13.7 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeArcheologia e StoriaLa calcolatrice di Leonardo Da Vinci

La calcolatrice di Leonardo Da Vinci

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

di Oliver Melis

Leonardo da Vinci fu, indiscutibilmente un genio visionario capace di immaginare il futuro. Famosissimi sono i suoi disegni in cui, nei suoi codex, riportava i progetti di macchine meravigliose e decisamente fantascientifiche per il suo tempo. Così ci sono giunte le sue idee per realizzare macchine da guerra che somigliano ai moderni carriarmati o i suoi progetti sulle macchine volanti e molto altro ancora.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tra i tanti progetti tramandatici da Leonardo, alcuni non hanno una finalità ben chiara e questo ha lasciato spazio agli appassionati per sbizzarrire la fantasia sulle incredibili invenzioni del poliedrico scienziato ed artista italiano.

Per esempio, il folio 36v del Codice di Madrid di Leonardo da Vinci riporta dei disegni progettuali di un insieme di ingranaggi, costituito da numerose rotelle simili tra loro. La descrizione dell’uso cui sarebbe stato destinato lo strumento non è molto comprensibile ma, una ricostruzione degli anni ’60 effettuata da Roberto A. Guatelli, un ingegnere che lavorava per l’IBM allo scopo di creare repliche dei macchinari leonardeschi, identificherebbe il macchinario come una primitiva calcolatrice meccanica, inventata quasi 150 anni prima della “pascalina” di Blaise Pascal.

La replica costruita da Guatelli venne esposta ma subì moltissime critiche. Secondo i critici, la macchina originale non avrebbe mai potuto funzionare, perchè l’attrito provocato dai materiali in uso all’epoca sarebbe stato eccessivo. Probabilmente il marchingegno era solo un ingranaggio moltiplicatore.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Se si fosse trattato davvero del progetto per una calcolatrice sarebbe stato piuttosto incompleto: da nessuna parte è previsto un sistema di input per la macchina e le rotelle non sono numerate. Tuttavia, l’oggetto sembra facilmente convertibile in una calcolatrice, il che dimostra che Leonardo Da Vinci, consapevolmente o meno, andò davvero vicino ad inventare la prima macchina capace di effettuare calcoli.

Fonte: history-computer.com

Articoli più letti