La capsula Orion ha compiuto la sua missione

La capsula Orion della NASA è rientrata dal suo viaggio fino alla Luna ed oltre, paracadutandosi nel Pacifico al largo del Messico per concludere un volo di prova che dovrebbe spianare la strada agli astronauti che verranno impiegati nella missione Artemis 2 nel prossimo sorvolo lunare

150
La capsula Orion ha compiuto la sua missione
La capsula Orion ha compiuto la sua missione

La capsula Orion della NASA è rientrata dal suo viaggio fino alla Luna ed oltre, paracadutandosi nel Pacifico al largo del Messico per concludere un volo di prova che dovrebbe spianare la strada agli astronauti che verranno impiegati nella missione Artemis 2 nel prossimo sorvolo lunare.

La capsula, durante la sua fase di rientro, ha colpito l’atmosfera a Mach 32, o 32 volte la velocità del suono, e ha sopportato temperature esterne di 2.760 gradi Celsius prima di ammarare come previsto ad ovest della Baja California vicino all’isola di Guadalupe. Una nave della Marina degli Stati Uniti si è rapidamente avvicinata per recuperare il veicolo spaziale e i suoi occupanti silenziosi: tre manichini di prova attrezzati con sensori di vibrazione e monitor di radiazioni.

La NASA ha salutato la discesa e lo splashdown quasi perfetti.

Sono sopraffatto“, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson dal Mission Control di Houston. “Questo è un giorno straordinario… È storico perché ora stiamo tornando nello spazio, nello spazio profondo, con una nuova generazione di astronauti e mezzi“.

L’agenzia spaziale aveva bisogno di uno splashdown di successo per avviare l’iter del prossimo volo Orion intorno alla luna, attualmente previsto per il 2024. questa missione sarà svolta, finalmente dopo oltre 50 anni, da quattro astronauti in carne ed ossa. Se tutto andrà bene, Artemis 2 sarà seguita da una nuova missione che prevede l’atterraggio sulla Luna di due persone già nel 2025.

Gli astronauti sono atterrati per l’ultima volta sulla luna 50 anni fa. Dopo essere atterrati l’11 dicembre 1972, Eugene Cernan e Harrison Schmitt dell’Apollo 17 trascorsero tre giorni esplorando la valle Taurus-Littrow, il soggiorno più lungo dell’era Apollo. non sapevano che sarebbero stati gli ultimi dei 12 moonwalker che si erano succeduti nel breve periodo di 4 anni.

Orion è stata la prima capsula a visitare la luna da allora, lanciata sul nuovo mega razzo lunare della NASA dal Kennedy Space Center lo scorso 16 novembre. È stato il primo volo del nuovo programma lunare Artemis della NASA, che prende il nome dalla mitologica sorella gemella di Apollo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dalla Tranquility Base alla Taurus-Littrow fino alle tranquille acque del Pacifico, l’ultimo capitolo del viaggio della NASA verso la luna giunge al termine. Orion di nuovo sulla Terra“, ha annunciato il commentatore del Mission Control Rob Navias.

Mentre nessuno era sul volo di prova da 4 miliardi di dollari che si è appena concluso, i manager della NASA sono stati entusiasti di portare a termine questa prova generale, soprattutto dopo tanti anni di ritardi dei voli e budget ridotti. Perdite di carburante e uragani che hanno cospirato per provocare ulteriori rinvii alla fine dell’estate e in autunno.

In un ritorno al passato dell’Apollo, la NASA ha organizzato una festa per lo splashdown al Johnson Space Center di Houston, con i dipendenti e le loro famiglie che si sono riuniti per guardare la trasmissione del ritorno a casa di Orion. Accanto, al centro visitatori, si svolgeva una festa per il pubblico.

Riportare Orion intatto dopo il volo di 25 giorni era l’obiettivo principale della NASA. Con una velocità di ritorno di 40.000 km/h – notevolmente più veloce rispetto all’arrivo dall’orbita terrestre bassa – la capsula utilizzava un nuovo scudo termico avanzato mai testato prima nel volo spaziale. Per ridurre la gravità ed i carichi G, si è tuffato nell’atmosfera e ne è saltato fuori brevemente, aiutando anche a individuare l’area di atterraggio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tutto si è svolto in modo spettacolare, ha osservato Nelson. L’ammaraggio si è verificato a più di 482 chilometri a sud della zona bersaglio originale. Le previsioni che predicevano mare mosso e vento forte al largo della costa della California meridionale hanno spinto la NASA a cambiare posizione.

Orion ha percorso 2,25 milioni di chilometri mentre sfrecciava verso la Luna e poi percorreva un un’orbita ampia e in picchiata per quasi una settimana prima di tornare a casa. È arrivata due volte entro 130 chilometri dalla luna. Nel punto più lontano, la capsula si trovava a più di 430.000 chilometri dalla Terra.

Orion ha trasmesso splendide foto non solo della Luna grigia e bucherellata, ma anche della Terra stessa. Come inquadratura d’addio, la capsula ha rivelato una Terra crescente – Earthrise – che ha lasciato senza parole il team della missione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’astronomo Daniel Brown della Nottingham Trent University ha affermato che i numerosi risultati del volo illustrano la capacità della NASA di mettere gli astronauti sul prossimo lancio lunare di Artemis. L’agenzia spaziale prevede di annunciare l’equipaggio entro i prossimi sei mesi. Orion, nel frattempo, dovrebbe tornare al Kennedy entro la fine di questo dicembre per essere analizzata ed ispezioata in ogni sua parte.

Questa è stata l’emozionante fine di un viaggio straordinario e importante per la navicella spaziale Orion della NASA“, ha dichiarato Brown in una dichiarazione dall’Inghilterra.

La Luna non è mai stata così di moda. Poche ore prima di domenica, un veicolo spaziale è stato lanciato verso la Luna da Cape Canaveral. Il lander lunare appartiene a ispace, una società giapponese che intende sviluppare un’economia lassù. Due società statunitensi lanceranno altri lander lunari all’inizio del prossimo anno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---