borisov, è la prima cometa ad essere riconosciuta come proveniente dallo spazio interstellare. Ma nonostante le sue origini aliene, gli astronomi sembrano trovarla piuttosto familiare.

2I / Borisov è una cometa molto simile a quelle che abbiamo nel nostro sistema solare“, afferma Michael Bannister, astronomo planetario della Queen’s University di Belfast. Qualunque sia il sistema planetario in cui si è formata, “è molto simile al nostro“.

2I / Borisov è stata avvistata per la prima volta da un astronomo dilettante di nome Gennady Borisov nello scorso agosto. Gli astronomi, poi, hanno rapidamente individuato e studiato a loro volta la cometa, stabilendo, per via della sua traiettoria, che non proviene dal nostro sistema solare. Molte comete del sistema solare si trovano nella cosiddetta Nube di Oort, una regione da 30 a 50 volte più lontana dal sole rispetto all’orbita terrestre. 2I / Borisov, indubbiamente, proviene dallo spazio profondo.

Ye Quanzhi, dell’Università del Maryland, è uno dei tanti astronomi che cercano di capire da dove proviene. Lui e i suoi colleghi stanno studiando la cometa, provando a seguirne a ritroso la traiettoria e quindi a capire quale sia l’ultima stella che ha visitato.

L’universo è grande, quindi possiamo solo speculare“, sostiene Ye.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Bannister afferma che 2I / Borisov probabilmente si è formata attorno a un’altra stella in un sistema molto, molto lontano.

Sebbene non sappiamo esattamente come si formano le comete, si pensa che derivino dalle stesse nuvole primordiali che formano pianeti e asteroidi, spiega Bannister.

Puoi pensare a [una cometa] come a una palla di ghiaccio polveroso o ad una palla di polvere ghiacciata“, dice. I sistemi stellari possono generare migliaia di miliardi di comete, alcune delle quali vengono espulse nello spazio profondo. Bannister afferma che Borisov è probabilmente uno di quei vagabondi.

Ma per qualcosa che ha viaggiato per, potenzialmente, eoni attraverso la galassia, questa cometa sembra avere lo stesso ghiaccio d’acqua e altri componenti chimici delle comete nate nel nostro sistema solare. “Ciò significa che c’è qualcosa di universale nell’universo“, commenta Ye.

Le stesse forze cosmiche che hanno formato il nostro sistema solare, e tutte le comete al suo interno, sembrano funzionare altrove. Certo, non c’è ancora modo di sapere se quelle forze hanno anche creato anche altri pianeti come la Terra, o altre forme di vita. In ogni caso, 2I / Borisov sembra suggerire che il nostro sistema solare probabilmente non è unico.

L’8 dicembre 2I / Borisov toccherà il punto della sua traiettoria più vicino al Sole, quindi inzierà ad allontanarsi per tornare verso il gelo dello spazio interstellare, verso la prossima stella.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se ne andrà“, dice Ye. “È come avere incontrato qualcuno ed essere abbastanza sicuri di non vederlo mai più“.

Anche se i nostri percorsi si sono incrociati solo brevemente, sembra che gli astronomi abbiano trovato qualcosa in comune con la cometa Borisov. “In questo momento c’è almeno una stella, da qualche parte nello spazio, in cui si svolge una chimica uguale a quella che avviene nel nostro sistema solare“, dice Bannister. “Ci sta dicendo che abbiamo una grande comunanza con tutto il resto della galassia“.

Fonte: NPR.com