8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeMedicinaIvermectina: perché un potenziale trattamento contro COVID-19 non è raccomandato per l'uso

Ivermectina: perché un potenziale trattamento contro COVID-19 non è raccomandato per l’uso

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Mentre la ricerca di trattamenti per COVID-19 continua, i risultati di una serie di studi hanno portato a cambiamenti nel consiglio su quali farmaci dare alle persone che soffrono della malattia.

L’Agenzia europea per i medicinali e il National Institutes of Health degli Stati Uniti hanno recentemente affermato che un trattamento precedentemente considerato promettente – il farmaco antiparassitario, l’ivermectina – non è raccomandato per l’uso nella gestione di routine dei pazienti COVID-19.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nonostante queste decisioni, su diversi media e social network si è rincorso un tam tam a supporto dell’ivermectina con molte voci di stampo cospirazionista sul blocco intenzionale del farmaco. Alcuni l’hanno soprannominato la “nuova idrossicolorochina“, dopo un trattamento che ha ricevuto una quantità significativa di supporto online ma che è risultato inefficace nei test contro COVID-19.

Allora, cos’è l’ivermectina e perché le agenzie nazionali si sono pronunciate contro di essa?

Cos’è l’ivermectina?

L’ivermectina è una molecola sviluppata per la prima volta negli anni ’70 da un batterio in un campione di terreno raccolto da boschi lungo un campo da golf giapponese (nessun’altra fonte è mai stata trovata).

Negli anni successivi, l’efficacia dell’ivermectina e dei suoi derivati ​​nel trattamento delle infezioni da vermi parassiti ha trasformato la medicina umana e veterinaria, portando a un premio Nobel per i suoi scopritori, William C Campbell e Satoshi Ömura .

Negli esseri umani, l’ivermectina è attualmente prescritta in compresse per il trattamento di alcune infezioni da ascaridi che causano malattie come la cecità fluviale. Può anche essere applicata come crema per controllare la comune condizione infiammatoria della pelle rosacea papulo-pustolosa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma l’ivermectina è più comunemente usata per le malattie parassitarie veterinarie, in particolare le infestazioni da vermi gastrointestinali. Di conseguenza, si tratta di un farmaco prontamente disponibile e relativamente poco costoso.

Poiché l’ivermectina è più ampiamente utilizzata nella medicina veterinaria rispetto alla medicina umana, tuttavia, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha ritenuto necessario emettere un avvertimento nell’aprile 2020 contro l’uso di preparati veterinari in pazienti umani con COVID-19.

Perché potrebbe essere usato per trattare COVID?

In che modo un farmaco utilizzato principalmente per il trattamento dei parassiti intestinali nelle mucche è diventato interessante per i medici che curano gli esseri umani con COVID-19?

All’inizio del 2020, è stato reso pubblico un documento (prima che fosse sottoposto a peer review) che mostrava come l’ivermectina sopprime la replicazione del virus SARS-CoV-2, che causa COVID-19, in condizioni di laboratorio. Questo è stato uno dei tanti studi che si sono succeduti negli ultimi 50 anni per dimostrare che questo farmaco antiparassitario potrebbe anche avere usi antivirali.

Sembrano esserci due modi chiave in cui il farmaco potrebbe prevenire la replicazione del coronavirus. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In primo luogo, potrebbe impedire al virus di sopprimere le risposte antivirali naturali delle nostre cellule. In secondo luogo, è possibile che il farmaco impedisca alla proteina “spike” sulla superficie del virus di legarsi ai recettori che gli consentono di entrare nelle nostre cellule. 

Insieme alle azioni antinfiammatorie evidenti dall’efficacia dell’ivermectina nella rosacea, queste possono indicare effetti utili in una malattia virale che causa un’infiammazione significativa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questi risultati iniziali sono stati utilizzati come base di numerose raccomandazioni per l’uso di ivermectina per il trattamento di COVID-19, in particolare in America Latina, che sono state successivamente ritirate.

Perché è controverso?

Da allora, ci sono stati numerosi studi sull’ivermectina come potenziale trattamento per COVID-19.

Alla fine del 2020, un gruppo di ricerca in India è stato in grado di riassumere i risultati di quattro piccoli studi sull’ivermectina come trattamento aggiuntivo nei pazienti COVID-19. Questa revisione ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza tra i pazienti che hanno ricevuto ivermectina in aggiunta ad altri trattamenti.

Ma gli autori hanno affermato chiaramente che la qualità delle prove era bassa e che i risultati dello studio dovrebbero essere considerati con cautela. Come spesso accade per le revisioni di piccoli studi, l’idea generale è che siano necessari ulteriori studi su campioni più ampi per determinare se il farmaco antiparassitario sia effettivamente clinicamente efficace.

Successivamente è scoppiata una controversia su un articolo della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance, in cui un gruppo di medici e ricercatori ha fatto pressioni per l’uso dell’ivermectina.

Questo articolo, che riassume diversi piccoli studi sugli effetti dell’ivermectina sui pazienti COVID-19, è stato provvisoriamente accettato per la pubblicazione sulla rivista Frontiers in Pharmacology nel gennaio 2021, ma poi respinto e rimosso dal sito web della rivista a marzo. L’editore della rivista ha dichiarato che lo standard di evidenza nel documento era insufficiente e che gli autori stavano promuovendo in modo inappropriato il proprio trattamento a base di ivermectina.

Uno studio clinico randomizzato più ampio è stato pubblicato nel marzo 2021. Lo studio in questione non ha mostrato alcun effetto dell’ivermectina sulla durata dei sintomi degli adulti con COVID-19 lieve. Gli autori hanno affermato che i risultati non supportano l’uso di ivermectina in questi pazienti, ma hanno nuovamente sottolineato che sono necessari studi più ampi per determinare se il farmaco abbia altri benefici.

Perché non è consigliato?

Mentre alcuni altri studi sembrano mostrare i benefici dell’ivermectina, molti no. Questi sono stati riassunti dal National Institutes of Health, mostrando gravi limitazioni derivanti da campioni di piccole dimensioni e problemi con la progettazione dello studio.

Sia il National Institutes of Health che l’Agenzia europea per i medicinali hanno ritenuto, sulla base di questi studi, che attualmente non vi siano prove sufficienti per supportare l’uso di questo farmaco nel trattamento del COVID-19.

Sono in corso ulteriori studi. A febbraio è iniziato un ampio studio multicentrico per determinare l’efficacia dell’ivermectina, della metformina (un farmaco antidiabetico) e della fluvoxamina (un antidepressivo) nel prevenire la progressione della malattia da COVID-19.

Sarebbe quindi prematuro concludere in modo assoluto che l’ivermectina non ha posto nel trattamento con COVID-19. Sulla base delle prove attuali, tuttavia, il suo utilizzo non può essere raccomandato.

Seguici sul nostro canale Telegram

Articoli più letti