C’è un grave limite nei progetti di SpaceX per una base lunare di rifornimento

La scelta di SpaceX di alimentare i nuovi motori Raptor che spingeranno la Starship a metano è, probabilmente, ottima quando si tratta di rifornirla di carburante su Marte, dove il carbonio per sintetizzare il metano è abbondante sotto forma di CO2, ma potrebbe rivelarsi non così vantaggiosa quando si tratterà di rifornire i serbatoi sulla Luna, dove di carbonio dovrebbe essercene molto poco e di non facile accesso.

825
Indice

Il CEO di SpaceX Elon Musk è ben consapevole di un  difetto potenzialmente fatale nel piano dell’azienda di creare una base lunare come stazione di rifornimento, ma è ancora fiducioso che sarà possibile trovare il carbonio necessario per creare carburante per la Starship.

La grande sfida per il rifornimento di carburante della nave stellare sulla Luna è trovare fonti di carbonio“, ha  twittato lunedì.


Già, perché la Starship, la grande astronave di SpaceX che dovrebbe entrare in servizio nel 2023, utilizza come propulsori i nuovi motori raptor alimentati a metano, al contrario dei razzi tradizionali che utilizzano una miscela di idrogeno ed ossigeno come carburante.

Mentre ci si aspetta di trovare sulla Luna abbastanza ghiaccio d’acqua da poter estrarre idrogeno ed ossigeno per i razzi tradizionali, le fonti di carbonio sulla Luna potrebbero essere più complicate da reperire.

Probabilmente alcuni depositi di carbonio piuttosto grandi potrebbero essere rintracciati nei crateri dei meteoriti. Lo stesso vale per l’idrogeno e l’ossigeno, che potrebbero essere identificati sotto forma di ghiaccio d’acqua nei crateri più profondi ed in ombra perenne“, Ha spiegato Elon Musk.

L’idea alla base di una stazione di rifornimento lunare è che consentirebbe a SpaceX di inviare la sua astronave nello spazio solo con il propellente sufficiente per raggiungere la Luna.

Ciò ridurrebbe il peso dell’astronave e, soprattutto, il costo di sollevare l’enorme astronave dall’immenso pozzo gravitazionale terrestre.

L’idea sarebbe, quindi, quella di rifornire la Starship di carburante sulla Luna per il ritorno sulla Terra – o per un volo su Marte o oltre – e trarre vantaggio dalla debole gravità lunare.

Tuttavia, il fisico planetario Phil Metzger avverte che raggiungere il carbonio sotto la superficie della Luna non sarà facile. Qui sulla Terra, per fondare una miniera, possono essere necessari 20 anni – e questo è sulla Terra“, ha recentemente dichiarato a The Verge.

Quindi, quando parliamo della creazione di una miniera sulla Luna, sappiamo che sarà difficile, soprattutto perché abbiamo meno comprensione della risorsa e non abbiamo esperienza nel fare operazioni di estrazione in quell’ambiente“.

SpaceX ha già dei piani per rifornire la Starship una volta in orbita attraverso una versione cargo della sua grande nave ma, certamente, trovare delle fonti di carbonio sulla Luna dove è già disponibile il ghiaccio da cui estrarre l’idrogeno per sintetizzare il metano, sarebbe più vantaggioso che dover mandare in orbita dalla Terra i cargo carichi di propellente.

È probabile che nella fase iniziale la Starship dovrà essere lanciata non a pieno carico per poter trasportare più carburante.